ENEA e Centria testano nuove miscele di gas naturale e idrogeno

Il protocollo di intesa tra ENEA e Centria, società di distribuzione del Gruppo Estra, prevede che il centro di ricerca utilizzi l’infrastruttura Campo Prove dell’utility ad Arezzo e metta a disposizione il suo know-how per lo svolgimento delle attività sperimentali con le miscele, nell’ottica di accelerare il processo di transizione energetica e di tutela dell’ambiente nel nostro Paese.

 

Gli obiettivi della partnership

La sottoscrizione dell’accordo è l’inizio di una collaborazione che permetterà di fornire le risposte sui pericoli connessi al trasporto e all’uso dell’idrogeno, al fine di assicurarne la corretta gestione e definirne nuovi standard normativi.

La porzione di rete oggetto dell’attività sperimentale sarà progressivamente interessata da miscele gas-idrogeno con percentuali crescenti di idrogeno del 2%, 5% e 10% nella prima fase, per poi aumentare successivamente. Grazie ai test sarà possibile caratterizzare la miscela e verificare la capacità e l’affidabilità della rete di distribuzione.



Il Campo Prove di Centria

Grazie alle caratteristiche tecniche che la contraddistinguono, la struttura è regolarmente utilizzata da enti di certificazione accreditati come ICIM e validata da ACCREDIA per lo svolgimento di test per le certificazioni delle competenze professionali. È stata scelta da ENEA per via della sua capacità di garantire elevati standard di affidabilità, sia in termini di replicabilità delle diverse tipologie di reti che di conformità con i rigorosi protocolli di sicurezza.

 

L’apporto dell’Università di Firenze

l’Ateneo fiorentino, da tempo coinvolto in progetti di ricerca sull’idrogeno, con focus sulla simulazione dell’immissione del gas nelle reti di distribuzione, contribuirà a guidare l’innovazione nel settore energetico e a promuovere soluzioni sostenibili per il futuro. Il suo expertise nel settore rappresenterà la base per la collaborazione del polo universitario presente progetto, focalizzato sulla sperimentazione dei futuri standard di miscelazione tra gas naturale e idrogeno.


Leggi anche

Prenderà il via nei prossimi giorni il secondo step della trasformazione del servizio di raccolta dei rifiuti nel centro storico di Torino, con il progressivo passaggio al sistema del porta a porta in tutte le frazioni. In questa fase verrà coinvolta un’area significativa, ubicata fra il centro storico e il Quadrilatero Romano, che comprende 9.000 utenze domestiche e 1.400 commerciali….

Leggi tutto…

Il gestore idrico della Basilicata ha siglato un Protocollo d’intesa con il GSE che mira a favorire la sostenibilità delle infrastrutture, attraverso interventi di efficientamento energetico e lo sfruttamento delle fonti rinnovabili. L’obiettivo è migliorare l’autonomia energetica del sistema, in modo da liberare risorse da investire per elevare ulteriormente la qualità del ciclo idrico in tutto il territorio….

Leggi tutto…

La provincia di Bolzano ha pubblicato un bando che mette a disposizione cinque milioni di euro per lo sviluppo delle reti di teleriscaldamento nel territorio. Possono accedere ai fondi comuni e aziende che gestiscono impianti presentando domanda entro il prossimo 16 aprile. I progetti devono avere un costo compreso tra i 100.000 e i 4 milioni di euro….

Leggi tutto…

Proseguono i lavori di ATS nel Comune di Farra di Soligo, con un nuovo cantiere che attraverserà Via Canonica ed un tratto di Via Treviset lungo la Strada Provinciale. Il Gestore ha pianificato in quest’area un investimento di 250 mila euro, allo scopo di sostituire le tubature idropotabili datate e di allacciare alla rete della fognatura cento nuove famiglie. …

Leggi tutto…