Cogenpower: 100 milioni da investire nel teleriscaldamento

Passata la paura, Congepower ora è pronta a investire pesantemente sul teleriscaldamento. La società, specializzata nei servizi energetici integrati e che ha realizzato e gestisce il teleriscaldamento di Borgaro Torinese (Torino), lo scorso anno era dovuta ricorrere alla procedura di concordato preventivo, dopo aver perso davanti al Tar del Lazio una causa che si trascinava da anni con il GSE (Gestore dei Servizi Energetici). Al centro della vicenda la restituzione di un milione di euro per incentivi statali non spettanti, che il tribunale amministrativo ha risolto in favore del GSE, con una sentenza verso la quale l’azienda ha presentato ricorso al Consiglio di Stato.

Una vicenda che ha creato non pochi grattacapi all’azienda, che ha però saputo uscirne addirittura rafforzata. Nel frattempo, è infatti nato il Gruppo CogenInfra, costituito da tre società: la capogruppo CogenInfra Spa, nel quale è entrato un investitore internazionale, un fondo infrastrutturale lussemburghese, e le sue controllate al 100%, Cogenpower Borgaro, proprietaria e gestore del sistema di teleriscadamento di Borgaro, e CogenSave, che invece si occupa di efficienza energetica.

Una nuova struttura che dà più solidità al gruppo, grazie all’ingresso del fondo di investimento, che investe il denaro dei suoi clienti, ma anche risorse della Banca Europea per gli Investimenti (BEI), in infrastrutture, con una particolare attenzione all’ambiente e ai bisogni delle comunità locali, in perfetta sintonia con lo spirito con il quale era nata l’azienda nel 2004. Con il valore aggiunto di poter portare avanti progetti con proprie risorse, quindi senza dover ricorrere al credito bancario.

Non a caso, il fondo ha già messo a disposizione del gruppo 100 milioni di euro da destinare a progetti di efficienza energetica e all’acquisto di reti di teleriscaldamento. Il primo di tali progetti riguarda proprio il comune della cintura torinese, dove la società gestisce la rete di teleriscaldamento alimentata dalla centrale di cogenerazione Anaconda. Progetto rivolto a tutti i condomini con l’obiettivo di renderli più efficienti attraverso interventi di isolamento termico.


Leggi anche

La società veneta, specializzata nella produzione di energia da biomasse, ha acquistato da Engie il sistema di teleriscaldamento a servizio di Sellero, Novelle e Cedegolo, in provincia di Brescia. Il sistema è costituito da una centrale di cogenerazione alimentata con legno vergine da filiera corta e da una rete che si estende per 21 chilometri…

Leggi tutto…

La Scuola Orsolina28 è un luogo dedicato alla danza e alla gioia e libertà che la danza trasmette. Tutto è organizzato per vivere un’esperienza di condivisione a contatto con la natura: il Glamping interno alla tenuta è un’“accomodation” dotato di tende geodetiche permanenti con tutti i comfort. Ogni tenda ha a disposizione un bagno con wc, lavabo, doccia, acqua calda e sistema di riscaldamento….

Leggi tutto…

Grazie all’accordo tra le due società, dal 2021 il 30% dell’energia termica che alimenta la rete a servizio nel comune della provincia di Milano proverrà dall’impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di BEA a Desio. Lo sviluppo del servizio prevede un investimento congiunto di 5 milioni di euro e comporta la realizzazione di un’interconnessione di circa 1 km dalla rete di BEA alla centrale ENGIE. Garantirà un ulteriore abbattimento delle emissioni inquinanti del 30%…

Leggi tutto…

La società ha acquisito la partecipazione residua del precedente gestore Giemme Gestione Multiservice, e ora è il gestore unico del servizio nel comune lombardo. La rete di teleriscaldamento di Cinisello serve 18.000 abitanti, fornendo circa 50 GWh termici all’anno, garantendo una riduzione di oltre il 25% di emissioni di CO2 e NOx rispetto alle tradizionali caldaie…

Leggi tutto…

Pubblicata la gara per la costruzione di una rete di teleriscaldamento a servizio della città lombarda e dei comuni limitrofi di Valmadrera e Malgrate. Il bando, del valore complessivo di 80 milioni di euro, oltre alla posa delle condotte, include anche la realizzazione di una centrale alimentata a fonti rinnovabili, a fronte della concessione del servizio per 35 anni. Il 15 aprile ultimo giorno per presentare la candidatura…

Leggi tutto…