Dall’UE 573 milioni per la banda ultra larga in Italia

Arriva dall’Unione Europea un importante aiuto per lo sviluppo della banda ultra larga nelle aree bianche italiane, ovvero quelle porzioni del territorio, presenti in tutte le regioni, dove i privati non hanno convenienza a investire nella realizzazione dell’infrastruttura. La Commissione Europea ha infatti adottato un nuovo programma nell’ambito della Politica di Coesione, programma che destina al nostro Paese oltre 573 milioni di euro per lo sviluppo delle connessioni veloci.

Il finanziamento garantisce un sostegno fondamentale al Piano digitale italiano – banda ultra larga, la strategia nazionale per la rete d’accesso di nuova generazione, e riguarderà, appunto le aree bianche. L’obiettivo dell’iniziativa è ridurre il “digital divide” portando la banda ultra larga nelle aree dove non è al momento disponibile. Secondo le stime della Commissione europea, il programma interesserà oltre 7.000 comuni italiani, per un totale di 12,5 milioni di abitanti, il 20% della popolazione italiana, e quasi un milione di imprese.

La Strategia nazionale per la banda ultralarga, di cui fa parte il programma, punta ad assicurare una velocità di connessione ad Internet pari ad almeno a 100 megabit al secondo (Mbps) nell’85% delle case italiane e in tutti gli edifici pubblici, soprattutto scuole e ospedali, e di 30 Mbps in tutti gli altri luoghi.

L’Italia è il secondo percettore di Fondi di investimento strutturali, inclusi i Fondi della politica di coesione, con 44,7 miliardi di risorse destinate per il periodo 2014-2020. Di questi, 1,9 miliardi sono dedicati agli investimenti nei servizi digitali e nella banda larga. Il nostro paese è anche il secondo maggiore beneficiario del Piano Juncker, il Piano Europeo per gli investimenti, con 63,3 miliardi già mobilitati e oltre 286.000 piccole e medie imprese che hanno potuto trarre vantaggio da un migliore accesso ai finanziamenti.

Per il prossimo bilancio europeo la Commissione propone 43,5 miliardi per Fondi di coesione assegnati all’Italia per supportare la ripresa economica. Una dotazione finanziaria che registra un aumento di 8,5 miliardi di euro, nonostante un contesto di generale riduzione dei fondi destinati alla politica di coesione.


Leggi anche

Ad annunciarlo l’amministratore delegato della società, Elisabetta Ripa, in un’intervista nella quale ha precisato che tutte le regioni saranno cablate a quella data, a eccezione di Piemonte, Veneto e Lombardia dove la rete a banda ultralarga in modalità Ftth sarà invece pronta per il 2023. Pollice verso all’ipotesi di creare una rete unica con Tim …

Leggi tutto…

Le due società stanno dando una decisa accelerata ai programmi di cablaggio per accendere la rete pubblica in fibra ottica nelle aree bianche di otto regioni: Abruzzo, Calabria, Lazio, Lombardia, Marche, Puglia e Sardegna. Al momento sono stati già conclusi interventi in 241 comuni con l’obiettivo di arrivare a 310 entro il prossimo mese di maggio…

Leggi tutto…

Pubblicata e disponibile sul sito della società del ministero dello Sviluppo economico la nuova gara, del valore di 13 milioni di euro, per la progettazione e la realizzazione della rete in fibra ottica in 66 comuni di Abruzzo, Calabria, Puglia, Sardegna e Toscana. Il termine per la presentazione delle proposte, che saranno valutate con il criterio dell’offerta economicamente vantaggiosa, è fissato al prossimo 20 aprile…

Leggi tutto…

Ad annunciarlo il ministro per l’Innovazione, Paola Pisano, nel corso dell’ultima riunione del Comitato per la diffusione della banda ultralarga. Dopo i precedenti bandi per la realizzazione dell’infrastruttura nelle aree bianche, quelle a fallimento di mercato, la nuova gara permetterà di estendere la rete nei territori dove è presente un solo operatore …

Leggi tutto…

Supportato da un investimento di 19 milioni di euro, il piano messo a punto renderà più sicura ed efficiente la rete nell’area del capoluogo toscano. Prevista la posa di 15 chilometri di nuove linee in cavo interrato, che consentiranno di dismettere circa 20 chilometri di vecchi elettrodotti aerei e di demolire 78 tralicci. Inoltre, la società lascerà anche 11 chilometri di infrastrutture elettriche predisposte per la posa di fibra ottica da utilizzare per la cablatura della città …

Leggi tutto…