Da Utilitalia il Manuale delle alluvioni


Alluvioni, allagamenti, frane, sono fenomeni piuttosto comuni nella Penisola e riguardano tutte le regioni. Per prevenire le emergenze, diffondere la conoscenza delle migliori pratiche di gestione delle criticità e, soprattutto per cercare di mitigare i danni e ripristinare i servizi pubblici, in particolare quelli idrici, Utilitalia ha realizzato un Manuale delle alluvioni. Il testo, messo a punto dalla Federazione delle imprese ambientali, energetiche e idriche, nasce con l’obiettivo di offrire un utile strumento a tecnici, studiosi, amministratori e aziende in caso di calamità.
Lo studio rappresenta un ulteriore contributo al lavoro di sensibilizzazione portato avanti dalla Federazione con #Italiasicura, la Struttura di missione del Governo, e parte dalla consapevolezza che gli eventi meteo, sempre più estremi e legati ai cambiamenti climatici, hanno un forte impatto sociale nella fase acuta e un impatto economico nella gestione del ripristino delle opere infrastrutturali.
Fasi nelle quali i gestori di servizi pubblici locali sono coinvolti, prima a sostegno della popolazione per garantire i servizi essenziali energetici, idrici e ambientali e successivamente nel complesso lavoro di ricostruzione.
Dai vari contributi raccolti nelle “Note tecniche” emerge chiaro come la fragilità naturale dell’Italia e la scarsa attenzione per la cura del territorio meritino un approccio industriale e organizzato da parte dei gestori del servizio idrico per garantire, con scelte progettuali, la continuità della fornitura a tutti i cittadini e la messa in sicurezza del territorio.


Leggi anche

15 chilometri di condotte, tra fognature, rete idrica e gas, quattro anni di lavoro e un investimento complessivo di 8 milioni di euro. Sono i numeri del grande intervento di risanamento ambientale realizzato dalla multiutility nella frazione di Cesena. I lavori hanno visto la realizzazione di un collettore fognario, che recapiterà i reflui al depuratore centrale della città, e la costruzione di una dorsale idrica e una gas a servizio della zona industriale….

Leggi tutto…

Il nuovo collettore del Garda rappresenta la più importante infrastruttura a difesa della salute del lago, della sua economia e del suo territorio. Un’opera fondamentale a livello regionale e nazionale, visto che il lago è il più importante bacino di acqua potabile d’Italia. …

Leggi tutto…

La depurazione di acque reflue rappresenta un’attività di enorme importanza in chiave di sostenibilità ambientale ma per operare richiede risorse, energetiche e non (acqua e reagenti chimici) e produce importanti quantitativi di rifiuti (fanghi di depurazione)….

Leggi tutto…

Sarà un intervento ambizioso, ad alta tecnologia innovativa e in cui l’approccio “green” è prevalente quello che Alto Trevigiano Servizi si accinge ad effettuare nell’impianto di depurazione di Salvatronda a Castelfranco Veneto….

Leggi tutto…

Avviato il secondo stralcio dei lavori per l’estensione della rete fognaria di Lusia, in provincia di Rovigo. Il progetto prevede la posa di 1,4 chilometri di condotte in Pvc e va a completare la prima parte dell’intervento portato avanti nello stesso comune, ancora in corso. Intervento che comprende la posa di 648 metri di condotte fognarie e la sostituzione delle tubazioni idriche ammalorate, per un investimento complessivo di 930.000 euro….

Leggi tutto…