Cogenpower: 100 milioni da investire nel teleriscaldamento

Passata la paura, Congepower ora è pronta a investire pesantemente sul teleriscaldamento. La società, specializzata nei servizi energetici integrati e che ha realizzato e gestisce il teleriscaldamento di Borgaro Torinese (Torino), lo scorso anno era dovuta ricorrere alla procedura di concordato preventivo, dopo aver perso davanti al Tar del Lazio una causa che si trascinava da anni con il GSE (Gestore dei Servizi Energetici). Al centro della vicenda la restituzione di un milione di euro per incentivi statali non spettanti, che il tribunale amministrativo ha risolto in favore del GSE, con una sentenza verso la quale l’azienda ha presentato ricorso al Consiglio di Stato.

Una vicenda che ha creato non pochi grattacapi all’azienda, che ha però saputo uscirne addirittura rafforzata. Nel frattempo, è infatti nato il Gruppo CogenInfra, costituito da tre società: la capogruppo CogenInfra Spa, nel quale è entrato un investitore internazionale, un fondo infrastrutturale lussemburghese, e le sue controllate al 100%, Cogenpower Borgaro, proprietaria e gestore del sistema di teleriscadamento di Borgaro, e CogenSave, che invece si occupa di efficienza energetica.

Una nuova struttura che dà più solidità al gruppo, grazie all’ingresso del fondo di investimento, che investe il denaro dei suoi clienti, ma anche risorse della Banca Europea per gli Investimenti (BEI), in infrastrutture, con una particolare attenzione all’ambiente e ai bisogni delle comunità locali, in perfetta sintonia con lo spirito con il quale era nata l’azienda nel 2004. Con il valore aggiunto di poter portare avanti progetti con proprie risorse, quindi senza dover ricorrere al credito bancario.

Non a caso, il fondo ha già messo a disposizione del gruppo 100 milioni di euro da destinare a progetti di efficienza energetica e all’acquisto di reti di teleriscaldamento. Il primo di tali progetti riguarda proprio il comune della cintura torinese, dove la società gestisce la rete di teleriscaldamento alimentata dalla centrale di cogenerazione Anaconda. Progetto rivolto a tutti i condomini con l’obiettivo di renderli più efficienti attraverso interventi di isolamento termico.


Leggi anche

Attraverso Iren Ambiente, il Gruppo ha rilevato San Germano, con sede a Pianezza e specializzata nella raccolta, trasporto rifiuti e igiene del suolo, e la sua controllata CMT, attiva nella raccolta, trattamento e smaltimento di carta, cartone e plastica, dal Gruppo Derichebourg. Due acquisizioni strategiche che rafforzano la presenza di Iren in due sue regioni di riferimento, Piemonte ed Emilia-Romagna, e ne estendono le attività alla Sardegna …

Leggi tutto…

È entrato in funzione il sistema di teleriscaldamento solare a servizio della città di Langkazi, che sorge a oltre 4600 metri di altezza sull’altipiano del Tibet. A realizzare il sistema Arcon-Sunmark Large-Scale Solar Systems Integration, joint-venture tra la cinese Jiangsu Sunrain e la danese Arcon-Sunmark, che ha completato l’opera in 9 mesi …

Leggi tutto…

Entrato in esercizio il cogeneratore che produce energia termica ed elettrica dal biogas generato dal trattamento dei fanghi di depurazione. L’energia ottenuta dall’impianto, che ha una potenza termica di 528 KWT e una potenza elettrica di 404 KWE, viene poi interamente utilizzata per alimentare il processo dei reflui, abbattendo i costi energetici dell’azienda…

Leggi tutto…

I consigli di amministrazione delle due realtà hanno approvato il progetto di fusione che vedrà l’incorporazione in Ascopiave della società che gestisce la distribuzione gas in 32 comuni della provincia di Bergamo. L’operazione, che sarà conclusa entro il primo semestre di quest’anno, consolida la presenza del Gruppo Ascopiave in Lombardia …

Leggi tutto…

L’azienda del Gruppo Maggioli ha siglato con Vodafone un accordo che prevede il completamento della copertura della nuova rete cellulare NB-IoT su tutto il territorio nazionale. Il sistema, denominato SMAQ, in corso di installazione in alcuni zone della provincia ovest di Milano e nella provincia di Roma, consentirà ai gestori delle reti idriche di adempiere a quanto ARERA ha imposto per ottimizzare il servizio in termini di trasparenza verso il consumatore e risparmio della risorsa idrica…

Leggi tutto…