Consac: arrivano i fondi per l’acquedotto Faraone

Buone notizie per gli abitanti del comprensorio del Cilento. Regione Campania ha inserito nell’elenco delle opere da finanziare il primo stralcio della ristrutturazione dell’acquedotto Faraone per un importo di 5 milioni di euro. Si tratta della più importante infrastruttura idrica in mano a Consac, la società che gestisce il servizio idrico nei comuni dell’area del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

L’acquedotto Faraone: un ripristino necessario

Una rete di adduzione che si sviluppa per 70 km: dalle sorgenti del fiume Faraone, percorre la valle del Mingardo, fino a Palinuro. Qui si sdoppia in due adduttrici: una che prosegue in direzione del Golfo di Policastro, l’altra verso Nord fino alla piana dell’Alento, servendo in tutto circa una ventina di comuni. La condotta riversa però, ormai da anni, in pessimo stato, con ingenti perdite e frequenti interruzioni del servizio. Problemi che la società ha finora fronteggiato con interventi limitati in attesa di fondi per procedere con un più sistematico ripristino delle tubature. Fondi che adesso finalmente arrivano e che consentiranno al consorzio di avviare la sostituzione di ben 10 km di condotte e quindi di eliminare numerose perdite migliorando l’efficienza del servizio.

Il prossimo step

Ma non solo. La società infatti attende anche un ulteriore finanziamento di altri 2 milioni di euro per il progetto esecutivo del secondo stralcio dell’opera e di 7 milioni per la sostituzione di altri 10 km dell’adduttrice Faraone II lotto.


Leggi anche

Lavori Acque Veronesi

La società riapre i cantieri ripartendo da due opere strategiche per il territorio. La prima riguarda gli interventi conclusivi per la messa in sicurezza idraulica della Veronetta, quartiere di Verona che sorge sulla sponda sinistra dell’Adige. La seconda la realizzazione della dorsale Belfiore-Lonigo, che approvvigionerà con acqua pura e di qualità i territori della provincia di Verona, Vicenza e Padova colpiti dall’emergenza Pfas…

Leggi tutto…

I lavori, avviati a metà marzo e conclusi un mese dopo, hanno interessato un tratto fuori terra della condotta del Mille che approvvigiona la città. L’intervento si è reso necessario perché la condotta, già molto deteriorata, ha subito un ulteriore danneggiamento in una sua curva, che metteva a rischio la continuità del servizio. I tecnici sono intervenuti realizzando dei pezzi speciali su misura che poi hanno applicato alla tubazione mettendola in sicurezza…

Leggi tutto…

Grazie al protocollo messo a punto nell’ambito del consorzio Viveracqua, che prevede lo sviluppo di un piano anti-contagio per ogni singolo intervento, riprendono in piena sicurezza i lavori bloccati per via dell’emergenza sanitaria. Si tratta in totale di 62 interventi, tra i cantieri da riavviare e quelli in consegna per un valore complessivo di oltre 59 milioni di euro…

Leggi tutto…

I 12 gestori idrici pubblici del consorzio hanno sbloccato le procedure di gara rallentate per l’emergenza: si tratta di spese per più di 100 milioni che includono lavori e forniture. Per garantire la massima sicurezza dei cantieri che si apprestano a ripartire, inoltre, hanno messo a punto un piano coordinato che prevede controlli a tutti i livelli e l’adozione di specifiche misure anti-contagio…

Leggi tutto…

È quanto prevede lo studio, Manuale della Siccità, presentato dalla Federazione in occasione della Giornata mondiale dell’acqua. La quota maggiore, 3,9 miliardi, sarebbe da destinare a Sud e isole, seguite dal Centro, 1,9 miliardi e dal Nord, 1,3 miliardi. Tra le opere da realizzare, nuovi serbatoi, approvvigionamenti, interconnessioni tra acquedotti, ma essenziale è la lotta alle dispersioni e il riutilizzo delle acque reflue trattate…

Leggi tutto…