Da Enea il sistema che rileva le sostanze nocive nelle reti idriche

È in grado di fornire una stima della concentrazione di sostanze nocive presenti in una rete idrica, in modo da consentire una gestione tempestiva, e meno dispendiosa, di un’eventuale emergenza. È l’innovativo sistema sviluppato dai ricercatori Enea di Portici (Napoli), in collaborazione con l’Università di Napoli Federico II. Sistema il cui impiego è stato sperimentato nell’acquedotto Santa Sofia gestito da Acqua Campania, la concessionaria della Regione Campania per la gestione dell’Acquedotto della Campania Occidentale (ACO).

Il sistema, protetto da brevetto, consente ai gestori del servizio idrico sia di stimare in tempo reale sia di prevedere la concentrazione dei trialometani, i sottoprodotti del cloro utilizzato contro i microrganismi patogeni per rendere potabili le acque lungo l’intero percorso, fino all’utente finale.

Il cloro, infatti, a contatto con le sostanze organiche normalmente presenti nelle acque tende a reagire, formando i sottoprodotti della disinfezione. Sottoprodotti riconosciuti però come cancerogeni e tossici per la salute umana e per i quali le normative vigenti nazionali ed europee sulla qualità delle acque potabili hanno fissato valori soglia di concentrazione.

Il sistema ha il suo cuore in un software che elabora i dati di concentrazione dei trialometani combinando i dati rilevati da una serie di sensori fissi e mobili con algoritmi di intelligenza computazionale e una piattaforma di simulazione del comportamento idraulico e della qualità delle acque.

«Grazie a questa innovazione gli enti gestori possono identificare con esattezza i segmenti di rete interessati dalla variazione delle concentrazioni di trialometani, i tempi nei quali il fenomeno può rientrare, inviare squadre di operatori per campagne di misure straordinarie solo lungo i tratti di rete contaminati, interrompere il servizio per un tempo definito e limitato esclusivamente alla popolazione servita da quei tratti, ottimizzando così risorse operative ed economiche», spiega Grazia Fattoruso, del gruppo di ricercatori Enea di Portici che ha messo a punto il sistema.

Il nuovo prodotto consente di superare alcuni limiti delle procedure di controllo attualmente utilizzate dai gestori delle reti, procedure basate su campagne di campionamento e analisi di laboratorio eseguite periodicamente in punti sparsi lungo l’acquedotto che richiedono anche costi non trascurabili. Inoltre, la dinamicità del funzionamento di una rete e l’impossibilità di accesso ad alcuni tratti non consentono un controllo continuo lungo tutta l’infrastruttura.

«Date le caratteristiche del brevetto riteniamo che possa rappresentare una nuova opportunità per gli enti gestori per effettuare monitoraggi continui e diffusi delle infrastrutture idriche a costi ridotti, ottimizzando il controllo e la gestione della qualità delle acque», conclude Fattoruso.


Leggi anche

Stefano Donnarumma, AD della multiutility capitolina, e Federico Testa, presidente dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, hanno siglato il protocollo d’intesa che dà il via alla collaborazione tra le due realtà. Obiettivo della partnership lo sviluppo di progetti sostenibili nel settore idrico e nei servizi ambientali, per i quali Enea fornirà know how e soluzioni innovative che Acea metterà in campo …

Leggi tutto…

Aggiudicato all’impresa cagliaritana InCo il maxi appalto per l’efficientamento delle reti di distribuzione a servizio dei comuni di Sorso, Sennori, Valledoria, Santa Maria Coghinas, Tergu e Viddalba. L’opera del valore di 3,6 milioni di euro prevede la sostituzione di oltre 15 chilometri delle vecchie condotte di distribuzione, ormai ammalorate, e il rifacimento degli allacci d’utenza…

Leggi tutto…

La multiutility di Mantova lo scorso anno ha registrato la miglior performance di sempre, con il valore della produzione schizzato a 276,4 milioni di euro e utili per 17,5 milioni, come attestato dal bilancio 2018, appena approvato dall’assemblea dei soci. Presentato anche il nuovo Piano industriale 2019-2023 con investimenti previsti per 250 milioni di euro, con un particolare impegno sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione delle infrastrutture …

Leggi tutto…

Siglato dal Comune di Roma, Regione Lazio e dalla multiutility capitolina il disciplinare che rinnova fino al 2031 ad Acea Ato 2 la concessione della gestione dell’infrastruttura, che garantisce l’approvvigionamento della Capitale. Un passaggio propedeutico alla realizzazione della seconda linea dell’acquedotto, indispensabile per mettere Roma e diversi comuni della regione al riparo dalle crisi idriche …

Leggi tutto…

L’intervento ha visto l’inserimento all’interno delle condotte esistenti di un tubolare in kevlar e ha interessato un tratto di rete idrica che si estende per oltre 3 chilometri, tra le località Monticella, nel territorio di Conegliano, e Saccon, nel comune di San Vendemiano. I lavori si sono resi necessari per via dell’avanzato stato di ammaloramento delle tubazioni, soggette a frequenti rotture…

Leggi tutto…