E-distribuzione capofila del progetto ComESto

Sempre più energia da fonti rinnovabili e maggiore necessità di integrare i sistemi di storage distribuiti. Da questa esigenza ha preso il via il progetto ComESto: Community Energy Storage – Gestione aggregata di sistemi d’accumulo dell’energia in power cloud”, che vede E-distribuzione come capofila. Un piano che vedrà impegnati per i prossimi 30 mesi 14 partner tra grandi imprese, PMI, università, enti e organismi di ricerca.

Il progetto ha come obiettivo di integrare i sistemi di accumulo di energia e quelli di generazione da fonti rinnovabili per favorire la partecipazione attiva degli utenti finali, titolari di piccole utenze civili, ai mercati dell’energia all’ingrosso e al dettaglio. Per realizzare questo obiettivo, consumer e prosumer sono aggregati in “Community Energy Storage” dove acquisiranno maggiore conoscenza e consapevolezza delle proprie esigenze di consumo e dei benefici derivanti dall’utilizzo distribuito e capillare delle fonti rinnovabili.

Le Community Energy Storage si muoveranno in una piattaforma nella quale saranno anche sviluppati modelli previsionali, di producibilità e di carico, con analisi di sostenibilità economica e ambientale delle tecnologie analizzate.

La società del gruppo Enel avrà inoltre l’ownership delle attività di sviluppo di un innovativo tool di supporto al processo decisionale per la pianificazione della rete attraverso l’applicazione di algoritmi di Intelligenza Artificiale e di Machine Learning. Per fare questo potrà contare anche sul Digital Hub, che supporterà l’innovazione dei processi di gestione tecnica della rete, e sulle competenze dell’Università della Calabria e del dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Bari.

«Il primo obiettivo è stato raggiunto, abbiamo creato la migliore fra le “community” possibili riunendo nel partenariato le competenze più adeguate al raggiungimento degli obiettivi di progetto – ha commentato Simone Tegas, project manager di ComESto –. Adesso è il momento di lanciare e sviluppare le Community energy storage».

In questo scenario e-distribuzione guiderà la ricerca affinché le community di clienti, in modalità grid-connected, diventino strumento ideale per soddisfare le esigenze del distributore.

Il progetto rientra nel bando di Ricerca industriale e sviluppo sperimentale del Programma operativo nazionale 2015-2020 promosso dal Ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca (Miur), area di specializzazione energia.


Leggi anche

Oltre 27 milioni di euro per i lavori, durati 5 anni, di ammodernamento dell’intera infrastruttura di distribuzione elettrica a servizio della città e dei comuni della sua provincia. Realizzate tre nuove cabine primarie, 250 km di linee di ultima generazione, per un’opera ad altissimo livello di automazione che garantirà affidabilità e flessibilità al sistema elettrico di un’area a forte vocazione industriale …

Leggi tutto…

È quanto previsto dal provvedimento appena approvato dal Consiglio regionale. Le risorse andranno a sostenere i progetti dei Comuni per rendere più efficiente, sotto il profilo economico e ambientale l’illuminazione, migliorare la qualità del servizio e implementare servizi evoluti in ottica smart city. I finanziamenti, a fondo perduto, copriranno fino all’80% del costo degli interventi …

Leggi tutto…

Mettendo a frutto le competenze di Aliplast, società di Herambiente specializzata nel trattamento e riciclo della plastica, e la collaborazione con Idrotherm 2000, il Gruppo ha sviluppato delle tubazioni strutturate in Pe con un contenuto del 70% di materiale riciclato. Un chilometro di nuove condotte è stato già posato nei lavori sulla rete elettrica a Imola e Modena e a gennaio altri 2 km saranno posati nel cantiere sulla rete fognaria nel territorio di Rimini…

Leggi tutto…

Obiettivo del bando è lo sviluppo di reti intelligenti integrate con soluzioni Ict che aiutino a migliorare l’efficienza delle infrastrutture elettriche di distribuzione presenti sul territorio lucano. Aperta ai titolari delle reti di distribuzione, la gara prevede un finanziamento non inferiore a 1 milione per progetto. Il termine ultimo per presentare la candidatura è il 15 settembre…

Leggi tutto…

L’amministratore comunale ha presentato un progetto per rendere più efficiente il sistema di illuminazione della città del valore di 5 milioni di euro, da finanziare in gran parte, circa 3,8 milioni, con fondi europei. Prevede la sostituzione di 5000 corpi illuminanti del centro storico con nuove lampade a Led e di 135 quadri elettrici…

Leggi tutto…