Con il SAVEC acqua di qualità alle utenze del Polesine

I cittadini del Veneto sud-orientale fruiranno a breve di acqua di maggior qualità. Veneto Acque, la società regionale, ha infatti trasferito ad acquevenete parte della rete dell’acquedotto SAVEC, lo Schema Acquedottistico del Veneto Centrale. Un’infrastruttura strategica, realizzata dalla stessa società regionale in collaborazione con i gestori Etra, Veritas e acquevenete. Completata quasi interamente nel corso dello scorso anno con un investimento di 170 milioni di euro, è composta da:

  • 150 km di tubazioni che si sviluppano nei territori di Padova, Rovigo e Vicenza
  • nuovi pozzi di prelievo per 950 litri/secondo
  • nuovi serbatoi di accumulo capaci di contenere 7.000 metri cubi.
Le acquisizioni di acquevenete

Acquevenete ha acquisito il 50% del campo pozzi di Camazzole, in comproprietà con Etra. Ha inoltre acquisito il 100% della condotta adduttrice Vigonza – Cavarzere – Cavanella, per un importo di circa 25 milioni di euro.

E proprio il campo pozzi, che sorge nel territorio di Carmignano di Brenta (in provincia di Padova) permetterà di rifornire di acqua potabile di ottima qualità le aree orientali delle province di Padova, Rovigo e Venezia. A beneficiarne saranno circa 600.000 persone che attualmente vengono serviti con acqua attinta dal Po e dall’Adige, di qualità organoletticamente inferiore e con costi di potabilizzazione elevati.

I benefici del progetto

Grazie a questa nuova fonte, acquevenete dismetterà i prelievi dal Po. L’acqua del Po è esposta al rischio di contaminazioni e inquinamenti e la sua sostituzione era stata messa in cima alla lista delle priorità da parte della società. Ma non solo. La concessione di derivazione idrica, in compartecipazione, ottenuta dall’azienda consentirà anche di aumentare il grado di ridondanza del sistema in caso di criticità che dovessero verificarsi negli attingimenti dell’Adige.

Comuni che trarranno vantaggio dal progetto

A beneficiare da subito dell’acqua pedemontana – attraverso i nodi idraulici già attivi di Cavarzere, Martinelle e Cavanella D’Adige – saranno i comuni di:

  • Cavarzere, in provincia di Venezia
  • Adria, Rosolina, Porto Viro, Loreo e Pettorazza, in provincia di Rovigo

A seguire, grazie a nuove opere di collegamento, nel prossimo quinquennio saranno raggiunti dall’acqua del SAVEC anche:

  • i comuni di Corbola, Taglio di Po, Ariano, Porto Tolle, Papozze, Crespino, Gavello, Villanova Marchesana, Guarda Veneta, in provincia di Rovigo
  • altri comuni della Bassa Padovana

Acquevenete ha infatti previsto investimenti per la realizzazione di opere per l’utilizzo del SAVEC nell’ATO Polesine per 15 milioni nel medio periodo e per circa 10 milioni per l’ATO Bacchiglione, che copre il territorio padovano.

Piergiorgio Cortelazzo, Presidente di acquevenete:

«È un momento di svolta per l’assetto della distribuzione idrica nel nostro territorio. Abbiamo raggiunto un grandissimo traguardo per la nostra Regione, all’insegna di una importante solidarietà tra territori. Il frutto di un lavoro di oltre 10 anni e di una stretta e proficua collaborazione tra i gestori e tra Consigli di Bacino».

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

Imponente il volume di risorse previsto dal nuovo piano di investimenti 2020-2023 del gestore idrico pugliese per rendere più efficiente e sostenibile il servizio e proseguire il percorso di crescita della società. Quasi la metà della spesa è destinata al potenziamento e adeguamento degli impianti di depurazione, saranno oltre 100 quelli sui quali si interverrà, ma un’altra fetta rilevante andrà alla sostituzione delle reti per ridurre le perdite….

Leggi tutto…

Le opere, del valore di 2,3 milioni, interessano la frazione di Monticello del comune vicentino, dove si provvederà alla separazione della rete fognaria, con la costruzione di una nuova infrastruttura per le acque nere, eliminando lo scarico diretto dei reflui nel fiume Tribollo. Saranno anche sostitute diverse tratte di rete idrica, per porre fine alle perdite di acqua. Approfittando dei lavori, SAR effettuerà la manutenzione della rete gas, per una spesa di un altro milione …

Leggi tutto…

La ricerca delle perdite idriche, la loro conoscenza e la riduzione delle stesse è uno dei principali obiettivi di un gestore del servizio idrico. Un elemento fondamentale è il monitoraggio delle reti nelle sue varie componenti. Oggi sono molto diffusi i contatori elettronici che tengono sotto controllo i consumi dell’utente, ci sono sistemi per il monitoraggio dei distretti, delle adduzioni e per fare il bilancio idrico di una determinata area. …

Leggi tutto…

È la soluzione sostenibile sulla quale punta il gestore idrico della provincia di Monza e Brianza per fornire acqua, non idonea al consumo umano, per irrigare le aree green sportive, senza sprecare preziosa risorsa potabile. Dopo i primi due impianti realizzati è stato messo a punto un programma di interventi per la costruzione di 20 nuovi pozzi, con un investimento di 2 milioni di euro garantito dall’ATO Monza e Brianza….

Leggi tutto…

È quanto prevede il piano di investimenti 2020-2023, approvato alla fine dello scorso anno dall’Assemblea dei Soci del gestore del ciclo idrico della provincia di Cremona. Gli investimenti riguarderanno tutte le aree del sistema idrico in tutto il territorio provinciale: il 28% verrà utilizzato per la depurazione, il 32% nell’acquedotto, il 33% nella fognatura e il 7% in investimenti generali. …

Leggi tutto…