Concluso il Progetto Belluno di e-distribuzione


Tre nuove cabine primarie, oltre 250 km di linee di ultima generazione e 5 anni di lavori per un investimento complessivo di 27 milioni di euro. Sono i numeri del Progetto Belluno, l’importante opera di rinnovamento dell’infrastruttura elettrica della provincia bellunese progettato e realizzato da e-distribuzione.
Oltre 250 i cantieri attivati per la gestione della rete elettrica di media e bassa tensione e tre di questi hanno riguardato interventi determinanti: le Cabine Primarie di Cencenighe, Pelos e Somprade, nodi determinanti per assicurare una maggiore affidabilità e flessibilità al sistema elettrico nel suo complesso, grazie alla forte interconnessione con le linee di trasmissione in alta tensione e con la fitta maglia di linee che fornisce energia elettrica agli oltre 60 comuni della provincia.
La nuova rete bellunese vede ora più di 200 chilometri di linee che utilizzano solo un cavo isolato di ultimissima generazione, mentre altri 52 km di rete sono stati interrati: soluzioni impiantistiche che ridurranno drasticamente i disservizi e dei quali beneficiano circa 75.000 gli utenti, come già confermato dai dati degli ultimi 5 anni, che hanno visto un calo della durata delle interruzioni del 40% rispetto al 2013.
La nuova rete può contare inoltre su un altissimo livello di automazione: decine di cabine secondarie sono state rinnovate e dotate di sofisticati sistemi che consentono, anche in caso di guasto accidentale sulla rete, di isolare i tratti di linea disalimentati e ripristinare il servizio in pochi minuti. A questo si aggiungono i 110 sistemi di telecontrollo che consentono di monitorare sia le cabine sia la rete elettrica dal Centro operativo della società, che potrà intervenire da remoto sulle linee, rialimentando la stragrande maggioranza degli utenti ancora prima che le squadre arrivino sul posto tagliando enormemente i tempi di intervento.
«Il Progetto Belluno rappresenta un esempio importante di intervento strutturato che ha coniugato innovazione tecnologica e qualità del servizio nel pieno rispetto delle peculiarità di un territorio unico – ha sottolineato Vincenzo Ranieri, amministratore delegato di e-distribuzione, nell’incontro nel quale ha presentato i risultati del lavoro -. Abbiamo progettato e realizzato interventi per 27 milioni di euro per una rete più intelligente, più resiliente e più sostenibile in un territorio a forte vocazione turistica e imprenditoriale».


Leggi anche

È quanto prevede l’accordo stipulato con Regione Veneto, finalizzato a rendere l’infrastruttura più efficiente, sicura e sostenibile. Un piano di interventi articolato in quattro capitoli che comprendono lo sviluppo della rete, con la realizzazione di nuovi elettrodotti, tra i quali il Dolo – Camin, l’ammodernamento della rete esistente, la realizzazione di corridoi verdi e attività di ricerca tra Terna e le università venete….

Leggi tutto…

La città è la prima a sperimentare in Europa una nuova generazione di pali intelligenti, sviluppati dal gruppo Agsm. Sistemi dotati di led, fibra ottica, con presa per la ricarica veloce dei veicoli elettrici, antenna wifi, telecamera e predisposti per il monitoraggio ambientale, delle infrastrutture e della raccolta rifiuti. Una soluzione in ottica smart city e parte qualificante del progetto Electrify Verona avviato dal Comune con Agsm Verona e Volkswagen Group Italia…

Leggi tutto…

Gravemente danneggiato dal sisma del 2012, l’impianto, snodo fondamentale del sistema elettrico del ferrarese, torna a nuova vita, grazie a un investimento di 1,8 milioni di euro che lo ha dotato dei più avanzati accorgimenti tecnologici. Dalla cabina si diramano oltre 190 km di linee che, attraverso 330 cabine secondarie, garantiscono il fabbisogno energetico di 6 comuni …

Leggi tutto…

Energia: Clara Poletti, commissario dell’Autorità italiana ARERA, eletta alla Presidenza del Comitato dei regolatori di ACER, l’Agenzia europea delle Autorità nazionali dell’energia…

Leggi tutto…

Oltre 2000 punti di ricarica, dei quali 1586 normali e 456 di ricarica veloce, da installare in tutto il territorio dell’isola entro il 2022. Lo prevede il documento approvato dalla Regione per lo sviluppo di un’infrastruttura di ricarica per i veicoli elettrici, da realizzare in diversi step. A partire dai territori di Messina e Catania, con l’installazione di 24 colonnine in 12 comuni entro la fine di quest’anno…

Leggi tutto…