Lavori teleriscaldamento Comocalor

Comocalor riqualifica la rete di teleriscaldamento di Como

Iniziati i lavori di efficientamento della rete di teleriscaldamento a servizio di Como. Lavori parte di un piano straordinario di interventi messo in campo da Comocalor, la società che gestisce il servizio, per risolvere una serie di problemi che interessano l’infrastruttura, che comincia a risentire dei suoi 30 anni di età.

La rete fu infatti realizzata a partire dagli anni Novanta, e attualmente si sviluppa nella zona sud della città del Lago, nei quartieri di Camerlata, Muggiò, Rebbio, Breccia e Albate. La sua lunghezza complessiva è di 18 chilometri, mentre sono più di 140 i comuni serviti, oltre a diversi edifici pubblici, quali il Poliambulatorio S. Anna, la piscina comunale di Muggiò, diverse scuole e impianti sportivi.

Supportato da un investimento di oltre 2,5 milioni di euro, il piano di manutenzione straordinaria è stato suddiviso in tre diverse fasi, tutte da realizzare prima dell’inizio della nuova stagione termica, in modo da concentrare le opere nei mesi estivi, quando l’impatto dei lavori sulla circolazione stradale è molto ridotto e non si rischia di creare gravi disagi alle utenze private della fornitura di calore.

Il piano di riqualificazione prevede la sostituzione delle tubazioni nei punti chiave della rete o in quelli tecnicamente o logisticamente più complessi. Già cominciata la prima fase, con la sostituzione integrale di 400 metri di condotte in via Muggiò.

Ovviamente, i lavori vengono eseguiti sospendendo la fornitura di acqua calda. Per ovviare al problema, Comocalor ha messo a disposizione dei condomini apparecchiature che permettano la produzione alternative del calore, attrezzature acquisite e messe a disposizione a spese della società, ma la gestione delle quali è affidata ai condomini stessi.

Gli interventi hanno come obiettivo di garantire efficienza e continuità di prestazione ai cittadini, anche nel futuro, e tutelare e valorizzare un asset che è una grande risorsa per la città che, anche grazie alla presenza del termovalorizzatore, può contare su una sorgente a energia rinnovabile della rete: l’energia termica ottenuta dal recupero di calore della combustione dei rifiuti urbani, che altrimenti andrebbe dispersa inutilmente nell’ambiente.


Leggi anche

Airu Superbonus Decreto Rilancio

In una lettera inviata al governo, l’associazione chiede di rivedere l’articolo 119 del Decreto Rilancio in discussione alla Camera, che riconosce l’incentivo fiscale previsto per gli interventi di efficienza energetica solo ad alcuni comuni montani che si allacciano alla rete di teleriscaldamento. Ne sarebbero escluse le città, proprio le aree dove il teleriscaldamento efficiente può dare il maggior contributo ad abbattere le emissioni climalteranti e favorire la transizione energetica…

Leggi tutto…

Taglio paglia di riso per teleriscaldamento Gal Risorsa Lomellina

Sfruttare un sottoprodotto della filiera del riso per teleriscaldare gli edifici pubblici. È l’idea della società, costituita da enti pubblici, aziende private e associazioni della Lomellina, per aiutare i comuni a spendere meno e gli agricoltori ad aumentare gli incassi valorizzando una fonte rinnovabile a km zero. Progetto sostenuto con un bando, in scadenza il 6 luglio, che copre fino al 90% delle spese per la progettazione e realizzazione dell’infrastruttura …

Leggi tutto…

Il primo di una serie di incontri digitali su temi caldi del settore dei sottoservizi.

 
Gestione da remoto e automazione sono temi dibattuti da lungo tempo e ogni realtà li ha affrontati e applicati fino ad oggi con diversi livelli di impegno e di interesse. Ma la situazione attuale richiede, giocoforza, un’attenzione maggiore verso il futuro imponendo un passo accelerato di evoluzione.

Leggi tutto…

investimenti

Gli investimenti in infrastrutture crescono del 13% rispetto al 2018, EBITDA a quota 109 milioni. Il gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano registra un anno da record che gli ha consentito di scendere in campo per fronteggiare la crisi economica supportando territorio e stakeholder. Sensibilità, Resilienza e Innovazione i punti cardine grazie ai quali l’azienda realizzerà una vera e propria rivoluzione green nel territorio puntando su economia circolare, innovazione, ricerca scientifica e digitalizzazione…

Leggi tutto…

Linea Group Holding

La società, attiva nei comparti energia e ambiente nelle province del Sud Lombardia, ha presentato il nuovo Piano industriale al 2024. Al centro lo sviluppo di iniziative nel campo dell’economia circolare e dell’efficienza energetica, con l’obiettivo di porsi sempre più come una utility green. Altri filoni di sviluppo il potenziamento delle sinergie con A2A e nuove aggregazioni e acquisizioni sul territorio…

Leggi tutto…