Debutta a Verona l’illuminazione Smart con ricarica per i veicoli

Verona guarda al futuro: un futuro sempre più smart. Nella città veneta è iniziata, prima in Europa, la sperimentazione di una nuova generazione di pali “intelligenti” per l’illuminazione, cablati in fibra ottica che, oltre a illuminare in modo efficiente, grazie alle lampade a led, contengono anche una presa di ricarica veicoli elettrici a 22 kWh, un’antenna wifi, una telecamera ad alta definizione per il controllo urbano in tempo reale e per la gestione dei parcheggi.

I nuovi pali smart sono anche già predisposti, e a breve verranno attivati, per il monitoraggio ambientale, il telecontrollo delle infrastrutture, il monitoraggio della raccolta dei rifiuti, l’erogazione di servizi istituzionali e commerciali. Sviluppati da Agsm, rappresentano insomma una nuova generazione di infrastrutture per la diffusione di servizi avanzati IoT (Internet of Things) e rappresentano una delle soluzioni più qualificanti del programma Electrify Verona, il piano a sostegno dello sviluppo della mobilità elettrica, avviato a settembre dello scorso anno dal Comune di Verona con Agsm Verona e Volkswagen Group Italia.

«Siamo molto orgogliosi dell’avvio di questa sperimentazione, la prima in Europa, fondamentale per lo sviluppo di una serie di servizi urbani in versione digitale che vanno ben oltre l’illuminazione pubblica moderna, per arrivare alla mobilità elettrica che si basa necessariamente su una rete infrastrutturale di rifornimento nuova e capillare – ha commentato Michele Croce, presidente Agsm Verona -. Inauguriamo il modello Verona di Smart City, intesa come prima città che nel 2019 inizia a dotarsi di un’infrastruttura integrata, innovativa ed eco-sostenibile al servizio del cittadino e del turista. Promuoveremo e offriremo questo modello a tutte le città d’Italia»

Un modello nel quale il gruppo crede fortemente e nel quale lo sviluppo della mobilità elettrica è uno degli aspetti centrali. Obiettivo del gruppo è infatti installare almeno 100 punti di ricarica veloci in città entro il 2021, con pali intelligenti che a breve verranno installati anche nella versione a doppio punto, che consentiranno l’avvio di nuovi servizi. Intanto anche i cittadini hanno accolto bene l’innovazione, tanto che Electrify Verona allo scorso dicembre, quindi a quattro mesi dal suo avvio, ha erogato, tramite la rete di Agsm, ben 30.637 kWh, pari a circa 3.000 ricariche effettuate in città.


Leggi anche

alleanza

Definito da AGSM Verona e AIM Vicenza il progetto industriale preliminare che pone le basi per la nascita di una nuova multiutility leader nel Triveneto. Al via il processo di condivisione del progetto con le amministrazioni locali…

Leggi tutto…

Politecnico di Bari

Il laboratorio multidisciplinare dedicato alla ricerca e innovazione nel campo dei sistemi elettrici sorgerà all’interno del Politecnico del capoluogo pugliese. La ricerca si concentrerà su cinque temi: l’edge computing/distributed computing, per la raccolta e l’analisi dei dati in tempo reale, i servizi avanzati per le infrastrutture elettriche, la sicurezza informatica, le tecnologie digitali e l’additive manufacturing…

Leggi tutto…

Invitalia ha pubblicato il bando nazionale Impresa SIcura che permette alle aziende di ottenere il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi e altri strumenti di protezione individuale (DPI) per il contenimento e il contrasto dell’emergenza Covid-19…

Leggi tutto…

Sede Estra

Lo scorso anno è stato particolarmente positivo per la multiutility dell’energia e dei servizi ambientali, grazie al miglioramento e all’estensione delle performance di tutti i settori di business. Il bilancio consolidato, approvato dal consiglio di amministrazione, ha registrato un incremento dei ricavi del 18% rispetto all’anno precedente, sfiorando il miliardo di euro. Su del 35% anche il margine operativo lordo, pari a 37,8 milioni, e addirittura del 117% l’utile netto pari a 16,7 milioni…

Leggi tutto…

Al via per il terzo anno consecutivo la gara congiunta dei gestori pubblici dell’acqua di Lombardia e Piemonte per la fornitura di energia elettrica da fonti rinnovabili. L’importo è di 139 milioni di euro circa…

Leggi tutto…