È nata Agile Academy, la scuola di impresa di Acquedotto del Fiora e Acea

Sviluppare le nuove competenze e professioni per il mondo delle imprese. È con questo obiettivo che è nata Agile Academy, la nuova società ideata da Acquedotto del Fiora e dal Gruppo Acea. Prima esperienza toscana di scuola d’impresa, la nuova realtà, che ha la sua sede a Siena, si pone come ponte tra le esigenze delle aziende del territorio e il mondo accademico.

L’Academy svolgerà le sue attività didattiche sia online sia nella sua sede, che interesseranno diversi filoni tematici, ma uniti da un unico filo conduttore: percorrere e anticipare i tempi rispetto allo studio di nuovi saperi, alla formazione di nuove competenze e di nuovi ruoli organizzativi. Questo permetterà di progettare e qualificare nuove figure professionali e aumentare le loro probabilità in ambito occupazionale. 
 

Sostenibilità e innovazione, ma non solo

Al centro dei corsi, ovviamente ci saranno la sostenibilità e l’innovazione. Ma non solo…perché le attività coinvolgeranno tutti i temi di maggiore attualità e sempre più cruciali per il presente e per il futuro. Cyber security, big data, certificazione CRM Salesforce sono solo alcuni dei contenuti proposti.

L’Academy si propone come un nuovo incubatore di professionalità altamente specializzate nel campo delle utility, in grado anche di inserirsi nel tessuto produttivo territoriale. La scuola offre modelli di didattica innovativi e mira a promuove una visione imprenditoriale della formazione in linea con i nuovi scenari. Il tutto permetterà di:

  • valorizzare il know how del territorio
  • favorire sinergie
  • incentivare il trasferimento tecnologico
  • ridurre il tempo di inserimento delle persone nel mondo del lavoro
     
Professionalità per far crescere il territorio e le imprese

«La nascita di Agile Academy rappresenta un altro passo importante e fondamentale per la crescita del territorio e delle imprese – ha commentato l’Amministratore Delegato di Acquedotto del Fiora, Piero Ferrari -. Innovare anche attraverso la costituzione di una corporate academy, permetterà agli stakeholders di avvalersi di adeguate ed innovative professionalità che in questo particolare momento storico sono fondamentali».

«Questo modello di organizzazione rappresenta per il Gruppo uno strumento efficace e innovativo e svolge una strategia precisa anche all’interno di quel processo di modernizzazione, digitalizzazione e inclusione intrapreso da Acea per prepararsi alle nuove sfide del mercato del lavoro – ha spiegato Maria Grazia Costa, Head of Human Resources COO di Acea -. Sfide che si giocheranno anche sulle capacità delle aziende di saper formare e preparare le professionalità più utili ai loro business, nel minor tempo possibile».


Leggi anche

Il progetto prevede interventi sia di estensione della rete fognaria sia di potenziamento del depuratore, per una spesa complessiva di 15 milioni di euro. Nel primo caso, verranno posati oltre 10 chilometri di nuove condotte in diverse aree della cittadina e saranno eliminati 11 scarichi diretti in ambiente. L’impianto di depurazione sarà ammodernato e potenziato, portandone la capacità di trattamento a 33.000 abitanti dagli attuali 25.000…

Leggi tutto…

I lavori, avviati a gennaio, riguardano la zona sud della città estense e permetteranno di raggiungere aree prima non servite, garantendo a nuovi cittadini di beneficiare di un servizio green, in quanto il sistema è in gran parte alimentato con energia geotermica. Il progetto di estensione ha riguardato la posa di oltre 1,5 chilometri di doppie condotte preisolate, con un investimento di 3,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

COPA-DATA Italia presenta le funzionalità software studiate per l’automazione, il controllo e la supervisione di impianti per la produzione e la distribuzione dell’energia, oltre all’integrazione con le smart grid. In questo webinar, relatori altamente specializzati racconteranno perché zenon è il software ideale per la vostra sala di controllo e per gestire le infrastrutture delle smart city del futuro….

Leggi tutto…

Dopo gli 850 dispositivi posati nel 2020, entro fine anno ne saranno installati altri 2200 nel comune bellunese, le cui utenze saranno così tutte dotate di misuratori intelligenti. Questi, oltre al rilevamento a distanza dei consumi, permetteranno di rilevare eventuali anomalie, monitorare le tipologie di consumi e i loro picchi, assicurando interventi più veloci e un più puntuale bilancio delle risorse idriche a disposizione…

Leggi tutto…

Al focus sull’attività di monitoraggio della rete fognaria alla ricerca degli eventi inquinanti è dedicata la 5° tappa dell’IWS Italian Water Tour, ciclo di webinar dedicato alla divulgazione di buone pratiche sulla digitalizzazione del sistema Idrico Integrato. Trasmetteremo dalla sede di Acque Veronesi presentando, in particolare, due case history di successo della water utility ospitante e di Gruppo CAP, riguardo l’applicazione della tecnologia Kando….

Leggi tutto…