Dalla Commissione europea 55 milioni per la banda larga in Sicilia


Un investimento da 55 milioni di euro per portare la banda larga di nuova generazione anche nelle zone più remote della Sicilia. È il progetto approvato dalla Commissione europea, attraverso l’impiego di risorse del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr), che coinvolgerà in totale 142 comuni dell’isola, per una popolazione complessiva di 2,3 milioni di abitanti. Comuni che si trovano nelle cosiddette “aree bianche”, ovvero quelle parti del territorio dove gli operatori telecom non offrono alcun servizio e non sono interessati a intervenire con investimenti in infrastrutture digitali.
«Non si tratta solamente di far arrivare la banda larga nelle case siciliane, ma di offrire nuove opportunità economiche, servizi pubblici più accessibili e una nuova apertura sul mondo», ha commentato la commissaria Ue per la Politica regionale, Corina Cretu.
Il progetto europeo consentirà di coprire quasi l’intera Sicilia con una connessione superiore ai 30 Mbit/s, mentre per i grandi utilizzatori, come le piccole e medie imprese, che hanno bisogno di maggior connettività, sarà garantita una connessione superiore ai 100 Mbit/s. Il progetto rientra nel Piano nazionale italiano per la banda ultra larga, che dovrebbe essere portato a termine nel 2020.
Sempre in tema di banda larga in Sicilia, la Regione ha accelerato il programma dell’Agenda digitale, impegnando 106 milioni già quest’anno, su un complesso di 342 milioni di fondi europei da impiegare entro il 2020. L’iniziativa, illustrata al Digital day, a Palermo, dal vicepresidente e assessore all’Economia di Regione Sicilia, Gaetano Armao, ha al suo centro la realizzazione di un Data center regionale. Il Data center sorgerà a Palermo, nell’ex Consorzio Asi di Brancaccio, acquisito al patrimonio regionale e del quale è stata avviata la ristrutturazione, e sarà realizzato in 20 mesi, dal momento in cui l’Agenzia per l’Italia digitale validerà la localizzazione nell’immobile.


Leggi anche

Saranno completati entro quest’anno i lavori per portare la rete in fibra ottica in modalità FTTH in oltre 70.000 unità immobiliari della città lombarda. A velocizzare le opere, portate avanti da Open Fiber con un investimento di 16 milioni di euro, la collaborazione con A2A Smart City che, ponendosi come gestore unificato delle infrastrutture fisiche per le telecomunicazioni, ne favorisce un utilizzo coordinato e ottimizzato…

Leggi tutto…

La società di Enel e Cassa depositi e prestiti ha scelto Nokia come partner per la fornitura dei servizi Gigabit nei clusters C e D e per spianare la strada ai futuri sviluppi e alle opportunità offerte dalle tecnologie banda ultra-larga. Le soluzioni della società finlandese consentono infatti di offrire connessioni fino a 10 Gigabit al secondo e nel futuro fino a 40 Gbps…

Leggi tutto…

Conclusi con 5 mesi di anticipo sul programma i lavori per dotare il capoluogo siciliano di un’infrastruttura a banda ultralarga. L’opera, realizzata con un investimento di 90 milioni di euro, ha visto la posa di oltre 2.800 chilometri di fibra ottica in modalità FTTH, garantendo a ben 224.000 unità immobiliari una velocità di connessione di 1 Gigabit al secondo …

Leggi tutto…

La società partecipata da Enel e Cassa depositi e presiti Spa si aggiudica anche il terzo bando per la progettazione, realizzazione e gestione in modalità wholesale della rete pubblica nelle aree a fallimento di mercato. Bando che in questo caso riguarda le aree bianche di Puglia, Calabria e Sardegna dove l’infrastruttura sarà costruita con un finanziamento pubblico di 103 milioni di euro…

Leggi tutto…

È pronta la graduatoria dei progetti che saranno finanziati dal bando Lumen, promosso dalla Regione per ammodernare e rendere più efficiente l’illuminazione pubblica. Accedono ai finanziamenti, per 36 milioni di euro, 28 progetti che coinvolgono ben 125 comuni, e che attraverso l’adozione di soluzioni all’avanguardia potranno anche offrire nuovi servizi in ottica smart city …

Leggi tutto…