E-distribuzione: concluso il rinnovo della Cabina primaria di Cento distrutta dal sisma

È tornata in funzione la Cabina primaria di Cento, che sorge nel comune in provincia di Ferrara. Noto fondamentale del sistema elettrico del ferrarese, l’impianto torna a nuova vita, grazie al lavoro di E-distribuzione che l’ha ristrutturata e dotata delle migliori tecnologie disponibili, dopo 6 anni di fermo, provocati dalle gravi lesioni subìte a seguito del sisma del 2012.

La società ha investito oltre 1,8 milioni di euro per il rinnovamento tecnologico dell’impianto, rendendo più efficiente e affidabile il servizio elettrico nell’area a sud-ovest di Ferrara. Con 80 MW di potenza disponibile, 2 trasformatori di ultima generazione, dalla Cabina si diramano oltre 190 km di linee che, attraverso 330 cabine secondarie distribuiscono energia elettrica nei comuni di Cento, Terre del Reno, Pieve di Cento, Castello d’Argile, Crevalcore, San Giovanni in Persiceto. Energia che soddisfa il fabbisogno elettrico di oltre 22.000 clienti e di centinaia di imprese dislocate nel territorio.

L’impianto, telecontrollato e telecomandato 24 ore su 24 dal Centro operativo di E-distribuzione di Bologna, è stato equipaggiato con la Bobina di Petersen che migliora la qualità e la continuità del servizio, riducendo ulteriormente eventuali buchi di tensione. L’azienda ha inoltre interamente ricostruito, con criteri antisismici, il fabbricato in muratura contenente la sezione di media tensione a 15 kV, dotandolo delle migliori tecnologie di ultima generazione nel segno degli standard internazionali.


Leggi anche

Promosso dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, il progetto punta a integrare i sistemi di accumulo dell’energia e quelli di generazione da fonti rinnovabili nella rete per favorire la partecipazione attiva degli utenti finali ai mercati dell’energia, attraverso la creazione di Community Energy Storage. Saranno sviluppati anche modelli evoluti di pianificazione della rete…

Leggi tutto…

Supportato da investimenti per 850 milioni di euro in quattro anni, il progetto punta a creare l’azienda energetica del futuro. Quattro le aree sulle quali è focalizzato: maggiore efficienza operativa, con l’impiego delle tecnologie più innovative per il monitoraggio e la manutenzione delle infrastrutture, riduzione delle emissioni di metano del 25% al 2025, transizione energetica e spinta all’innovazione…

Leggi tutto…

Entrato in esercizio il cogeneratore che produce energia termica ed elettrica dal biogas generato dal trattamento dei fanghi di depurazione. L’energia ottenuta dall’impianto, che ha una potenza termica di 528 KWT e una potenza elettrica di 404 KWE, viene poi interamente utilizzata per alimentare il processo dei reflui, abbattendo i costi energetici dell’azienda…

Leggi tutto…

È quanto prevede l’accordo stipulato con Regione Veneto, finalizzato a rendere l’infrastruttura più efficiente, sicura e sostenibile. Un piano di interventi articolato in quattro capitoli che comprendono lo sviluppo della rete, con la realizzazione di nuovi elettrodotti, tra i quali il Dolo – Camin, l’ammodernamento della rete esistente, la realizzazione di corridoi verdi e attività di ricerca tra Terna e le università venete….

Leggi tutto…

La città è la prima a sperimentare in Europa una nuova generazione di pali intelligenti, sviluppati dal gruppo Agsm. Sistemi dotati di led, fibra ottica, con presa per la ricarica veloce dei veicoli elettrici, antenna wifi, telecamera e predisposti per il monitoraggio ambientale, delle infrastrutture e della raccolta rifiuti. Una soluzione in ottica smart city e parte qualificante del progetto Electrify Verona avviato dal Comune con Agsm Verona e Volkswagen Group Italia…

Leggi tutto…