e-distribuzione attiva in Puglia la rete elettrica del futuro

È operativo il progetto Pan, Puglia active network, la grande opera di e-distribuzione che ha visto la Puglia protagonista di uno dei maggiori programmi di smart grid al mondo.

Avviato nel 2014 in risposta al bando europeo Ner 300, strumento di finanziamento promosso dalla Commissione europea con l’obiettivo di ridurre le emissioni dei gas serra, il Pan ha permesso di rendere la rete elettrica pugliese intelligente e flessibile. Oggi è pronta ad accogliere l’energia prodotta da migliaia di impianti rinnovabili e a garantire un servizio sempre più avanzato e green.

Tre le azioni principali alla base del progetto, di cui beneficeranno oltre 2 milioni di cittadini pugliesi: la digitalizzazione della rete elettrica, lo sviluppo su scala regionale di una infrastruttura di ricarica per veicoli, l’abilitazione dei cittadini alla gestione attiva dei consumi.

I lavori hanno interessato circa 30.000 chilometri di rete di media tensione, alla quale sono connessi oltre 44.000 impianti di produzione da fonte rinnovabile: infrastrutture sempre più smart in grado di dialogare tra loro e intervenire immediatamente in caso di guasti.

«Questo progetto fa della Puglia una regione all’avanguardia a livello internazionale – ha commentato Vincenzo Ranieri, amministratore delegato di e-distribuzione. Con Pan una rete smart percorre l’intera regione, favorendo l’integrazione delle rinnovabili e trasportando informazioni e dati insieme all’elettricità: un esempio concreto di come l’infrastruttura di distribuzione possa favorire la transizione energetica e diventare sempre più efficiente, sostenibile, affidabile. Da qui nasce la rete del futuro».

Altrettanto imponente il valore complessivo del piano che è stato realizzato con un investimento di 170 milioni di euro, cofinanziato al 50% dalla Commissione europea.

Alla presentazione del progetto, svoltasi a Bari, hanno partecipato, oltre a Ranieri, Andrea Cioffi, sottosegretario allo Sviluppo economico, Michele Emiliano, presidente di Regione Puglia, Domenico De Bartolomeo, presidente di Confindustria Regione Puglia, e Livio Gallo, direttore della Divisione globale infrastrutture e reti di e-distribuzione.


Leggi anche

A realizzarla sarà l’associazione temporanea di imprese, costituita da Varese Risorse, A2A Illuminazione Pubblica e Di Bella Costruzioni, che si è aggiudicata il bando da 30 milioni di euro e della durata di 6 anni. Questo prevede l’installazione di oltre 28.000 nuovi punti luce a Led, gestiti da remoto, che garantiranno un risparmio sui consumi energetici del 65% e la mancata emissione di 2400 tonnellate di CO2…

Leggi tutto…

La collaborazione ha l’obiettivo di promuovere la ricerca nel campo della sicurezza per accompagnare la transizione energetica in atto. Parte della partnership sarà focalizzata sulla sperimentazione di prototipi di Smart military district, distretti energetici intelligenti dove si può massimizzare l’efficienza, l’approvvigionamento da fonti sostenibili, l’autoconsumo e la gestione dei flussi energetici in tempo reale in un ambiente totalmente sicuro…

Leggi tutto…

I due gruppi hanno sottoscritto un term sheet per il riassetto delle attività di distribuzione gas e lo sviluppo di una società di commercializzazione dell’energia nei territori di Veneto, Friuli e Lombardia. Grazie a questa operazione, Ascopiave cresce nella distribuzione gas, diventando il primo operatore del Nord-Est, mentre Hera supera il target dei 3 milioni di clienti energy…

Leggi tutto…

Entra nella fase operativa il Cluster tecnologico nazionale “Energia”, che riunisce 72 realtà, tra imprese università, centri di ricerca ed enti territoriali, con l’obiettivo di sviluppare nuove soluzioni per il sistema energetico nazionale. Smart grid e sistemi di accumulo da una parte e produzione di elettricità ed energia termica con il solare a concentrazione dall’altra, i primi due progetti-pilota avviati…

Leggi tutto…

Di fronte alla sfida imposta dai cambiamenti climatici e dalla trasformazione sempre più veloce delle città, la tecnologia e la digitalizzazione svolgeranno un ruolo centrale. Negli interventi istituzionali gli specialisti di enti e utilities mostreranno come le nuove tecnologie siano indispensabili per garantire la continuità dei servizi erogati, riprogettarli e migliorarne la gestione e la qualità in funzione delle nuove esigenze e in un’ottica di sostenibilità ambientale, anche grazie a una più efficiente e capillare raccolta dati….

Leggi tutto…