e-distribuzione e Regione Toscana: un protocollo per la gestione delle emergenze


Formazione congiunta, esercitazioni del personale per incrementare la conoscenza dei rispettivi modelli organizzativi e di intervento, collaborazione tra i sistemi regionali di protezione civile e le strutture organizzative aziendali. Sono i punti cardine dell’intesa siglata dall’assessore all’Ambiente e alla protezione civile di Regione Toscana, Federica Fratoni, e il responsabile affari istituzionali territoriali di Enel Italia, Fabrizio Iaccarino. Intesa che ha come obiettivo rafforzare la cooperazione nei casi di emergenza che coinvolgano il sistema elettrico e le strutture del gruppo Enel sul territorio regionale.
In particolare, il protocollo prevede l’ottimizzazione delle procedure e del flusso delle comunicazioni, sia in condizioni ordinarie sia in fase di emergenza, oltre a corsi di formazione sul tema del servizio elettrico tenuti da esperti di e-distribuzione al personale della Regione, della Protezione civile e delle associazioni di volontariato impegnate nella lotta agli incendi boschivi che agiscono in presenza di linee elettriche. Altri punti dell’accordo riguardano l’elaborazione di moduli di formazione congiunta e di esercitazioni e la facilitazione dell’interazione tra Enel e le articolazioni territoriali del Sistema nazionale della Protezione civile (Regioni, Province e Prefetture), con particolare riferimento alla fase di pianificazione.
«Questo protocollo costituisce un’evoluzione dell’ottima collaborazione esistente con Regione Toscana, che già ci consente di fronteggiare con efficienza le situazioni di emergenza elettrica, spesso dovute a fenomeni di maltempo – ha dichiarato Fabrizio Iaccarino –. Il suo obiettivo è definire nel dettaglio le azioni di intervento da mettere in atto in caso di emergenza, in modo da attivare in queste situazioni le rispettive macchine organizzative secondo uno schema ben chiaro e sperimentato. A tale scopo l’attività di formazione, esercitazione e prevenzione congiunta assume un ruolo centrale e costituisce uno degli elementi cardine dell’intesa, che conferma la centralità della tutela dei cittadini e dei territori nell’azione del sistema di protezione civile, con particolare riferimento nella situazione specifica al comune impegno per garantire il servizio elettrico, uno dei bisogni essenziali per le comunità locali».


Leggi anche

L’intervento ha visto la posa di 5,5 km di linea interrata e il rinnovo di un tratto di rete aerea dell’estensione di un chilometro ed è stato realizzato con un investimento di un milione di euro. Rientra nelle opere del Progetto Resilienza che la società porta avanti in Toscana per rendere il sistema elettrico più resistente, automatizzato ed efficiente…

Leggi tutto…

Dalla fine dello scorso anno, ben 1200 i vecchi punti luce sostituiti con nuove lampade a led dalla società del Gruppo Hera nell’ambito del progetto di riqualificazione dell’illuminazione cittadina. E con ottimi risultati: più di 380.000 kWh di energia elettrica risparmiata e oltre 200 tonnellate di CO2 in meno emesse in atmosfera. Entro fine estate saranno sostituite ulteriori 300 lampade, e altre 1200 nel primo semestre del 2020…

Leggi tutto…

La multiutility di Mantova lo scorso anno ha registrato la miglior performance di sempre, con il valore della produzione schizzato a 276,4 milioni di euro e utili per 17,5 milioni, come attestato dal bilancio 2018, appena approvato dall’assemblea dei soci. Presentato anche il nuovo Piano industriale 2019-2023 con investimenti previsti per 250 milioni di euro, con un particolare impegno sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione delle infrastrutture …

Leggi tutto…

A realizzarla sarà l’associazione temporanea di imprese, costituita da Varese Risorse, A2A Illuminazione Pubblica e Di Bella Costruzioni, che si è aggiudicata il bando da 30 milioni di euro e della durata di 6 anni. Questo prevede l’installazione di oltre 28.000 nuovi punti luce a Led, gestiti da remoto, che garantiranno un risparmio sui consumi energetici del 65% e la mancata emissione di 2400 tonnellate di CO2…

Leggi tutto…

La collaborazione ha l’obiettivo di promuovere la ricerca nel campo della sicurezza per accompagnare la transizione energetica in atto. Parte della partnership sarà focalizzata sulla sperimentazione di prototipi di Smart military district, distretti energetici intelligenti dove si può massimizzare l’efficienza, l’approvvigionamento da fonti sostenibili, l’autoconsumo e la gestione dei flussi energetici in tempo reale in un ambiente totalmente sicuro…

Leggi tutto…