Da Acea 2,8 milioni per il risanamento della rete fognaria di Ostia


Al via il piano di risanamento del sistema fognario di Ostia. A farsi carico dell’intervento sarà Acea Ato 2, la società del gruppo Acea che gestisce il servizio idrico nell’Ato 2 Lazio Centrale, che comprende la Capitale e altri 111 comuni.
Un’opera importate, che interessa un’area dal quadro idrogeologico molto compromesso, e che, peraltro, non rientra nella gestione diretta della società, che si è impegnata comunque a risolvere il problema con un investimento di oltre 2,8 milioni di euro.
Obiettivo dei lavori è la messa in sicurezza del collettore fognario e delle relative derivazioni di utenza e di rete, attraverso la sostituzione della condotta esistente, per un tratto di 500 metri, con nuove tubazioni, che saranno in cemento armato vibrocompresso ad alta resistenza.
Allo stato attuale, l’utility sta completando il progetto esecutivo, la cui validazione arriverà entro la fine dell’anno. Si procederà subito dopo con l’espletamento della gara e quindi con la realizzazione dell’opera, con la conclusione dei lavori prevista per il mese di maggio del 2020.
A questo primo intervento ne seguiranno altri, che permetteranno di bonificare completamente il “mare di Roma”. Inoltre, al termine dei lavori, Acea Ato 2 prenderà in carico la gestione della rete fognaria.
«Siamo felici che, grazie alla collaborazione di Acea Ato 2, al lavoro del Municipio X e dell’assessorato capitolino alle Infrastrutture, possa partire il programma di risanamento della rete fognaria di questo importante municipio della Capitale – ha dichiarato la sindaca di Roma, Virginia Raggi, intervenendo alla presentazione dell’opera -. Interventi attesi, necessari e molto complessi, che andranno a beneficio di tutti i cittadini».


Leggi anche

La sperimentazione di Gruppo CAP per ridurre i consumi di acqua potabile parte dalla pulizia delle strade. Primo Comune interessato è Assago: 7.720 litri di acqua potabile risparmiati in poco più di sei mesi utilizzando acqua depurata presso lo stabilimento di Assago dove le acque reflue vengono appositamente trattate e depurate. E con la nuova tariffa si promuove l’incentivazione a tutto l’hinterland milanese…

Leggi tutto…

Aperto il cantiere di via Ponte Pignolo dove verrà realizzato un nuovo collettore in vetroresina del diametro di 1,4 m. La condotta sarà installata con la tecnica trenchless all’interno di un controtubo in acciaio, attualmente in fase di posa, del diametro di 1,5 m. I lavori fanno parte del piano strategico per la messa in sicurezza idraulica della Veronetta, storico quartiere da sempre soggetto ad allagamenti …

Leggi tutto…

Un investimento da 500.000 euro per il nuovo impianto a servizio del comune in provincia di Frosinone, finora del tutto privo di sistema di trattamento dei reflui. Il depuratore ha una capacità di trattamento di 1500 abitanti equivalenti. I lavori avevano preso il via lo scorso novembre per concludersi a fine giugno…

Leggi tutto…

L’opera permetterà di convogliare i reflui provenienti dai comuni di Morrovalle, Montecosaro e parte di Civitanova Marche, in provincia di Macerata, al depuratore di Civitanova, eliminando gli scarichi diretti nel fiume Chienti. L’opera ha richiesto la posa di quasi 4 chilometri di nuove condotte in PVC, in sostituzione di quelle ammalorate, e il recupero di circa 500 m di vecchie condotte per una spesa di 2 milioni di euro…

Leggi tutto…

Con la realizzazione del terzo lotto dei lavori nell’area di Osmannoro, e l’eliminazione degli scarichi diretti nell’omonimo Fosso, tutti i reflui del comune fiorentino sono ora collettati al depuratore di San Colombano. L’ultimo intervento, appena concluso, è stato realizzato con un investimento di 3 milioni di euro e ha visto la posa di 6 chilometri di nuove condotte …

Leggi tutto…