Dal MITE: 500 milioni per la resilienza delle reti elettriche

Nuove risorse a disposizione dei gestori delle reti di trasmissione e distribuzione elettrica per rafforzare le infrastrutture contro gli effetti del cambiamento climatico. È quanto prevede il decreto n. 150 del 2022, firmato dal ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, che dà attuazione alla misura del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza Interventi su resilienza climatica delle reti” (M2C2 2.2).

 

Un occhio di riguardo al Sud

La misura mette a disposizione 500 milioni di euro di contributi a fondo perduto per i concessionari della rete elettrica di trasmissione e distribuzione. Del totale dei fondi il 40% è destinato alle regioni meridionali, ovvero:

  • Abruzzo
  • Basilicata
  • Calabria
  • Campania
  • Molise
  • Puglia
  • Sardegna
  • Sicilia.

 

Reti più resilienti e meno interruzioni

Il decreto ripartisce le risorse sulle varie linee di intervento necessarie, finalizzate a raggiungere il target previsto dal PNRR. Target che consiste nell’aumentare la resilienza di almeno 4000 km della rete elettrica agli eventi meteorologici estremi (inondazioni, ondate di calore, cadute di alberi, ghiaccio e rischi idrogeologici). E nel ridurre la probabilità di interruzioni prolungate della fornitura elettrica e limitare le loro conseguenze sociali ed economiche negative per le aree interessate.

 

La ripartizione delle risorse

Andando un po’ più nello specifico, il provvedimento destina 150 milioni di euro a sostenere la realizzazione di interventi impattanti su almeno 1500 km della rete di trasmissione. 

I restanti 350 milioni di euro sono invece destinati alla realizzazione di interventi che interessano la rete di distribuzione, un costo massimo ammissibile non superiore a 125.000 euro/km.

La misura prevede che entro 15 giorni dalla sua entrata in vigore vengano adottati i provvedimenti che stabiliranno le modalità e i termini per la presentazione dei progetti da parte degli operatori delle reti. Così come i criteri per l’ammissibilità e valutazione dei progetti e per la concessione dei contributi.

L’ammontare massimo concedibile per ciascun progetto non è inferiore a un milione di euro.

 


Leggi anche

CHAIN2

Partecipa al webinar “Smart Metering e Chain2: la chiave di accesso alle comunità energetiche e alla ricarica dei veicoli elettrici” che si terrà il prossimo 21 luglio dalle ore 11:00 alle 12:30. Durante l’evento parleremo di: inquadramento normativo CHAIN2 e regolatori, esempi di applicazione della CHAIN2, l’esperienza della CHAIN2 nel progetto di autoconsumo collettivo condominiale EvoNaRse, la CHAIN2 a supporto delle smart appliances nell’home energy management….

Leggi tutto…

Realizzato da Snam4Environment, l’impianto è il primo di questo tipo in Sicilia e a pieno regime consentirà di recuperare circa 36.000 tonnellate/anno di FORSU, producendo 3,6 milioni di metri cubi di biometano e 10.000 tonnellate di digestato da usare come concime. Permetterà così di migliorare la gestione dei rifiuti nella provincia e di evitare l’immissione in atmosfera di 7.000 tonnellate di CO₂…

Leggi tutto…

Nel gennaio 2022, AMNU SpA, Azienda nota nel mondo dei Rifiuti in quanto premiata diverse volte negli ultimi 10 anni da Lega Ambiente come 1° Classificata in termini di % differenziata > 80% nella sua Categoria < = 100.000 ab, ha ufficializzato la sua fusione in STET SpA (Ente che gestisce l’Idrico) facendo nascere una unica società denominata AmAmbiente SpA. ...

Leggi tutto…

La società, partecipata dal Comune di Palermo, che gestisce la distribuzione gas, i servizi energetici e l’illuminazione pubblica in città, ha chiuso il 2021 con un utile di 827.000 euro, il miglior risultato degli ultimi 5 anni. Adesso punta a rinnovare i contratti con l’amministrazione comunale, puntando su efficienza e transizione energetica, mentre in ambito gas lavora a un progetto sull’idrogeno…

Leggi tutto…

10 i comuni della provincia di Arezzo interessati dai nuovi interventi finalizzati alla riduzione delle perdite idriche per un investimento che sfiora il mezzo milione di euro. Obiettivo che il gestore idrico sta perseguendo, innanzitutto, attraverso la distrettualizzazione delle infrastrutture di distribuzione e l’ottimizzazione delle pressioni delle reti…

Leggi tutto…