Comune, Open Fiber e A2A presentano il piano per Brescia digitale

Oltre 16 milioni di investimento per portare la fibra ottica, con una velocità di connessione di 1 Gigabit per secondo, a più di 70.000 unità immobiliari. È quanto prevede l’accordo siglato tra A2A Smart City con Open Fiber per fare di Brescia una città sempre più smart, connessa e veloce.

I lavori per la creazione della rete in fibra ottica FTTH (Fiber To The Home) nella città lombarda sono iniziati, per una prima fase sperimentale, lo scorso anno e saranno completati durante quest’anno: ad oggi sono state predisposte circa 30.000 UI, con previsione termine lavori entro quest’anno. Sempre lo scorso anno è stata completata la costruzione delle due centrali (POP) che alimentano la rete di Open Fiber, mentre dei 12 anelli progettati sulla città attualmente ve ne seno 7 in lavorazione. Per la conclusione del progetto sono stimati circa 5.000 interventi complessivi, suddivisi tra infrastrutture e adduzioni agli edifici e posa pozzetti, mentre sono stati già realizzati gli interventi necessari a collegare la rete FTTH della città con la rete nazionale di trasporto per garantire i servizi.

A permettere di procedere in modo rapido con i cantieri, proprio la collaborazione tra le due realtà, che ha permesso a Open Fiber di avvalersi dello specifico e consolidato approccio attuato nelle città nelle quali il Gruppo A2A possiede o gestisce importanti reti di servizi di pubblico interesse, comprese le reti di telecomunicazioni. In tutti questi casi A2A Smart City si pone come gestore unificato delle infrastrutture fisiche per le telecomunicazioni (tubazioni, pozzetti e in qualche caso infrastrutture aeree), promuovendone un utilizzo coordinato e ottimizzato. In questo modo, da un lato si riducono i disagi per la popolazione dovuti ai lavori, dall’altro si aumenta la velocità delle realizzazioni, grazie al riutilizzo dell’infrastruttura esistente. Infine, elemento non trascurabile, si può anche limitare l’impatto estetico delle nuove realizzazioni sull’ambiente urbano.

Il progetto FTTH consentirà inoltre ad A2A Smart City un’accelerazione dei progetti avviati in città in collaborazione con l’amministrazione comunale: tra questi, il progetto “Scuola 2.0”, finalizzato a rendere le scuole luoghi più sicuri e dotarle, oltre alla già esistente connettività, anche di sistemi per il controllo e la manutenzione di attrezzature, quali impianti antincendio, elettrici, il monitoraggio degli impianti di riscaldamento.


Leggi anche

Le risorse fanno parte di un nuovo programma adottato dalla Commissione Europea nell’ambito della politica di coesione. Sono destinate a sostenere lo sviluppo dell’infrastruttura a banda ultra larga nelle aree bianche e ne beneficeranno oltre 7.000 comuni italiani, per un totale di 12,5 milioni di abitanti, il 20% della popolazione italiana…

Leggi tutto…

Internet of Things e i processi di monitoraggio evoluto degli impianti di trasmissione dell’energia per un controllo della rete sempre più evoluto e dinamico, focus della prima delle piattaforme dedicate all’innovazione che la società avvierà nelle sue sedi territoriali. Il progetto è parte del piano di digitalizzazione nel quale Terna investirà 700 milioni di euro nei prossimi 5 anni….

Leggi tutto…

Il bando, che Open Fiber si è aggiudicato, riguarda lo sviluppo della banda ultralarga nelle aree a fallimento di mercato in Puglia, Calabria e Sardegna. Il contratto prevede la costruzione e la gestione per 20 anni dell’infrastruttura pubblica che collegherà 317.000 unità immobiliari in 959 comuni per oltre 400.000 cittadini interessati, con un investimento pubblico di 103 milioni di euro…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato da Idate e presentato alla FTTH Conference 2019 sottolinea come il nostro Paese abbia registrato il maggior tasso di crescita delle connessioni in modalità FTTH-FTTB in Europa, con il numero delle unità immobiliari passato da 4,4 a 6,3 milioni da settembre 2017 allo stesso mese del 2018. Un incremento del 43,1% a fronte di una media continentale del 15,7% …

Leggi tutto…

La società di Enel e Cassa depositi e prestiti ha scelto Nokia come partner per la fornitura dei servizi Gigabit nei clusters C e D e per spianare la strada ai futuri sviluppi e alle opportunità offerte dalle tecnologie banda ultra-larga. Le soluzioni della società finlandese consentono infatti di offrire connessioni fino a 10 Gigabit al secondo e nel futuro fino a 40 Gbps…

Leggi tutto…