calcestruzzo

Conoscere per non sbagliare: più semplice non significa più facile!

Molti rischi di degrado sono inoltre interconnessi e la somma di tutti i fattori sfavorevoli potrebbe dare una risultante ben peggiore della somma degli stessi.

Valutare la durata dei sistemi di protezione delle strutture e una manutenzione preventiva sono aspetti imprescindibili per una maggior durata delle opere in esercizio. Ma non solo, anche privilegiare le soluzioni che agiscono in profondità, e non solo in superficie, può significare migliori risultati in termini di manutenzione conservativa.

Durante il webinar di Supershield, che si è svolto lo scorso 10 giugno, sono state numerose le informazioni relative al ripristino ed all’impermeabilizzazione delle opere in calcestruzzo, così come interessanti le testimonianze di coloro che hanno messo in campo queste attività con i prodotti della nota azienda Torinese.

Risulta eccellenti a patto che ci sia una corretta analisi preventiva, una posa eseguita da tecnici esperti ed un collaudo adeguato. “Il nostro prodotto può sembrare facile – ci dice Guido Cometto Amministratore Delegato di Supershield – ma nonostante questo  occorre essere molto professionali per il corretto utilizzo del materiale”.

Come tutti sanno, infatti, i prodotti di Supershield Italia vengono consegnati già pronti e prevalentemente a base acqua. Evitano cosìle polveri sottili legate ai prodotti cementizi, e possono essere applicati direttamente offrendo risultati eccellenti. Risultati che si rilevano dal successo di questa azienda che in pochi anni sembra aver preso il volo verso sempre nuove conquiste.

 

 


Leggi anche

Valore della produzione oltre i 600 milioni di euro, investimenti per 172,8 milioni, la produzione di energia da fonte rinnovabile più che raddoppiata rispetto al 2017 e le emissioni di CO2 ridotte di 3.000 tonnellate. Sono alcuni dati del rapporto sull’attività del gestore idrico pugliese nello scorso anno, che mostra come il miglioramento dei dati economici dell’azienda procede in parallelo agli importanti risultati conseguiti sul fronte della sostenibilità. …

Leggi tutto…

Realizzato con un investimento di 39 milioni di euro, l’impianto è stato dotato delle più avanzate tecnologie di trattamento dei reflui, come il sistema di ultrafiltrazione a membrane, che consentono il riutilizzo delle acque in uscita. Perfettamente inserito nel contesto paesaggistico, ha una capacità di trattamento di 90.000 AE, ma è stato progettato per un funzionamento modulare e flessibile, in modo da adeguarsi alla variazione dei carichi legati alla fluttuazione turistica…

Leggi tutto…

Approvato il bilancio relativo all’ultimo esercizio del gestore idrico della provincia di Lecco. Gli investimenti sono cresciuti del 23%, sfiorando i 30 milioni di euro. Bene anche i ricavi, saliti a 52 milioni, con un utile netto pari a 5,3 milioni. Ma importanti risultati sono stati ottenuti anche sul piano operativo, come l’autorizzazione allo scarico per il depuratore di Lecco, che mancava da 20 anni….

Leggi tutto…

Il gestore idrico del distretto Sarnese Vesuviano ha pubblicato il bando, da 6,8 milioni di euro, per il completamento della rete fognaria di Boscoreale. L’opera fa parte del piano, sviluppato con Regione Campania ed Ente Idrico Campano, per il risanamento del corso d’acqua. In questo ambito, sono stati approvati altri due interventi, per 2,4 milioni, che riguardano l’adeguamento del depuratore di Scafati e il risanamento del sistema di collettori a servizio di altri cinque comuni….

Leggi tutto…

Brescia e Bergamo non sono alleate solo come capitali della Cultura, ma anche per l’ambiente. A Paratico si sono infatti conclusi i lavori di ampliamento e ristrutturazione del depuratore intercomunale, che colletta ventisei comunità locali tra i due territori. Fra le novità più rilevanti l’ampliamento a 90mila abitanti serviti e l’impiego di nuove tecnologie….

Leggi tutto…