Cogenpower: 100 milioni da investire nel teleriscaldamento

Passata la paura, Congepower ora è pronta a investire pesantemente sul teleriscaldamento. La società, specializzata nei servizi energetici integrati e che ha realizzato e gestisce il teleriscaldamento di Borgaro Torinese (Torino), lo scorso anno era dovuta ricorrere alla procedura di concordato preventivo, dopo aver perso davanti al Tar del Lazio una causa che si trascinava da anni con il GSE (Gestore dei Servizi Energetici). Al centro della vicenda la restituzione di un milione di euro per incentivi statali non spettanti, che il tribunale amministrativo ha risolto in favore del GSE, con una sentenza verso la quale l’azienda ha presentato ricorso al Consiglio di Stato.

Una vicenda che ha creato non pochi grattacapi all’azienda, che ha però saputo uscirne addirittura rafforzata. Nel frattempo, è infatti nato il Gruppo CogenInfra, costituito da tre società: la capogruppo CogenInfra Spa, nel quale è entrato un investitore internazionale, un fondo infrastrutturale lussemburghese, e le sue controllate al 100%, Cogenpower Borgaro, proprietaria e gestore del sistema di teleriscadamento di Borgaro, e CogenSave, che invece si occupa di efficienza energetica.

Una nuova struttura che dà più solidità al gruppo, grazie all’ingresso del fondo di investimento, che investe il denaro dei suoi clienti, ma anche risorse della Banca Europea per gli Investimenti (BEI), in infrastrutture, con una particolare attenzione all’ambiente e ai bisogni delle comunità locali, in perfetta sintonia con lo spirito con il quale era nata l’azienda nel 2004. Con il valore aggiunto di poter portare avanti progetti con proprie risorse, quindi senza dover ricorrere al credito bancario.

Non a caso, il fondo ha già messo a disposizione del gruppo 100 milioni di euro da destinare a progetti di efficienza energetica e all’acquisto di reti di teleriscaldamento. Il primo di tali progetti riguarda proprio il comune della cintura torinese, dove la società gestisce la rete di teleriscaldamento alimentata dalla centrale di cogenerazione Anaconda. Progetto rivolto a tutti i condomini con l’obiettivo di renderli più efficienti attraverso interventi di isolamento termico.


Leggi anche

Il gruppo rafforza la sua posizione in Piemonte perfezionando l’acquisizione di due società attive nella produzione e distribuzione di calore da fonti rinnovabili. Si tratta di A.En.B e della sua controllata A.En.W., che producono e distribuiscono calore generato da biomassa legnosa al comune di Busca, e di Vernante Nuova Energia, che gestisce il sistema, alimentato a cippato, a servizio del quartiere di Borgo San Giuseppe di Cuneo…

Leggi tutto…

Telenergia ha dato il via alla costruzione della prima delle due centrali di cogenerazione previste nell’ambizioso piano che nel giro di 6 anni estenderà il servizio a tutta la città. La centrale sorgerà nella zona sud, nello specifico nel quartiere Europa, dove da giugno partirà anche il primo cantiere per la posa della rete di distribuzione del calore…

Leggi tutto…

L’articolo 21 della legge 37/2019 cancella la proroga degli incentivi agli impianti, cessati o in via di cessazione, concessa dalla legge di stabilità 2016. Una misura che colpisce l’economia di montagna secondo Fiper, non distinguendo tra centrali dedicate alla sola produzione di elettricità da biomasse importate e i sistemi virtuosi di cogenerazione abbinata al teleriscaldamento alimentati da biomasse legnose provenienti dalla pulizia dei boschi presenti nello stesso territorio …

Leggi tutto…

Aperto il cantiere per la realizzazione del primo dei tre lotti della rete di distribuzione del calore a servizio del centro storico del comune dell’Amiata. L’infrastruttura, di proprietà del Comune, sarà gestita da GES (Geo Energy Service) e fornirà calore pulito proveniente dal campo geotermico di Enel Green Power a circa 1100 utenze, per un totale di oltre 4000 abitanti …

Leggi tutto…

Nell’ambito dell’estensione della rete a servizio del capoluogo altoatesino la società ha concluso un nuovo tratto che ha consentito di collegare l’ospedale cittadino all’infrastruttura di distribuzione del calore. Con una fornitura di 8.300 MWh di energia, sarà il maggiore utente di energia termica e il suo collegamento consentirà di evitare più di 1.500 tonnellate di emissioni di CO2 all’anno…

Leggi tutto…