Da Regione Veneto nuove risorse per il collettore del Garda

Nuove risorse da Regione Veneto per realizzare il sistema fognario dell’area gardesana. La giunta regionale ha infatti deliberato un ulteriore contributo di 1,5 milioni di euro per sostenere la mega opera per la salvaguardia delle acque del lago. La sua realizzazione richiederà un maxi investimento complessivo di 220 milioni di euro, 100 dei quali garantiti da un finanziamento del governo. Un’opera che interessa le comunità sia della riva veneta sia lombarda del Garda e che è gestita in coordinamento da Azienda gardesana servizi (Ags), per i lavori sulla sponda veronese, e da Garda Uno, per la sponda bresciana.

«Con questo stanziamento continuiamo il nostro impegno in favore delle amministrazioni veronesi per completare in tempi rapidi un intervento fondamentale per i Comuni che si affacciano sul lago di Garda – ha spiegato l’assessore all’Ambiente di Regione Veneto, autore della proposta del nuovo finanziamento. Un impegno, per portare a termine le nuove opere per il collettamento e la depurazione del lago, che si estrinseca non solo con gli importanti aiuti economici quali quello appena deliberato, ma anche con un rapporto di collaborazione e aiuto per l’ultimazione della progettazione e poi per la sua effettiva realizzazione».

Il contributo è concesso, tramite il Consiglio di bacino veronese, ad Azienda gardesana servizi, il gestore del servizio idrico integrato dei 20 comuni veronesi, per realizzare le nuove opere per il collettamento e la depurazione del Lago di Garda secondo quanto previsto nel Protocollo d’intesa firmato a dicembre 2017 tra ministero dell’Ambiente, Regione Veneto e Regione Lombardia per le opere fognarie in ambito gardesano.

A favore dell’opera Regione Veneto ha stanziato oltre 3 milioni di euro: già nel dicembre 2017 e nell’agosto 2018 l’ente aveva messo a disposizione del Consiglio di bacino veronese, rispettivamente, 300.000 euro e 1,5 milioni di euro per il sostegno delle spese di progettazione dell’intervento.


Leggi anche

Posa prima pietra dei lavori di potenziamento da parte di Hera del sistema fognario della Darsena di Ravenna

L’opera del valore complessivo di 8 milioni di euro ha come obiettivo di garantire la sicurezza dell’area della Darsena e il miglioramento ambientale del Candiano, il canale navigabile che collega la città al mare. Suddiviso i tre stralci, prevede la realizzazione di un nuovo collettore, di diverse tratte di fognatura, di impianti di sollevamento e di due vasche di prima pioggia. Parte dei lavori saranno realizzati con la tecnologia senza scavo della trivellazione orizzontale controllata …

Leggi tutto…

Approvazione bilancio 2019 acquevenete

L’Assemblea dei soci ha approvato il bilancio dell’esercizio 2019, chiuso con un valore della produzione di circa 88 milioni di euro e un margine operativo lordo del 29,8%. Importante anche il volume degli investimenti, pari a 30 milioni, dedicati all’efficientamento delle infrastrutture e al miglioramento del servizio, mentre è di 65 milioni di euro il valore economico distribuito agli stakeholder…

Leggi tutto…

Segui i due appuntamenti della serie 25 giugno e 2 luglio: in entrambi una dimostrazione pratica dell’utilizzo e dell’efficacia dei sensori

 
In un contesto in cui i processi produttivi diventano sempre più complessi, è necessario che le tecniche di misura impiegate per il controllo e la sorveglianza dei processi, siano più semplici ed intuitive possibili….

Leggi tutto…

Logo Lario Reti Holding

La società ha chiuso il bilancio relativo allo scorso anno con ricavi pari a 52,4 milioni e utili per oltre 6 milioni. Gli investimenti realizzati sono stati pari a 24,1 milioni, circa pari alla metà rispetto ai tre anni precedenti, e hanno permesso di realizzare alcuni importanti interventi, come il revamping del depuratore di Lecco, lo sdoppiamento della rete fognaria di Oliveto Lario, e l’adeguamento dell’impianto di Ballabio…

Leggi tutto…

Sede BrianzAcque

Ottime le performance registrate dal gestore idrico della provincia di Monza e Brianza lo scorso anno, come certificano gli indicatori del bilancio approvato dall’assemblea dei soci e chiuso con un utile di 4,7 milioni di euro. I ricavi sono saliti oltre i 100 milioni, +7,7%, mentre il valore della produzione si è attestato sui 103 milioni e il margine operativo lordo ha sfiorato i 30 milioni. Impennata degli investimenti, +68%, pari a 37,8 milioni…

Leggi tutto…