Dal MITE: 500 milioni per la resilienza delle reti elettriche

Nuove risorse a disposizione dei gestori delle reti di trasmissione e distribuzione elettrica per rafforzare le infrastrutture contro gli effetti del cambiamento climatico. È quanto prevede il decreto n. 150 del 2022, firmato dal ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, che dà attuazione alla misura del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza Interventi su resilienza climatica delle reti” (M2C2 2.2).

 

Un occhio di riguardo al Sud

La misura mette a disposizione 500 milioni di euro di contributi a fondo perduto per i concessionari della rete elettrica di trasmissione e distribuzione. Del totale dei fondi il 40% è destinato alle regioni meridionali, ovvero:

  • Abruzzo
  • Basilicata
  • Calabria
  • Campania
  • Molise
  • Puglia
  • Sardegna
  • Sicilia.

 

Reti più resilienti e meno interruzioni

Il decreto ripartisce le risorse sulle varie linee di intervento necessarie, finalizzate a raggiungere il target previsto dal PNRR. Target che consiste nell’aumentare la resilienza di almeno 4000 km della rete elettrica agli eventi meteorologici estremi (inondazioni, ondate di calore, cadute di alberi, ghiaccio e rischi idrogeologici). E nel ridurre la probabilità di interruzioni prolungate della fornitura elettrica e limitare le loro conseguenze sociali ed economiche negative per le aree interessate.

 

La ripartizione delle risorse

Andando un po’ più nello specifico, il provvedimento destina 150 milioni di euro a sostenere la realizzazione di interventi impattanti su almeno 1500 km della rete di trasmissione. 

I restanti 350 milioni di euro sono invece destinati alla realizzazione di interventi che interessano la rete di distribuzione, un costo massimo ammissibile non superiore a 125.000 euro/km.

La misura prevede che entro 15 giorni dalla sua entrata in vigore vengano adottati i provvedimenti che stabiliranno le modalità e i termini per la presentazione dei progetti da parte degli operatori delle reti. Così come i criteri per l’ammissibilità e valutazione dei progetti e per la concessione dei contributi.

L’ammontare massimo concedibile per ciascun progetto non è inferiore a un milione di euro.

 


Leggi anche

Il comune milanese ha affidato alla società del Gruppo A2A la gestione della pubblica illuminazione per i prossimi 15 anni. L’accordo prevede investimenti da parte della società per quasi 2 milioni di euro, per riqualificare e ammodernare gli impianti e installare circa 3.000 lampade Led. Interventi, che insieme all’utilizzo di energia rinnovabile, garantiranno un risparmio di 253 tep e di 250 tonnellate di CO2 …

Leggi tutto…

Il nuovo provvedimento, firmato dal ministro Roberto Congolani, definisce le regole e modalità per l’erogazione dei fondi, pari a 3,1 miliardi di euro, previsti dal PNRR per il rafforzamento delle reti intelligenti. Possono accedere al finanziamento tutti gli operatori della distribuzione elettrica per interventi finalizzati all’incremento della hosting capacity e dell’elettrificazione dei consumi. Il 45% delle risorse è destinato a progetti da effettuare in otto regioni del Centro-Sud. …

Leggi tutto…

Il comune ha approvato la proposta di project financing per la concessione del servizio e il miglioramento ed efficientamento degli impianti. Tra i quattro progetti presentati è stato scelto quello di Hera Luce, che garantirà un drastico abbattimento dei consumi, pari al 62% rispetto a quelli attuali, e prevede l’introduzione di innovazioni per implementare servizi di smart city. La durata della concessione è di 25 anni…

Leggi tutto…

La società ha concluso un importante intervento su un cavo sottomarino in media tensione indispensabile per garantire la distribuzione dell’elettricità nell’isola Flegrea. Per riparare il cavo posato sul fondale marino, sul quale era stato rilevato un guasto, a circa 3.100 metri dalla terraferma, è intervenuto un team di 20 persone composto anche dai sommozzatori specializzati della società Site …

Leggi tutto…

Realizzato nella centrale di Torino Nord, il sistema permette di dare impulso allo sviluppo delle rinnovabili e offrire servizi di sostegno alla stabilità della rete elettrica nazionale. Si tratta del primo sistema realizzato dal Gruppo dopo l’assegnazione da parte di Terna del 30% della capacità del Nord Italia di Fast Reserve…

Leggi tutto…