Dall’UE 573 milioni per la banda ultra larga in Italia

Arriva dall’Unione Europea un importante aiuto per lo sviluppo della banda ultra larga nelle aree bianche italiane, ovvero quelle porzioni del territorio, presenti in tutte le regioni, dove i privati non hanno convenienza a investire nella realizzazione dell’infrastruttura. La Commissione Europea ha infatti adottato un nuovo programma nell’ambito della Politica di Coesione, programma che destina al nostro Paese oltre 573 milioni di euro per lo sviluppo delle connessioni veloci.

Il finanziamento garantisce un sostegno fondamentale al Piano digitale italiano – banda ultra larga, la strategia nazionale per la rete d’accesso di nuova generazione, e riguarderà, appunto le aree bianche. L’obiettivo dell’iniziativa è ridurre il “digital divide” portando la banda ultra larga nelle aree dove non è al momento disponibile. Secondo le stime della Commissione europea, il programma interesserà oltre 7.000 comuni italiani, per un totale di 12,5 milioni di abitanti, il 20% della popolazione italiana, e quasi un milione di imprese.

La Strategia nazionale per la banda ultralarga, di cui fa parte il programma, punta ad assicurare una velocità di connessione ad Internet pari ad almeno a 100 megabit al secondo (Mbps) nell’85% delle case italiane e in tutti gli edifici pubblici, soprattutto scuole e ospedali, e di 30 Mbps in tutti gli altri luoghi.

L’Italia è il secondo percettore di Fondi di investimento strutturali, inclusi i Fondi della politica di coesione, con 44,7 miliardi di risorse destinate per il periodo 2014-2020. Di questi, 1,9 miliardi sono dedicati agli investimenti nei servizi digitali e nella banda larga. Il nostro paese è anche il secondo maggiore beneficiario del Piano Juncker, il Piano Europeo per gli investimenti, con 63,3 miliardi già mobilitati e oltre 286.000 piccole e medie imprese che hanno potuto trarre vantaggio da un migliore accesso ai finanziamenti.

Per il prossimo bilancio europeo la Commissione propone 43,5 miliardi per Fondi di coesione assegnati all’Italia per supportare la ripresa economica. Una dotazione finanziaria che registra un aumento di 8,5 miliardi di euro, nonostante un contesto di generale riduzione dei fondi destinati alla politica di coesione.


Leggi anche

Il bando, che Open Fiber si è aggiudicato, riguarda lo sviluppo della banda ultralarga nelle aree a fallimento di mercato in Puglia, Calabria e Sardegna. Il contratto prevede la costruzione e la gestione per 20 anni dell’infrastruttura pubblica che collegherà 317.000 unità immobiliari in 959 comuni per oltre 400.000 cittadini interessati, con un investimento pubblico di 103 milioni di euro…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato da Idate e presentato alla FTTH Conference 2019 sottolinea come il nostro Paese abbia registrato il maggior tasso di crescita delle connessioni in modalità FTTH-FTTB in Europa, con il numero delle unità immobiliari passato da 4,4 a 6,3 milioni da settembre 2017 allo stesso mese del 2018. Un incremento del 43,1% a fronte di una media continentale del 15,7% …

Leggi tutto…

Saranno completati entro quest’anno i lavori per portare la rete in fibra ottica in modalità FTTH in oltre 70.000 unità immobiliari della città lombarda. A velocizzare le opere, portate avanti da Open Fiber con un investimento di 16 milioni di euro, la collaborazione con A2A Smart City che, ponendosi come gestore unificato delle infrastrutture fisiche per le telecomunicazioni, ne favorisce un utilizzo coordinato e ottimizzato…

Leggi tutto…

La società di Enel e Cassa depositi e prestiti ha scelto Nokia come partner per la fornitura dei servizi Gigabit nei clusters C e D e per spianare la strada ai futuri sviluppi e alle opportunità offerte dalle tecnologie banda ultra-larga. Le soluzioni della società finlandese consentono infatti di offrire connessioni fino a 10 Gigabit al secondo e nel futuro fino a 40 Gbps…

Leggi tutto…

Conclusi con 5 mesi di anticipo sul programma i lavori per dotare il capoluogo siciliano di un’infrastruttura a banda ultralarga. L’opera, realizzata con un investimento di 90 milioni di euro, ha visto la posa di oltre 2.800 chilometri di fibra ottica in modalità FTTH, garantendo a ben 224.000 unità immobiliari una velocità di connessione di 1 Gigabit al secondo …

Leggi tutto…