Concluso il Progetto Belluno di e-distribuzione


Tre nuove cabine primarie, oltre 250 km di linee di ultima generazione e 5 anni di lavori per un investimento complessivo di 27 milioni di euro. Sono i numeri del Progetto Belluno, l’importante opera di rinnovamento dell’infrastruttura elettrica della provincia bellunese progettato e realizzato da e-distribuzione.
Oltre 250 i cantieri attivati per la gestione della rete elettrica di media e bassa tensione e tre di questi hanno riguardato interventi determinanti: le Cabine Primarie di Cencenighe, Pelos e Somprade, nodi determinanti per assicurare una maggiore affidabilità e flessibilità al sistema elettrico nel suo complesso, grazie alla forte interconnessione con le linee di trasmissione in alta tensione e con la fitta maglia di linee che fornisce energia elettrica agli oltre 60 comuni della provincia.
La nuova rete bellunese vede ora più di 200 chilometri di linee che utilizzano solo un cavo isolato di ultimissima generazione, mentre altri 52 km di rete sono stati interrati: soluzioni impiantistiche che ridurranno drasticamente i disservizi e dei quali beneficiano circa 75.000 gli utenti, come già confermato dai dati degli ultimi 5 anni, che hanno visto un calo della durata delle interruzioni del 40% rispetto al 2013.
La nuova rete può contare inoltre su un altissimo livello di automazione: decine di cabine secondarie sono state rinnovate e dotate di sofisticati sistemi che consentono, anche in caso di guasto accidentale sulla rete, di isolare i tratti di linea disalimentati e ripristinare il servizio in pochi minuti. A questo si aggiungono i 110 sistemi di telecontrollo che consentono di monitorare sia le cabine sia la rete elettrica dal Centro operativo della società, che potrà intervenire da remoto sulle linee, rialimentando la stragrande maggioranza degli utenti ancora prima che le squadre arrivino sul posto tagliando enormemente i tempi di intervento.
«Il Progetto Belluno rappresenta un esempio importante di intervento strutturato che ha coniugato innovazione tecnologica e qualità del servizio nel pieno rispetto delle peculiarità di un territorio unico – ha sottolineato Vincenzo Ranieri, amministratore delegato di e-distribuzione, nell’incontro nel quale ha presentato i risultati del lavoro -. Abbiamo progettato e realizzato interventi per 27 milioni di euro per una rete più intelligente, più resiliente e più sostenibile in un territorio a forte vocazione turistica e imprenditoriale».


Leggi anche

Le tre società hanno siglato una lettera d’intenti non vincolante per l’avvio dello studio di un percorso congiunto per valutare la possibile acquisizione degli asset del gruppo Ascopiave nella vendita di elettricità e gas e la costituzione di un’alleanza nel settore della distribuzione gas. Un’operazione che nasce dalla volontà di Ascopiave di cedere le sue attività commerciali per focalizzarsi sulla distribuzione…

Leggi tutto…

Promosso da Regione Lombardia, ARERA, RSE e Terna, il progetto pilota sull’aggregazione di numerosi sistemi di accumulo di energia prodotta da impianti fotovoltaici nasce per consentire agli utenti di piccola taglia di partecipare al mercato di dispacciamento dell’energia. Possono aderire, senza alcun onere a loro carico, tutti i cittadini dotati di sistemi di accumulo…

Leggi tutto…

«L’impegno economico più alto di sempre», ha definito il nuovo piano una nota della stessa società, forte di un volume di investimenti in crescita del 20% rispetto al documento precedente. Oltre 3 miliardi sono destinati allo sviluppo della rete elettrica nazionale, 2 miliardi alle attività di rinnovo ed efficienza e 1 alla realizzazione di dispositivi per aumentare la sicurezza e la stabilità dell’infrastruttura…

Leggi tutto…

L’amministratore delegato dell’azienda che gestisce la rete elettrica nazionale è stato premiato come miglior manager dell’anno, nel comparto energia, durante il XIX Workshop annuale di Agici e Accenture. Il prestigioso riconoscimento, si legge nella motivazione, è stato assegnato per l’impegno di Terna verso la costruzione di un sistema energetico sostenibile, sicuro e innovativo …

Leggi tutto…

Promosso dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, il progetto punta a integrare i sistemi di accumulo dell’energia e quelli di generazione da fonti rinnovabili nella rete per favorire la partecipazione attiva degli utenti finali ai mercati dell’energia, attraverso la creazione di Community Energy Storage. Saranno sviluppati anche modelli evoluti di pianificazione della rete…

Leggi tutto…