Distribuzione idrica: approvvigionamento intelligente per la comunità

Mr. Sok Por, Manager of the water plant

Se la pressione saliva superando le quattro barre, dovevamo usare solo una pompa per stabilizzare la pressione ed evitare la rottura delle tubature dell’acqua”, afferma il direttore Sok Por.

Il team, in standby, doveva controllare continuamente la pressione”.

 
 
Nonostante la buona volontà, il team sovrastimava spesso la pressione necessaria, causando danni alle tubature, perdite di acqua non fatturabile e sprechi di energia. L’acqua non fatturabile era pari al 26% del totale, i costi per le parti di ricambio delle pompe erano elevati e gli abitanti dei villaggi più lontani dall’impianto non avevano pressione sufficiente.

Con Demand Driven Distribution, Takéo è riuscita a ridurre gli sprechi di acqua, riducendo anche i prodotti chimici utilizzati per il trattamento dell’acqua e il numero di ore dedicato al monitoraggio delle pompe.


 

NUOVO SISTEMA

Takéo Safe Water Supply si è rivolta a Grundfos per implementare una tecnologia ben comprovata, la Demand Driven Distribution (DDD).

Per il sistema DDD, Grundfos ha fornito pompe NKE, sensori per il monitoraggio della pressione e della portata nei punti remoti più critici e i controller di sistema CU 354 e CIU 250 per il monitoraggio remoto.
 

MASSIMA AFFIDABILITÀ E COMFORT

Prima di installare un sistema DDD con pompe ad alta efficienza, pannelli di controllo e sensori di pressione, Grundfos ha effettuato un audit del sistema di pompaggio dell’impianto di Takéo.

Grundfos ha installato sensori nei punti critici della rete che misurano la pressione e la portata in base al consumo e inviano informazioni al pannello di controllo dell’impianto. Nel tempo, il sistema impara a prevedere i modelli di consumo, adeguando la pressione del sistema.

Gli addetti delle stazioni non credevano che il sistema potesse funzionare automaticamente. 
Prima dell’installazione, temevo che le tubature potessero scoppiare”, afferma Sok Por. “Se la pompa che eroga l’acqua durante la notte è impostata sull’alta pressione, ma meno persone utilizzano l’acqua, il sistema riduce la pressione autonomamente. Non mi aspettavo una cosa del genere. Ma è stato così. Fantastico!

I villaggi intorno all’impianto idrico ora hanno acqua 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. I residenti non devono acquistare acqua in più: aprono semplicemente il rubinetto.
 

RISULTATO
  • I villaggi hanno accesso all’acqua 24 ore al giorno
  • Riducendo le perdite idriche, la società ha ottenuto risparmi sull’elettricità e sulle materie prime
  • L’acqua viene erogata in base alla pressione richiesta dai clienti
  • Il sistema DDD significa che il personale non ha più bisogno di monitorare le pompe costantemente

Leggi anche

Partita l’installazione delle apparecchiature che consentiranno di suddividere i 40 chilometri di rete di distribuzione in quattro distretti, ognuno dei quali avrà una propria regolazione. Successivamente si partirà con il programma di sostituzione delle condotte ammalorate, che interesserà ben il 70% dell’infrastruttura, per mettere fine alle dispersioni idriche particolarmente elevate nel comune dell’oristanese….

Leggi tutto…

Presentato il nuovo piano 2020-2026 che prevede una crescita degli investimenti di ben 1,1 miliardi rispetto al documento precedente. 2 miliardi saranno destinati alle gare gas e oltre 3 miliardi all’ammodernamento delle infrastrutture. Altri punti strategici saranno l’innovazione e la digitalizzazione delle reti, con 1,1 miliardi dedicati, e la crescita in settori quali l’efficienza energetica e il servizio idrico….

Leggi tutto…

Via libera dal gestore idrico pugliese a un nuovo mega pacchetto di bandi, che include il potenziamento della rete fognaria idrica di alcuni quartieri di Bari, per un valore di 23,8 milioni di euro, e la progettazione esecutiva del prolungamento della condotta sottomarina a servizio del depuratore Bari Est. Approvate anche le gare per la fornitura di elettricità, ben 112 milioni, e l’ampliamento del SIT aziendale….

Leggi tutto…

L’operazione, che ha coinvolto 6 gestori consorziati, contribuirà a finanziare investimenti per 700 milioni di euro nei prossimi 4 anni nelle infrastrutture del Servizio Idrico Veneto. A sottoscrivere le nuove obbligazioni la BEI con 124 milioni di euro, Cassa Depositi e Prestiti con 30 milioni, Kommunalkredit Austria con 74 milioni, e altri investitori di mercato per i restanti 20 milioni. …

Leggi tutto…

Dopo una fase pilota, limitata lo scorso anno ad alcune strade, il progetto Aquarius per la ricerca delle dispersioni si estende a tutta la città. Già installati 170 sensori che monitorano le reti rilevando il rumore di eventuali fuoriuscite di acqua, così da individuare le tubazioni ammalorate. Un’attività che nel prossimo quinquennio toccherà 1700 km di tubazioni di Brescia e di alcuni comuni della sua provincia….

Leggi tutto…