Edison continua a espandersi nel teleriscaldamento sostenibile

Prosegue l’espansione di Edison nel teleriscaldamento sostenibile. Il gruppo ha infatti acquisito l’acquisizione di due importanti realtà attive nel territorio di Cuneo, rafforzando così la presenza in Piemonte. Si tratta di A.En.B. e della sua controllata 100% A.En.W., che producono e distribuiscono energia termica al comune di Busca, e di Vernante Nuova Energia, società proprietaria di una centrale che produce e distribuisce calore prodotto da fonti rinnovabili al quartiere Borgo San Giuseppe di Cuneo.

Per quanto riguarda il sistema di teleriscaldamento di Busca, ad alimentarlo è una centrale di cogenerazione a biomassa legnosa vergine con una potenza di 1 MW elettrico e 4 MW termici, che fornisce calore per riscaldamento per 11 GWh termici l’anno. Gli autoconsumi elettrici della centrale sono coperti dall’energia prodotta da due impianti fotovoltaici realizzati sulla copertura della struttura. A distribuire il calore una rete, in continua espansione, che attualmente si estende per 5 km servendo circa 60 utenze distribuite fra residenziali (500 famiglie), produttive, industriali, terziarie ed edifici pubblici. Numeri destinati a incrementarsi, grazie al raddoppio in termini di utenze e famiglie servite nei prossimi anni previsto da Edison a fronte di un importate piano di investimenti.

Alla generazione del calore per la rete di Borgo San Giuseppe provvede invece una centrale alimentata a cippato di legna vergine, con una potenza di 650 kW e ha una capacità produttiva di 1,5 GWth all’anno. Attualmente è connessa a diversi edifici pubblici che ospitano uffici, case popolari, un centro sportivo e una scuola, a copertura di un fabbisogno termico equivalente a quello di circa 30 famiglie.  Il progetto prevede una estensione dell’infrastruttura agli altri immobili del quartiere.

L’acquisizione delle due società testimonia dunque l’impegno di Edison nel teleriscaldamento da fonti rinnovabili, che vede il gruppo già presente nelle provincie di Cuneo e Torino, attraverso Comat Energia, con 20 piccole reti di teleriscaldamento, 70 caldaie a biomassa, 30 GWh termici di calore forniti a 160 utenze.


Leggi anche

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…

CogenInfra, attivo nel teleriscaldamento e nei servizi di efficienza energetica, entra nel capitale azionario della società che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio. Un’operazione che permette a Tcvvv di ampliare le sue prospettive industriali, rafforzandosi sul territorio e puntando sull’offerta di nuovi servizi…

Leggi tutto…

Alperia, l’utility energetica dell’Alto Adige, ha presentato il progetto per il nuovo impianto a servizio della rete di distribuzione del calore della cittadina della provincia di Bolzano. La centrale sarà alimentata a biomasse e sarà dotata di un generatore della potenza di 8 MW, in grado di produrre 27 GWh di energia termica ogni anno, sufficienti a scaldare circa 2500 appartamenti, evitando l’emissione in atmosfera di 5500 tonnellate di CO2 annue…

Leggi tutto…

Progettato da E.S.Co. BIM e Comuni del Chiese, la società energetica dei comuni del bacino del Chiese, il sistema è stato realizzato con un investimento di 4,9 milioni di euro. È costituito da una centrale alimentata con biomassa proveniente dai boschi che circondano il comune della provincia di Trento e da una doppia rete che si estende in totale per 5,3 chilometri…

Leggi tutto…