Concluso con successo il crowdfunding di Edison per il teleriscaldamento di Barge

Si è conclusa con successo l’innovativa raccolta fondi lanciata da Edison per la rete di teleriscaldamento a Barge, comune in provincia di Cuneo, i cui lavori sono partiti lo scorso agosto.

La campagna di crowdfunding avviata alla fine di novembre dalla società, tra le principali realtà attive nel campo dell’energia, ha raggiunto il suo target, 100.000 euro, in meno di 72 ore dall’apertura nazionale del progetto.

L’iniziativa, la prima con queste caratteristiche avviata da una società energetica in Italia, era stata pensata per coinvolgere il territorio nel progetto che nasce in un contesto di grande cambiamento del mondo dell’energia, che oggi va nella direzione dello sviluppo delle fonti rinnovabili, dell’efficienza energetica e di una crescente attenzione verso le comunità che risiedono nelle aree dove vengono realizzati gli impianti. La partecipazione al progetto è appunto la conferma del valore di un simile approccio, incentrato sulla condivisione e il coinvolgimento delle comunità locali.

Per quanto riguarda l’opera, questa sarà costituita da una rete di distribuzione del calore dell’estensione di 5 chilometri, alimentata da una centrale studiata per fornire 7,6 GWh all’anno, corrispondenti al fabbisogno di climatizzazione e acqua calda sanitaria di circa 500 famiglie, evitando l’emissione in atmosfera di circa 2.000 tonnellate di CO2.

L’energia termica sarà prodotta da tre caldaie alimentate a biomassa legnosa forestale, ognuna della potenza di 800 kW termici, e un motore cogenerativo alimentato a gas naturale ad alta efficienza (da 210 kW elettrici e 325 kW termici). La biomassa legnosa forestale verrà fornita da operatori forestali locali che eseguono la manutenzione dei boschi, contribuendo a combattere il dissesto idrogeologico.

L’infrastruttura, che teleriscalderà sia utenze pubbliche, come scuole e uffici, sia private, condomini e industrie, sarà completata entro il 2021.


Leggi anche

L’intesa riguarda il sistema di Settimo Torinese: il big dei cosmetici cederà l’acqua recuperata, depurata e purificata del suo sito di produzione a Engie che la utilizzerà come acqua di reintegro della propria rete. Un esempio di economia circolare che permetterà soddisfare, evitando lo spreco di nuova risorsa idrica, ben il 20% del fabbisogno di acqua della rete della lunghezza di 47 km …

Leggi tutto…

Azzerare del tutto le emissioni di CO2 dei sistemi di teleriscaldamento entro il prossimo decennio. È il grande obiettivo che si è dato Fortum, società energetica finlandese, per la città di Espoo. Un lungo cammino che comincia con l’eliminazione degli attuali generatori fossili che alimentano la rete cittadina, grazie alla costruzione di una centrale a biomasse da 49 MW, che sarà completata per il 2020…

Leggi tutto…

Sarà la geotermia ad alimentare nel prossimo futuro la rete di distribuzione del calore di Aarhus, seconda città della Danimarca. È l’obiettivo dell’intesa tra l’amministrazione cittadina e AP Moller Holding, società quest’ultima che avvierà una campagna di esplorazioni per verificare la fattibilità del progetto. Secondo il programma, le prime trivellazioni saranno effettuate tra il 2019 e il 2020, mentre i primi impianti geotermici saranno costruiti a partire dal 2021…

Leggi tutto…

La società, specializzata nella produzione di energia da fonti rinnovabili, ha siglato un accordo con il Comune di Alcalá de Henares per la costruzione di un sistema di teleriscaldamento, interamente alimentato da energia green: solare e biomasse. Il sistema, che sarà completato per la fine del prossimo anno, fornirà calore a 12.000 famiglie e sarà realizzato con un investimento di 38 milioni di euro…

Leggi tutto…

Realizzato con il Politecnico di Milano, il report ha analizzato l’impatto a 360° di questi impianti sui territori. I risultati dicono che si tratta di una soluzione vincente sia sul piano ambientale, abbattendo le emissioni di CO2 e di polveri sottili, sia sul piano economico ed occupazionale: 1 euro fatturato dagli impianti genera un impatto sul sistema economico di 2,65 euro e per ogni lavoratore impiegato dal teleriscaldamento nascono 15,5 posti lungo tutta la filiera…

Leggi tutto…