Da BNL e BEI 60 milioni per Acque Veronesi

Nuove risorse in arrivo per Acque Veronesi a supporto degli interventi sulle reti idriche. La società, che gestisce il servizio idrico in 77 comuni della provincia di Verona, ha concluso due contratti di finanziamento per un totale di 60 milioni con la Banca Europea degli Investimenti (BEI) e con BNL Gruppo BNP Paribas. I contratti, entrambi per un valore di 30 milioni e siglati negli uffici dello studio legale Bonelli Erede di Milano, garantiranno l’apporto finanziario al piano di interventi messo a punto dall’azienda, che per il 2021 ha in programma opere per una spesa complessiva di 150 milioni di euro.

Grazie a queste risorse Acque Veronesi potrà infatti realizzare interventi di grande importanza nei territori di competenza. Si va dalla soluzione definitiva del problema delle sostanze inquinanti PFAS nella pianura veronese, attraverso la sostituzione dell’acquedotto, al completamento della dorsale Isola della Scala – Nogara – Gazzo Veronese con la copertura di ampie zone ancora sprovviste di fornitura idrica. E ancora, dall’adeguamento dei sistemi di depurazione dei reflui fognari ad altri interventi finalizzati al raggiungimento degli elevati standard richiesti da ARERA (Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente) in merito alla qualità dell’acqua e del servizio idrico.

«Per Acque Veronesi si tratta dell’ulteriore miglioramento ed ampliamento del servizio, realizzando nel quadriennio 2018-2021 opere per circa 150 milioni di euro che ci pongono a livelli di credibilità di assoluto rilievo, con un investimento per abitante che supera del 30% la media nazionale di 166 euro indicata recentemente da ARERA – ha commentato Roberto Mantovanelli, presidente della società -. In questi anni siamo riusciti a garantire standard di gradimento e di merito molto elevati che ci consentono di essere in questo momento una delle cinque aziende del settore idrico italiano dichiarate finanziabili da BEI nell’ambito dell’Italian Small Water Utilities Programme Loan».


Leggi anche

La multiutility capitolina ha aggiornato il piano 2018-2022: gli investimenti crescono di 900 milioni di euro rispetto al documento precedente salendo a 4 miliardi. Risorse che saranno destinate principalmente al miglioramento della qualità ed efficienza del servizio idrico, circa 250 milioni, al rafforzamento della resilienza delle reti elettriche (250 milioni) e alla crescita della generazione rinnovabile…

Leggi tutto…

L’impianto, che sorge in località Pantano e serve buona parte della città dei Sassi, è oggetto di una serie di interventi per incrementarne la capacità di trattamento a 34.000 abitanti equivalenti, dagli attuali 28.000, e migliorarne l’efficienza nel processo dei reflui. L’ammodernamento del depuratore sarà concluso entro luglio con un investimento complessivo di 4,8 milioni di euro …

Leggi tutto…

Avviato un nuovo tratto di rete appena posata nell’ambito dei lavori di sostituzione dell’intero anello primario di distribuzione a servizio della città. Un’opera, che la società sta realizzando con un investimento di 2,5 milioni di euro, indispensabile per porre fine al problema delle perdite idriche dell’infrastruttura che raggiungono anche livelli superiori al 60%. …

Leggi tutto…

Il gestore del ciclo idrico della provincia di Lecco ha sottoposto l’impianto a un profondamento restyling finalizzato all’ottenimento dell’autorizzazione allo scarico, che manca dall’anno 2000, e l’abbattimento delle emissioni odorigene. Diversi gli interventi già realizzati, per un valore di 1,2 milioni di euro, tra i quali la realizzazione di nuove vasche di denitrificazione della linea 2, la costruzione di una nuova stazione di disidratazione dei fanghi e di sistemi per il trattamento dell’aria…

Leggi tutto…

A fronte di 13 miliardi di investimenti pianificati nel quadriennio 2016-2019 pochi i cantieri partiti e ancora meno quelli conclusi: solo il 5% del valore. È il paradosso evidenziato dal Water Management Report, lo studio del Politecnico di Miano che fotografa la situazione del sistema idrico nazionale, presentato in Senato da ANIMA, Federazione delle Associazioni Nazionali dell’Industria Meccanica Varia ed Affine…

Leggi tutto…