Edison continua a espandersi nel teleriscaldamento sostenibile

Prosegue l’espansione di Edison nel teleriscaldamento sostenibile. Il gruppo ha infatti acquisito l’acquisizione di due importanti realtà attive nel territorio di Cuneo, rafforzando così la presenza in Piemonte. Si tratta di A.En.B. e della sua controllata 100% A.En.W., che producono e distribuiscono energia termica al comune di Busca, e di Vernante Nuova Energia, società proprietaria di una centrale che produce e distribuisce calore prodotto da fonti rinnovabili al quartiere Borgo San Giuseppe di Cuneo.

Per quanto riguarda il sistema di teleriscaldamento di Busca, ad alimentarlo è una centrale di cogenerazione a biomassa legnosa vergine con una potenza di 1 MW elettrico e 4 MW termici, che fornisce calore per riscaldamento per 11 GWh termici l’anno. Gli autoconsumi elettrici della centrale sono coperti dall’energia prodotta da due impianti fotovoltaici realizzati sulla copertura della struttura. A distribuire il calore una rete, in continua espansione, che attualmente si estende per 5 km servendo circa 60 utenze distribuite fra residenziali (500 famiglie), produttive, industriali, terziarie ed edifici pubblici. Numeri destinati a incrementarsi, grazie al raddoppio in termini di utenze e famiglie servite nei prossimi anni previsto da Edison a fronte di un importate piano di investimenti.

Alla generazione del calore per la rete di Borgo San Giuseppe provvede invece una centrale alimentata a cippato di legna vergine, con una potenza di 650 kW e ha una capacità produttiva di 1,5 GWth all’anno. Attualmente è connessa a diversi edifici pubblici che ospitano uffici, case popolari, un centro sportivo e una scuola, a copertura di un fabbisogno termico equivalente a quello di circa 30 famiglie.  Il progetto prevede una estensione dell’infrastruttura agli altri immobili del quartiere.

L’acquisizione delle due società testimonia dunque l’impegno di Edison nel teleriscaldamento da fonti rinnovabili, che vede il gruppo già presente nelle provincie di Cuneo e Torino, attraverso Comat Energia, con 20 piccole reti di teleriscaldamento, 70 caldaie a biomassa, 30 GWh termici di calore forniti a 160 utenze.


Leggi anche

Investimenti in crescita del 10% nel nuovo piano industriale. Iren destinerà i due terzi ai servizi regolati, in particolare l’idrico, per potenziare, ammodernare e digitalizzare le infrastrutture. La parte restante pari a 1,3 miliardi di euro sarà riservata alla crescita dimensionale del Gruppo: nel settore ambientale, con lo sviluppo di impianti di selezione e trattamento; nel teleriscaldamento, con l’estensione delle reti; nel gas …

Leggi tutto…

Nel 2006 sembrava cosa fatta: il Comune con l’allora Asm Brescia e Pessina Costruzioni aveva siglato un accordo per realizzare l’infrastruttura di distribuzione del calore a servizio della città. Un progetto che prevedeva la costruzione di una centrale e una rete dell’estensione di 25 chilometri però subito naufragato. Ora se ne riparla, ma affidando l’integrità dei lavori a un operatore privato …

Leggi tutto…

Lavori terminati nella frazione di Cuneo, dove Edison, con un investimento di 4 milioni di euro, ha realizzato un nuovo impianto di teleriscaldamento. Il sistema si compone di una rete di 2 chilometri di estensione, alla quale sono collegate oltre 350 utenze, e di una centrale alimentata a cippato, proveniente dalla pulizia dei boschi circostanti…

Leggi tutto…

L’ente ha stanziato 135.000 euro per i lavori di estensione della rete, alimentata con fonte geotermica, a servizio del comune della provincia di Grosseto. Le opere programmate da Amiata Energia permetteranno di collegare all’infrastruttura l’area del centro storico Terziere di Castello. Il nuovo finanziamento si aggiunge a quello che l’Autorità Idrica aveva stanziato lo scorso anno, per un totale di 300.000 euro, e al milione proveniente dai fondi geotermici regionali…

Leggi tutto…

Proseguono i Lavori di GES per estendere il servizio a tutto il territorio del comune dell’Amiata. L’opera, suddivisa in tre lotti, ha un costo di 8 milioni di euro: permetterà di collegare alla rete circa 1100 utenze, per una volumetria di un milione di metri cubi e una popolazione di oltre 4000 abitanti, fornendo energia pulita per il riscaldamento e l’acqua calda sanitaria …

Leggi tutto…