Da Acquedotto Pugliese un piano da 125 milioni per la città di Bari

Un mega piano di interventi per la città di Bari. Lo ha messo a punto Acquedotto Pugliese per ottimizzare il sistema di depurazione e potenziare il servizio idrico e fognario nel capoluogo pugliese. Un impegno per il quale il gestore del ciclo idrico della Puglia ha pianificato investimenti per 125 milioni di euro.

Sul fronte della depurazione, i lavori sono già a buon punto. L’azienda infatti completerà entro la fine dell’anno il potenziamento dell’impianto di Bari Ovest, a servizio delle circoscrizioni Libertà, Fesca, San Girolamo, Palese, Santo Spirito, parte di Murat e Zona Industriale, e dei comuni limitrofi di Modugno, Grumo Appula, Binetto, Bitetto, Toritto, Palo del Colle e Bitritto. L’intervento, dal valore complessivo di 30 milioni di euro, riguarda il potenziamento della linea acque, per migliorare le fasi di lavorazione della risorsa trattata, il potenziamento della linea fanghi e combustione del biogas per la produzione di energia elettrica e termica e il miglioramento del trattamento dell’aria.

A questo si aggiunge il potenziamento del depuratore di Bari Est, che invece serve le circoscrizioni Picone – Poggiofranco, Carbonara – Ceglie – Loseto, Japigia-Torre a Mare, Carrassi – San Pasquale, Madonnella, San Nicola e parte di Murat e i comuni di Adelfia, Bitritto, Noicattaro, Rutigliano, Sannicandro, Triggiano, Valenzano, Capurso e Cellamare. Il progetto per questo intervento è in fase di approvazione e la sua realizzazione richiederà circa un anno e mezzo di lavori con un investimento di 25,5 milioni di euro.

Per entrambi gli impianti, inoltre, è previsto il prolungamento delle condotte sottomarine che allontanano le acque depurate, anche in questo caso con un investimento importante, pari a 20 milioni.

Altro fronte che vede Acquedotto Pugliese particolarmente impegnato è il superamento delle criticità legate alla commistione di acque nere e acque meteoriche, che in caso di pioggia non consentono la fruibilità della spiaggia di Pane e Pomodoro. Un primo cantiere, dell’importo di 2,3 milioni, è stato appena concluso eliminando le interferenze dirette di fognatura nera con il canale “Picone” in varie strade della città. Interferenze dovute a diverse rotture, a loro volta provocate dalla vetustà della rete, dei setti in calcestruzzo presenti nei pozzetti di ispezione che dividono le acque nere dalle bianche, e dalle immissioni dirette causate da variazione di tracciati di tronchi fognari e da allacci realizzati nel tempo che sfociavano nel canale.

A questo seguirà un nuovo progetto, dell’importo di 29 milioni di euro e della durata di 3 anni, per razionalizzare le reti fognarie dei quartieri Carrassi, Picone e Madonnella. Il progetto, ora in fase di verifica e il cui bando partirà entro fine anno, prevede la modifica delle dimensioni e dei percorsi di alcune dorsali della rete fognaria comprese tra lo stesso “Picone” e i collettori “Alto” e “Matarrese”.

Sempre in ambito fognario, la società ha concluso le opere di manutenzione straordinaria dell’impianto di sollevamento ubicato sul lungomare IX maggio, con un investimento di circa un milione di euro.

Particolare attenzione è rivolta anche alle zone periferiche, con un investimento di 16,5 milioni di euro, sarà completata la realizzazione delle reti idriche e fognarie per un totale di oltre 26 chilometri e 5 nuovi impianti di sollevamento fognario. Ora in attesa dell’approvazione da parte dell’Autorità Idrica Pugliese (AIP), il progetto comporterà lavori per circa 3 anni e mezzo.


Leggi anche

Indispensabile per superare l’infrazione comunitaria che grava sulla cittadina, l’opera, del valore di 13,1 milioni di euro, prevede la posa di 61 chilometri di condotte per dotare le frazioni di Tonnarella e Trasmazaro di una rete di raccolta delle acque nere. A eseguire i lavori, che dovrebbero concludersi entro il giugno del prossimo anno, un raggruppamento di imprese che si è aggiudicato la gara indetta dal Commissario straordinario unico per la depurazione …

Leggi tutto…

Il gestore idrico dell’ambito Sarnese-Vesuviano ha avviato una serie di opere sulle infrastrutture idriche e fognarie nel comune del salernitano. Per quanto riguarda le prime, verranno posate in totale oltre 2,5 chilometri di tubazioni per migliorare la distribuzione dell’acqua potabile in alcune strade del centro e in alcune frazioni. Le seconde servono invece a completare lo schema fognario comunale, eliminando definitivamente gli scarichi superficiali in ambiente…

Leggi tutto…

VEGA ha ampliato il portafoglio di sensori radar con una nuova serie di strumenti. I sensori basati sulla tecnologia a 80 GHz sono idonei all’impiego in applicazioni in cui il prezzo è un fattore determinante per la scelta della strumentazione, come ad es. nel settore del trattamento delle acque e delle acque reflue. Grazie alla focalizzazione precisa del segnale, forniscono valori di misura affidabili indipendentemente dagli influssi esterni, come temperatura o imbrattamento….

Leggi tutto…

Il documento di previsione e programmazione per l’anno in corso, approvato dal Consiglio di amministrazione del gestore idrico della provincia di Lecco, prevede investimenti per 25,6 milioni, concentrati soprattutto nel settore depurazione. 5,5 milioni sono dedicati alle manutenzioni, mentre l’installazione di misuratori smart verrà estesa a nuovi comuni …

Leggi tutto…

Il secondo lotto dei lavori che consentiranno di dotare le località Ronchi e Poveromo di una rete di raccolta dei reflui sarà completato entro l’estate. L’intervento, partito lo scorso ottobre, prevede la posa di 9,5 km di condotte in PVC per una spesa di 2,5 milioni di euro, e completa i lavori del primo lotto, già conclusi, con i quali sono stati realizzati 7 chilometri di rete e 3 stazioni di sollevamento…

Leggi tutto…