Dalla Bei finanziamento da 100 milioni per Acsm Agam

Un importante contributo a sostegno del piano di sviluppo di Acsm Agam arriva dalla Banca europea per gli investimenti (Bei). La multiutility del Nord della Lombardia, attiva nelle province di Monza, Como, Lecco, Sondrio e Varese, ha infatti ottenuto un finanziamento di 100 milioni di euro, con una durata fino a 16 anni, per la realizzazione del Piano di investimenti nel quinquennio 2019-2023.

Risorse che andranno a sostenere una serie di progetti distribuiti in tutti i territori di riferimento del gruppo, a beneficio di circa 900.000 abitanti, e che riguardano il settore dell’ambiente, le reti idriche ed elettriche, le centrali idroelettriche, il teleriscaldamento, l’illuminazione pubblica, efficienza energetica e smart city, la sicurezza informatica.

Per Acsm Agam l’operazione rappresenta un importante contributo al consolidamento della propria struttura finanziaria, consentendo di allungare la durata media del debito a condizioni competitive, avviando la collaborazione con un primario operatore di riferimento internazionale, quale è la banca dell’Unione europea. «Dopo la realizzazione di un’importante operazione di aggregazione nei territori di riferimento e l’approvazione di un ambizioso piano industriale, avere oggi il sostegno della Bei per realizzarlo con un orizzonte di lungo periodo, rappresenta un ulteriore fondamentale passo per lo sviluppo del nostro Gruppo», ha infatti sottolineato Paolo Soldani, amministratore delegato della multiutility.

Il prestito ha la garanzia del Fondo europeo per gli investimenti strategici (Feis), uno dei pilastri dell’Investment Plan for Europe, il cosiddetto Piano Juncker.

«L’Europa investe per aumentare la qualità della vita dei cittadini – ha commentato Paolo Gentiloni, Commissario europeo per l’economia-. Grazie al prestito di 100 milioni di euro della Banca Europea per gli Investimenti, parte del Piano Juncker, Acsm Agam potrà continuare a migliorare alcuni servizi pubblici nella Lombardia settentrionale, a partire dall’illuminazione stradale e la distribuzione di acqua e di elettricità».

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Dario Scannapieco, vicepresidente della Bei, che ha ricordato come «il finanziamento di progetti legati al risparmio energetico finalizzati a combattere i cambiamenti climatici è oggi la principale sfida della Bei, in quanto banca dell’Unione europea. In questo caso, il piano di investimenti del Gruppo Acsm Agam punta a migliorare la qualità, l’efficienza e la sicurezza dei servizi forniti. Un progetto di punta, che mostra come l’Europa possa avere un impatto positivo sulla vita dei cittadini europei».


Leggi anche

Gli interventi del valore complessivo di 3,2 milioni di euro interesseranno i comuni di Martignano e Nardò, in provincia di Lecce. A Martignano saranno posati 7,5 chilometri di nuovi tronchi fognari e sarà prolungata una condotta di distribuzione dell’acqua. A Nardò saranno completate le reti idriche e fognarie a servizio della frazione di Pagani, con la realizzazione di, rispettivamente, 3,5 e 3 chilometri di tubazioni …

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

Progettata da Risorse idriche, società di ingegneria del gruppo Smat, l’infrastruttura avrà un’estensione di oltre 14 chilometri e servirà il capoluogo piemontese e 20 comuni della sua area metropolitana sud. Un’opera dal costo di 120 milioni di euro che incrementerà la capacità idraulica del sistema per fronteggiare il notevole aumento delle portate miste effetto dei cambiamenti climatici…

Leggi tutto…

Previsti nel budget appena approvato dall’assemblea dei sindaci, gli investimenti saranno dedicati in gran parte al settore acquedotto, con interventi per 23 milioni, mentre la quota restante agli interventi su fognature e impianti di depurazione. Nel complesso, il budget prevede a fine 2020 un valore della produzione pari a 86.466.200 euro e costi della produzione per 83.959.334 euro…

Leggi tutto…

La nuova adduttrice avrà uno sviluppo complessivo di 47 chilometri e metterà a disposizione di alcuni quartieri di Bari e di tre comuni del suo l’hinterland le acque potabilizzate provenienti dall’impianto del Locone, in provincia di Barletta-Andria-Trani. Le procedure di gara per la sua realizzazione, per la quale è previsto un investimento di 80 milioni di euro, partiranno il prossimo anno …

Leggi tutto…