Distribuzione reti preisolate interrate per impianto di condizionamento e di riscaldamento presso Ospedale Borgo Trento a Verona


Il contesto

Si tratta della parte storica dell’ospedale, voluta nel 1895 dal cavalier Alessandro Alessandri che destinò un lascito testamentario per la costruzione di un “ospedale per bambini” che venne poi inaugurato il 7 giugno del 1914 su un terreno di circa 3400 m², nella zona nord-ovest di Verona. Ampliato poi nel 1930, negli ultimi anni l’azienda è andata incontro a processi di riorganizzazione e ristrutturazione: presso tale sede è stato inaugurato nel 2010 il polo chirurgico “P. Confortini” di oltre 70.000 m² e, nell’aprile 2017, il nuovo ospedale della Donna e del Bambino che ospita le unità operative complesse di competenza.

 

Scheda lavori

Committente: Ospedale Borgo Trento a Verona

Progettista: SIA Studio Ingegneria Associati Bordignon – Barban – Sabatini

Installatore: Tecnoimpianti Srl

Grossista: Bagno Design Srl

Materiali Impiegati: Sistema Iso-technik con tubazioni faser ISO FIBER-COND SDR 11

 

L’intervento

L’intervento ha previsto il rifacimento del sistema di distribuzione delle reti di condizionamento e riscaldamento di alcune ali e reparti dell’ospedale. A tal fine, sono state utilizzate le tubazioni preisolate in polipropilene del sistema Iso-technik Fiber-Cond in posa interrata.

Il percorso delle tubazioni ha previsto una distribuzione multilinea che si diparte dalla nuova centrale termica e di condizionamento remota e va a servire ogni singola ala dei vari reparti.

Per la realizzazione del progetto sono stati utilizzati:

150 m di tubazione faser ISO  FIBER-COND di Ø 160 – 250 mm

120 m di tubazione ISO  FIBER-COND di Ø 200 – 315 mm

250 m di tubazione  ISO  FIBER-COND di Ø 250 – 400 mm

Relativi raccordi e flange

 

Lavorando in ambito sanitario, è fondamentale garantire efficacia, affidabilità e durata degli impianti installati. Altra richiesta da soddisfare è quella di creare meno disagio possibile alla struttura, essendo un ambiente operativo non-stop. Per far fede a questi imprescindibili prerequisiti, sono state scelte tubazioni preisolate con posa interrata. Le tubazioni in materiale sintetico come i tubi faser ISO FIBER-COND offrono infatti un’elevata resistenza a fenomeni corrosivi rispetto alle tradizionali tubazioni in materiale ferroso; il basso peso del materiale facilita la posa e l’installazione evitando l’impiego di particolari mezzi da cantiere come gru e paranchi.

 

La scelta dei materiali

La scelta progettuale relativa alla tipologia del sistema è ricaduta quindi sul nostro sistema Iso-technik, un sistema integrato ad alta affidabilità che permette operazioni di posa semplici e veloci e offre sicurezza di giunzione mediante polifusione. Le alte performance delle tubazioni di servizio permettono di realizzare impianti con tubi di spessore inferiore a quello tradizionale, incrementando la portata d’acqua complessiva. Il rivestimento composto dal poliuretano espanso garantisce un elevato isolamento termico. La guaina esterna in PE-HD protegge da agenti atmosferici e correnti vaganti presenti nel terreno.


L’impianto realizzato

La realizzazione dell’impianto è avvenuta secondo le tempistiche previste. Il rispetto dei tempi di esecuzione è in stretta correlazione con la scelta del sistema, la cui facilità di posa ha facilitato la movimentazione e la stesura. La caratteristica intrinseca di leggerezza delle tubazioni in materiale plastico fa intuire facilmente i vantaggi che si possono avere a piè d’opera: ricordiamo infatti che il ferro preisolato pesa il 40% in più rispetto alla corrispettiva versione in PP-R. L’attrezzatura specifica per la saldatura in opera è ricaduta sul modello CTR Prisma. Aquatechnik ha inoltre fornito supporto tecnico, offrendo formazione teorica e pratica degli addetti ai lavori e restando a disposizione nel fornire indicazioni durante il lavoro in opera. Nota di merito va però riconosciuta alla professionalità della squadra installatrice della ditta Tecnoimpianti del Sig. Andrea Alessi che ha operato con grande competenza.

 


Leggi anche

La mega opera, che fornirà acqua di qualità, attinta dalla diga di Rochemolles, a 27 comuni della Valle, attraverso un sistema di condotte che si estende per 96 chilometri, con una portata di 600 litri al secondo, è stata inaugurata alla fine del mese di giugno. La sua realizzazione ha richiesto 10 anni di lavoro e un investimento di 127 milioni di euro…

Leggi tutto…

Dopo che il Parlamento finlandese ha approvato una legge che vieta l’utilizzo del carbone per la generazione di energia, diverse sono le ipotesi allo studio per trovare alternative al combustibile fossile, che attualmente garantisce oltre il 50% dell’energia termica distribuita dalla rete cittadina. Dalle biomasse alla geotermia, al recupero di calore prodotto dai data center…

Leggi tutto…

Il piccolo borgo in Val di Merse, in provincia di Siena, entro il 2020 potrà contare sulla sua rete di distribuzione del calore a zero impatto ambientale, grazie all’accordo siglato dal Comune di Chiusdino, del quale fa parte, con Enel Green Power. La realizzazione del sistema richiederà un investimento di 2 milioni di euro, e i lavori saranno equamente ripartiti tra il Comune e la società del Gruppo Enel…

Leggi tutto…