Con la fibra di Open Fiber Palermo è la città più cablata del Mediterraneo

90 milioni di euro investiti, un picco di 40 cantieri al giorno con la presenza di 300 tra operai specializzati, tecnici e professionisti e ben 2.800 chilometri di fibra ottica stesi. Sono i numeri dei lavori eseguiti da Open Fiber per dotare Palermo di un’infrastruttura a banda ultralarga.

Lavori che la società ha completato con 5 mesi di anticipo rispetto al programma, raggiungendo con la fibra ottica in modalità FTTH (Fiber to the home) oltre 224.000 unità immobiliari, garantendo una velocità di connessione a cittadini, imprese e pubblica amministrazione di 1 Gigabit al secondo. Numeri che fanno del capoluogo siciliano la città più cablata del Mediterraneo.

I lavori sono stati effettuati privilegiando le modalità di esecuzione meno invasive e a minor impatto ambientale: il 91% della posa è stato eseguito con la tecnica della minitrincea, che prevede un taglio su strada largo 10 centimetri e profondo 35 subito ricoperto con malta cementizia. Trascorso il tempo necessario all’assestamento, si procede al ripristino definitivo con scarifica e posa dell’asfalto a caldo.

«Palermo è una delle prime città ad essere state avviate nell’ambito del Piano di Open Fiber per la realizzazione di una rete nazionale di telecomunicazione nei 271 principali centri urbani del Paese – ha dichiarato l’amministratore delegato di Open Fiber, Elisabetta Ripa -. Con il completamento del progetto nel capoluogo siciliano, Open Fiber conferma e rilancia la sua mission di player infrastrutturale per il superamento del digital divide che affligge l’Italia».

 


Leggi anche

Le due società starebbero lavorando a un accordo commerciale che prevede l’affitto di capacità in fibra ottica da parte di Open Fiber a Tim nelle aree a fallimento di mercato. L’accordo permetterebbe a Tim di far migrare i suoi clienti dalla rete in rame a quella in fibra, ma potrebbe essere il primo passo verso un’intesa più strutturata che riguarda la rete unica e lo sviluppo della banda ultralarga…

Leggi tutto…

Al via l’ammodernamento della pubblica illuminazione nei 21 comuni del bresciano. Il progetto, lanciato dalla Provincia di Brescia, ha come partner Engie Italia, e prevede la sostituzione di oltre 23.000 corpi illuminanti con lampade a led, la realizzazione di 70 km di nuove linee elettriche e cavidotti e interventi in ottica smart city, come l’installazione di unità wi-fi, centraline meteo, videosorveglianza…

Leggi tutto…

Cifra simbolica, ma significativa che riguarda le aree a fallimento di mercato per le quali la società si è aggiudicata i due bandi della società del ministero dello Sviluppo economico per la realizzazione di una rete in fibra ottica in modalità Ftth. Gli interventi coinvolgeranno in totale 13,8 milioni di cittadini, 9,3 milioni di unità immobiliari e 500.000 sedi di impresa e pubblica amministrazione…

Leggi tutto…

È quanto previsto dal progetto fresco di approvazione a Bruxelles. L’investimento servirà a realizzare l’infrastruttura a banda larga nelle aree bianche dell’isola, coinvolgendo in totale 142 comuni per una popolazione complessiva di 2,3 milioni di abitanti. Sarà garantita una connessione superiore ai 30 Mbit/s e di 100 Mbit/s alle imprese …

Leggi tutto…

L’elettrodotto consentirà di migliorare l’affidabilità della rete di trasmissione sia nella penisola sorrentina sia nell’isola. Il progetto prevede la posa di 19 km di cavi, dei quali 16 sottomarini, e la costruzione di una nuova stazione elettrica. Nei punti di approdo su entrambe le sponde, il cavo sarà installato con la tecnica del drilling, per non danneggiare la prateria di posidonia del fondale…

Leggi tutto…