Efficientamento energetico centrale di via Bassa San Giovanni in Persiceto (BO) con sistema DDD

 


Stefano Dal Cero – Gruppo HERA
Alberto Pautasso – Grundfos Pompe Italia

Il sistema DDD

Il DDD è un approccio innovativo alla gestione della pressione, improntato sulla sua regolazione in funzione dei dati auto-appresi relativi alla domanda. Questo sistema è stato applicato con successo alla rete acquedottistica di San Giovanni in Persiceto (BO), aumentando gradualmente la sua efficienza energetica fino ad un valore del 23% e riducendone le perdite del 7%.

Il sistema DDD si basa sulla definizione di una serie di punti di rete identificati come rappresentativi della domanda alle utenze (set points), per i quali viene definito un valore desiderato di pressione da impostare ai sensori remoti. Questi dispositivi registrano i dati reali in continuo e ogni 24 h li inviano al punto di regolazione. I valori così ottenuti vengono dunque elaborati generando una nuova curva pressione/portata per il giorno successivo. Tale ciclo si ripete aggiustando gradualmente la curva fino ad ottenere il mantenimento ai setpoint di valori di pressione in linea con quelli impostati.

Applicazione del sistema DDD all’acquedotto di San Giovanni In Persiceto

L’approccio innovativo così descritto è stato applicato al sistema acquedottistico di San Giovanni in Persiceto, particolarmente consono alla sperimentazione per il suo sviluppo lineare e dunque l’assenza di nodi.
L’obbiettivo del progetto era:

  • ottenere una regolarizzazione della pressione
  • valutare la conseguente riduzione dei consumi, delle perdite e delle rotture dovute a eccessivi cambiamenti nelle condizioni della rete
Prima dell’intervento

La logica di funzionamento della centrale si basava semplicemente sul mantenimento di un valore costante di pressione in uscita pari a 2,6 bar. Invece nei punti di controllo alle utenze (situati più a valle) essa presentava valori con una notevole oscillazione giornaliera e sempre superiori ai 2.8 bar.

La fase di avvio

Il sistema è stato avviato ponendo come condizione per il giorno iniziale una pressione di 2.8 bar in uscita dalla centrale e 2.5 bar ad entrambi i set points identificati. In questo primo periodo di esercizio il DDD ha mostrato, come atteso, l’autoapprendimento più marcato, abbassando gradualmente la pressione di mandata fino a valori tra i 2.2 e i 2.6 bar, mentre quella nel punto di valle più critico ha raggiunto il valore desiderato.

La configurazione ottimale

Dopo questa fase di avvio è stato possibile massimizzare il rendimento trovando per affinazioni successive le minori pressioni imponibili ai setpoint per garantire un servizio adeguato alle utenze. La configurazione identificata come ottimale è stata quella con impostazione del setpoint più a valle a 2.2 bar e quello intermedio a 2.3 bar.

I risultati di un approccio innovativo

In tali condizioni di esercizio si è registrata una diminuzione del fabbisogno energetico del 23% e una riduzione delle perdite stimata intorno al 7%. Nonostante i primi dati siano positivi, l’intervento è troppo recente per poter quantificare l’effetto sulle rotture.

In conclusione il sistema si è dimostrato in grado di gestire e rimodulare la pressione in uscita dall’impianto in funzione della domanda e della sua evoluzione nel tempo, garantendo così il massimo dell’efficienza in ogni condizione. Sviluppare il sistema per adattarlo a distretti acquedottistici più complessi potrebbe portare ad un’evoluzione delle logiche di gestione acquedottistica su larga scala.

 

 


Leggi anche

Pronto e già disponibile per la fruizione da parte dei cittadini l’innovativa infrastruttura green che coniuga il contenimento delle acque piovane con la valorizzazione ambientale e paesaggistica dei luoghi. Una soluzione innovativa che fa parte delle misure studiate dal gestore idrico per rendere il territorio resiliente ai fenomeni generati dai cambiamenti climatici e che sarà adottata anche in altri comuni …

Leggi tutto…

aqa

Il primo aprile 2021 è nata AqA dalla fusione tra Tea Acque e AqA Mantova. L’Amministratore Delegato Giovanna Pesente – nell’editoriale del numero di Luglio-Agosto di Servizi a Rete – ci ha raccontato come sono stati i primi mesi di lavoro, lo spirito della fusione, i più importanti progetti e il futuro della nuova realtà….

Leggi tutto…

L’intervento di abbattimento è l’atto simbolico che dà il via alla transizione ecologica del vecchio impianto, che verrà sostituito da quello totalmente carbon neutral e di nuova concezione che entrerà in funzione nella primavera del 2023. L’intera operazione è stata realizzata da Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano e da ZEROC, la nuova società che gestirà le attività della Biopiattaforma…

Leggi tutto…

Il gestore idrico sta portando avanti un importante programma di lavori di risanamento dei principali anelli idrici della città, utilizzando le tecnologie trenchless per intervenire sulle condotte di maggiori dimensioni. Prossimo cantiere in programma riguarda viale Trieste, dove verrà risanato con la tecnica del relining un tratto di condotta in ghisa della lunghezza di oltre 1,6 chilometri…

Leggi tutto…

In base all’accordo, operativo dal prossimo anno, la gestione degli acquedotti montani passerà tutta in capo a SMAT. Il riassetto è frutto della realizzazione del Grande Acquedotto di Valle, la mega infrastruttura che approvvigiona con acqua della diga di Rochemolles 27 comuni della Valle. Di contro, ad Acea Pinerolese passerà la gestione di una decina di acquedotti di altrettanti comuni del Pinerolese e della Val Germanasca…

Leggi tutto…