Ecomondo, Italian Exhibition Group raccoglie la sfida del biometano

Dal 6 al 9 novembre a Rimini, in collaborazione con CIB e CIC,
il punto su best practices e innovazioni tecnologiche

Settore in fermento dopo l’approvazione del nuovo decreto:
sul piatto 4,7 milioni di incentivi da sfruttare sul fronte trasporti

 

Quella che si è aperta è una nuova fase di investimenti che si calcola porterà, grazie al potenziale di gas rinnovabile producibile al 2030, ad un giro di affari complessivo di circa 85,8 mld di euro e 21mila nuovi posti di lavoro (Fonte Althesys).

Ecomondo si conferma la piattaforma ideale da cui intraprendere le nuove sfide. Grazie a partner strategici come CIC (Consorzio Italiano Compostatori) e CIB (Consorzio Italiano Biometano) saranno presentate le best practices e le principali innovazioni tecnologiche disponibili in Italia (terza nazione al mondo per la produzione di biometano). Giovedì 8 novembre, l’occasione per fare il punto sarà la tavola rotonda della Piattaforma Tecnologica Nazionale Biometano, nata sotto le ali di CIC e CIB e il cui battesimo è avvenuto proprio ad Ecomondo nel novembre 2016.

Giovedì 8 novembre, a cura del Comitato Tecnico Scientifico di Ecomondo, Ministero dello Sviluppo Economico e Cluster nazionale della Chimica Verde SPRING sarà invece proposto il punto sulle “Bioraffinerie integrate nei territori – Casi di successo e prospettive di sviluppo”: un appuntamento sulle esperienze più avanzate della bio industria italiana, con i riflettori sulle infrastrutture di bioeconomia considerate casi studio anche a livello internazionale.

Tra i focus della 22a edizione di Ecomondo, oltre alle esperienze più innovative di bioeconomia circolare nei Paesi Ocse e del Mediterraneo e al tema della plastica e al marine litter, anche momenti di approfondimento sulla bonifica dei siti inquinati e il monitoraggio dell’aria.

L’industria 4.0 per una maggiore efficienza nella gestione e utilizzo dei rifiuti sarà invece al centro di un incontro organizzato dal Comitato tecnico-scientifico di Ecomondo insieme al CNR e alle Università di San Marino e di Bologna. La robotica e l’automazione sono infatti essenziali per migliorare la selezione dei rifiuti dopo la raccolta mentre l’Internet of Things e il data analytic contribuiscono a rendere più intelligenti i processi della logistica.

Altro fronte aperto è quello della relazione tra economia circolare e salute. “Economicità (Circolare) e Salute: drivers di innovazione nelle città” il titolo del convegno in programma mercoledì 7 novembre, a cura del Comitato Scientifico di Ecomondo. Tra i relatori il presidente dell’Healthy City Institute Andrea Lenzi (Università La Sapienza), il presidente della Compagnia San Paolo di Torino Francesco Profumo e l’assessore alla Mobilità e Ambiente del Comune di Milano Marco Granelli.

In contemporanea con Ecomondo, alla 12a edizione di Key Energy, il salone delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica, la mobilità sarà protagonista con soluzioni eco-compatibili, economicamente sostenibili e socialmente efficaci. Città Sostenibile, che abbraccia tutti i temi collegati al concetto di smart cities, dedicherà ampio spazio al settore in termini di prodotti esposti e di contenuti informativi, con focus dedicati al settore automotive, di sharing mobility e guida autonoma. Grande attenzione sarà riservata all’esposizione statica e dinamica di auto elettriche, bifuel, ibride, accanto a Bike & car sharing, senza dimenticare il trasporto pubblico locale, né l’importanza di temi quali connettività e intermodalità.


Leggi anche

Partite le opere per dotare la cittadina in provincia di Salerno di una rete di distribuzione del metano. A occuparsi del progetto, finanziato interamente con fondi Cipe e di Regione Campania per oltre 10 milioni di euro, è la società avellinese che già gestisce il servizio in altri 16 centri campani…

Leggi tutto…

La multiutility ha presentato il Bilancio di sostenibilità relativo alla città e alla sua provincia nel 2016. In calo le emissioni di CO2 del 5%, grazie in particolare al termovalorizzatore che alimenta la rete del calore. Della stessa percentuale cresce la ricchezza distribuita sul territorio, che ha toccato i 263 milioni di euro, mentre ammontano a 161 milioni gli investimenti nel ciclo idrico previsti al 2020…

Leggi tutto…

L’azienda poserà circa 620 metri di condotte per allacciare due tratti di infrastruttura già esistente. L’intervento riguarda la zona industriale del comune barese, dove negli scorsi mesi era stata realizzata la rete di distribuzione, non ancora entrata in servizio per problemi legati alle pressioni di esercizio che le nuove opere risolveranno definitivamente …

Leggi tutto…

L’azienda ha ottenuto il via libera da regione Valle d’Aosta al progetto per la realizzazione del metanodotto a servizio di quattro comuni della valle d’Ayas. L’opera, costituita da condotte dal diametro di 200 mm, si estenderà per una lunghezza complessiva di 27 km e sarà conclusa entro il 2021, con un investimento di 9 milioni di euro…

Leggi tutto…

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’ impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, con un importante impatto migliorativo sulla gestione dei rifiuti e l’integrazione di tecnologie a idrogeno, clean-up, sistemi di depurazione….

Leggi tutto…