Dalla Commissione europea 55 milioni per la banda larga in Sicilia


Un investimento da 55 milioni di euro per portare la banda larga di nuova generazione anche nelle zone più remote della Sicilia. È il progetto approvato dalla Commissione europea, attraverso l’impiego di risorse del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr), che coinvolgerà in totale 142 comuni dell’isola, per una popolazione complessiva di 2,3 milioni di abitanti. Comuni che si trovano nelle cosiddette “aree bianche”, ovvero quelle parti del territorio dove gli operatori telecom non offrono alcun servizio e non sono interessati a intervenire con investimenti in infrastrutture digitali.
«Non si tratta solamente di far arrivare la banda larga nelle case siciliane, ma di offrire nuove opportunità economiche, servizi pubblici più accessibili e una nuova apertura sul mondo», ha commentato la commissaria Ue per la Politica regionale, Corina Cretu.
Il progetto europeo consentirà di coprire quasi l’intera Sicilia con una connessione superiore ai 30 Mbit/s, mentre per i grandi utilizzatori, come le piccole e medie imprese, che hanno bisogno di maggior connettività, sarà garantita una connessione superiore ai 100 Mbit/s. Il progetto rientra nel Piano nazionale italiano per la banda ultra larga, che dovrebbe essere portato a termine nel 2020.
Sempre in tema di banda larga in Sicilia, la Regione ha accelerato il programma dell’Agenda digitale, impegnando 106 milioni già quest’anno, su un complesso di 342 milioni di fondi europei da impiegare entro il 2020. L’iniziativa, illustrata al Digital day, a Palermo, dal vicepresidente e assessore all’Economia di Regione Sicilia, Gaetano Armao, ha al suo centro la realizzazione di un Data center regionale. Il Data center sorgerà a Palermo, nell’ex Consorzio Asi di Brancaccio, acquisito al patrimonio regionale e del quale è stata avviata la ristrutturazione, e sarà realizzato in 20 mesi, dal momento in cui l’Agenzia per l’Italia digitale validerà la localizzazione nell’immobile.


Leggi anche

Già attiva in tutto il territorio nazionale, la rete di trasporto è costituita da 6300 km di fibra ottica ed è in grado di raggiungere una velocità di 400 Gigabit per secondo. Realizzata con apparati di ultima generazione, permetterà di offrire agli operatori nuovi servizi e di rispondere ai crescenti volumi di traffico generati dalle applicazioni più avanzate che la rete a banda ultralarga abilita …

Leggi tutto…

Nominato all’unanimità dal Collegio. La nomina sarà operativa dalla data di formale autorizzazione da parte della Presidenza del Senato della Repubblica….

Leggi tutto…

La società ha sottoscritto con un pool di 13 banche, che comprende istituti nazionali e internazionali, un mega finanziamento destinato a sostenere la costruzione della rete in fibra ottica in modalità Fttc in tutta Italia, raggiungendo 19,5 milioni di unità immobiliari. Della partita anche Cassa depositi e prestiti e banca europea per gli investimenti …

Leggi tutto…

Supportare gli investimenti di realtà pubbliche e private per lo sviluppo della banda larga nelle zone rurali e scarsamente popolate d’Europa. Con questo obiettivo è stato creato il Connecting Europe Broadband Fund. Che ora ottiene la sua prima dotazione di risorse, messe a disposizione dai partner: Commissione europea, Banca europea per gli investimenti, KfW, la nostra Cassa depositi e prestiti e la francese Caisse des Dépôts

Leggi tutto…

Uno studio dell’Eca sottolinea come il nostro paese difficilmente riuscirà a centrare gli obiettivi europei al 2020 sulla banda larga. Ma potrebbe raggiungere i target al 2025, grazie allo schema wholesale adottato da Open Fiber. Apprezzato anche il piano di investimenti diretti per la creazione dell’infrastruttura libera: un modello anche per il resto d’Europa

Leggi tutto…