Dal Mise 24 milioni per lo sviluppo delle smart grid

È arrivato il nuovo bando del ministero dello Sviluppo economico (Mise) per le smart grid. Bando che prevede 24 milioni di euro a supporto di interventi di costruzione, adeguamento, potenziamento ed efficientamento di reti intelligenti per la distribuzione di energia elettrica generata da fonti rinnovabili, con l’obiettivo di favorire la loro piena integrazione nel sistema elettrico nazionale e quindi promuoverne il completo utilizzo.

La misura si rivolge ai concessionari del servizio pubblico di distribuzione dell’energia elettrica che operano nelle regioni del Sud Italia, nello specifico Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, e rientra nell’ambito del Pon Imprese e Competitività Fesr 2014-2020.

Le agevolazioni sono concesse nella forma della sovvenzione diretta e l’ammontare dell’agevolazione concedibile a ciascuna impresa e per ciascun progetto non può essere inferiore a 250.000 euro (soglia minima) e superiore a 50 milioni di euro (soglia massima), a copertura dei costi sostenuti a partire dalla data di presentazione della domanda ed entro il 31.12.2023.

Le domande per accedere al finanziamento devono essere presentate esclusivamente tramite piattaforma informatica, a partire dalle alle ore 10 del novantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione dell’avviso pubblico in Gazzetta Ufficiale e fino alle ore 10 del centoventesimo giorno successivo a tale data.

Il nuovo bando si aggiunge a quello lanciato dal Mise nel 2017 con il quale sono stati finanziati 36 interventi per un totale di circa 140,3 milioni di euro impegnati.


Leggi anche

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

È stato inaugurato il Terzo laboratorio dedicato allo sviluppo di innovazioni per la gestione sempre più intelligente della rete elettrica nazionale. Il nuovo centro, che sorge a Pero, si occuperà nello specifico di Analytics & Energy Systems, puntando a creare soluzioni smart per la gestione delle infrastrutture elettriche attraverso l’elaborazione e l’interpretazione di dati e lo sviluppo di algoritmi e strumenti avanzati di simulazione e previsione…

Leggi tutto…

La multiutility del Nord della Lombardia ha perfezionato con la Banca europea per gli investimenti un prestito, a 16 anni, a sostegno del suo Piano di investimenti 2019-2023. Le risorse serviranno a sostenere progetti nei diversi campi di attività del gruppo, dall’ambiente alle reti idriche, da quelle elettriche al teleriscaldamento, dall’illuminazione pubblica all’efficienza energetica dalle smart city alla sicurezza informatica, interessando circa 900.000 abitanti…

Leggi tutto…

Con la firma del contratto di servizio giunge a conclusione definitiva l’iter per la prima gara per la concessione del servizio fatta con il metodo degli Atem. Servizio che interessa 49 comuni della prima e seconda cintura del capoluogo piemontese per 12 anni, che Italgas si era aggiudicato lo scorso aprile con un’offerta di 200 milioni e un programma di investimenti che prevede, tra l’altro, il rinnovo di 180 km di rete e la posa di altri 150 km di nuove condotte…

Leggi tutto…

Svelato il mistero a Schiltach, in Germania, nella casa madre di Vega a proposito dell’eccezionale novità che l’azienda tedesca presenta al mercato delle utilities e non solo. Un nuovo sensore diremmo noi “senza fili”. Si chiama AuRa ed è l’autarkic radar che vive di vita propria….

Leggi tutto…