Da Arera 85 milioni per le reti idriche campane


Pioggia di fondi per la Campania. L’Autorità nazionale di regolazione per energia reti e ambiente (Arera) ha dato il via libera ai finanziamenti alla regione nell’ambito del piano nazionale per gli interventi necessari e urgenti per il settore delle reti idriche.
I fondi stanziati ammontano a ben 85 milioni di euro e serviranno per realizzare, completare e ammodernare infrastrutture indispensabili, e attese da tempo, per garantire il servizio idrico agli utenti della regione. Più nel particolare, le risorse sono destinate al Cilento e al napoletano, con quest’ultimo che fa la parte del leone.
Nello specifico, i finanziamenti, prevedono quattro fondi distinti per Abc, la società pubblica che gestisce la rete di Napoli: 47 milioni per «interventi di messa in sicurezza degli adduttori costituenti l’Acquedotto del Serino» e 10 milioni per il «rifacimento del rivestimento interno delle vasche dei serbatoi cittadini». A questi si aggiungono 14,4 milioni per la realizzazione del serbatoio di Capodichino e 6,2 milioni di euro per la realizzazione del serbatoio dei Camaldoli. Gli altri fondi stanziati sono di 750.000 euro per l’adduzione a gravità del serbatoio di San Sebastiano.
Ammontano a quasi 7 milioni, per la precisione 6.974.000, invece, i fondi destinati al Cilento. Questi saranno utilizzati per interventi di ristrutturazione e potenziamento del sistema di adduzione idrica dell’Area del Cilento per l’Acquedotto del Faraone e per il potenziamento dell’adduzione dell’area del Monte Sella.


Leggi anche

In occasione del convegno “L’industria che verrà. Sensibile, resiliente, capace di innovare. Come cambia il panorama industriale di fronte ai nuovi scenari economici, sociali, tecnologici e ambientali”, Gruppo CAP presenta un ambizioso piano che guarda al 2033, per far fronte alle sfide dei cambiamenti globali secondo tre aree di intervento per rispondere concretamente alle sfide di sostenibilità attuali e future….

Leggi tutto…

Il gestore idrico del Basso Valdarno ha presentato il piano definitivo di ammodernamento e potenziamento dell’impianto Schiavone, a servizio del comune fiorentino. I lavori mirano ad ammodernare e potenziare il depuratore, la cui capacità di trattamento sarà portata a 6000 ae, dagli attuali 3000, con un investimento di 2 milioni di euro. Contestualmente la società avvierà la riorganizzazione della rete fognaria con una spesa aggiuntiva di 3 milioni…

Leggi tutto…

La società, che gestisce le risorse idriche calabresi, ha completato i collegamenti idraulici che consentiranno di estendere la distribuzione dell’acqua di alta qualità custodita dall’invaso costruito sull’Aspromonte anche nel cuore della città dello Stretto. Ultimo tassello di un’opera che i reggini hanno atteso per 50 anni …

Leggi tutto…

Il comune della provincia di Cagliari, che ha un livello di perdite di rete del 50%, rientra tra i primi trenta interessati da progetto Reti intelligenti, che punta ad abbattere la dispersione dell’acqua distribuita attraverso l’ingegnerizzazione delle infrastrutture. La società ha già completato il monitoraggio della rete cittadina e ora si appresta a dividerla in distretti per procedere con l’analisi delle criticità rilevate e i conseguenti interventi …

Leggi tutto…

La multiutility capitolina ha aggiornato il piano 2018-2022: gli investimenti crescono di 900 milioni di euro rispetto al documento precedente salendo a 4 miliardi. Risorse che saranno destinate principalmente al miglioramento della qualità ed efficienza del servizio idrico, circa 250 milioni, al rafforzamento della resilienza delle reti elettriche (250 milioni) e alla crescita della generazione rinnovabile…

Leggi tutto…