Da rifare la gara per la distribuzione gas a Milano: lo dice il Tar

Colpo di scena su una delle poche gare gas affidate secondo il modello Atem. Il Tar (Tribunale amministrativo regionale) della Lombardia ha annullato la gara per la distribuzione del gas a Milano, accogliendo il ricorso di 2i Rete Gas contro l’aggiudicazione ad A2A.

Ricorso legato a una serie di formalità non rispettate nella presentazione dell’offerta da parte della multiutility lombarda, quali la mancata dichiarazione delle condanne penali subite, la mancata dimostrazione del pagamento del contributo a favore di Anac e la contestazione del computo metrico presentato su un impianto nel comune di Cinisello Balsamo.

Allo stesso modo, il Tar aveva accolto il ricorso di A2A contro 2i Rete Gas, anche questo legato a formalità nella presentazione dell’offerta. Insomma, secondo il Tar, entrambi i concorrenti, tra l’altro gli unici, vanno esclusi dalla gara. Per l’assegnazione del servizio, pertanto, è necessario indire una nuova gara. Sia A2A sia 2i Rete Gas comunque possono ricorrere al Consiglio di Stato contro la sentenza.

Quella oggetto della contesa è una mega gara del valore di 1,3 miliardi di euro, che riguarda la concessione della durata di 12 anni del servizio di distribuzione del gas naturale in 830.000 punti di riconsegna distribuiti tra Milano e i comuni di Baranzate, Bollate, Cinisello Balsamo, Corsico, Novate Milanese e Sesto San Giovanni. Il maxi appalto, il secondo per importanza economica dopo quello di Roma, era stato assegnato dal Comune di Milano nel settembre 2018, dopo un iter di 3 anni. Ad aggiudicarselo Unareti, la società controllata dalla multiutility A2A che aveva appunto battuto l’altro colosso dell’energia, 2i Rete Gas, controllata dal fondo F2i, grazie ai 5 punti in più per l’offerta tecnica, a parità di giudizio sull’offerta economica.

In attesa dei prossimi sviluppi, Unareti continuerà a gestire il servizio, sotto l’attuale regime transitorio, fino alla conclusione della nuova gara.


Leggi anche

Presidente Acque Bresciane Gianluca Delbarba

Presa d’atto del Consiglio Comunale di Ghedi circa il subentro del gestore unico nei servizi di acquedotto, depurazione e fognatura. L’operatività dal 1 gennaio 2020. Saliranno così a 93 i Comuni gestiti da Acque Bresciane…

Leggi tutto…

Con la firma del contratto di servizio giunge a conclusione definitiva l’iter per la prima gara per la concessione del servizio fatta con il metodo degli Atem. Servizio che interessa 49 comuni della prima e seconda cintura del capoluogo piemontese per 12 anni, che Italgas si era aggiudicato lo scorso aprile con un’offerta di 200 milioni e un programma di investimenti che prevede, tra l’altro, il rinnovo di 180 km di rete e la posa di altri 150 km di nuove condotte…

Leggi tutto…

Dopo tanti rinvii, l’assemblea dei sindaci ha finalmente approvato la convenzione che dà il via all’iter per la gara per aggiudicare il servizio di distribuzione gas nell’Atem 146, che comprende 117 comuni irpini. Il nuovo concessionario sarà scelto con bando europeo, gestirà per 12 anni un’infrastruttura che si sviluppa in totale per 1541 km, del valore di circa 10 milioni di euro di fatturazione all’anno …

Leggi tutto…

La gara riguarda il completamento per il secondo lotto dell’importante infrastruttura che permetterà di raccogliere e convogliare le acque bianche e nere tra la zona di via Leonardo Da Vinci fino al depuratore di Acqua dei Corsari, raccogliendo i reflui di diversi quartieri. L’importo a base gara è di quasi 27 milioni di euro e il termine per la presentazione delle offerte è fissato al 15 gennaio 2020…

Leggi tutto…

Il Consiglio di amministrazione del gestore idrico pugliese ha dato l’ok a tre nuovi grandi bandi. Due, per un totale di 21 milioni, interessano la distrettualizzazione della rete idrica di Bari e di alcuni comuni della sua provincia. Il terzo, dal valore di circa 6,2 milioni, il potenziamento dell’impianto di depurazione a servizio del comune di Taviano, in provincia di Lecce…

Leggi tutto…