ENEA e SGI insieme per lo sviluppo di progetti di decarbonizzazione del sistema energetico

Sfruttare le infrastrutture gas per la distribuzione e l’accumulo di gas alternativi generati con l’utilizzo di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili. È a questo obiettivo che punta l’accordo quadro siglato tra ENEA e SGI (Società Gasdotti Italia), società che, con i suoi 1.600 chilometri di gasdotti ad alta pressione nel Centro-Sud Italia, rappresenta uno dei principali gestori di sistemi di trasporto gas nel nostro Paese.

Al centro dell’accordo lo sviluppo di progetti pilota che prevedono l’impiego della tecnologia Power to Gas (P2G), un processo innovativo messo a punto da ENEA, che consente di produrre gas alternativi al metano con l’energia elettrica generata in surplus da fonti rinnovabili.

La collaborazione tra le due realtà punta infatti a promuove l’uso innovativo della rete per l’accumulo e la distribuzione di gas diversi da quello naturale, come idrogeno e metano sintetico, prodotti in sinergia con il riutilizzo dell’anidride carbonica proveniente da processi industriali e da sorgenti naturali. Il metano sintetico prodotto con questo sistema, pur risultando un gas con tutte le proprietà del metano di origine fossile, è al 100% rinnovabile.

«Il nostro principale obiettivo è dimostrare l’operatività su scala industriale del sistema P2G che, grazie alla sua flessibilità, è una delle tecnologie che possono contribuire maggiormente a una generazione di energia elettrica proveniente al 100% da fonti rinnovabili, per una progressiva decarbonizzazione del sistema elettrico», ha commentato Stefano Giammartini, responsabile della divisione Produzione, conversione e uso efficiente dell’energia di ENEA.

Una tecnologia che ha tra i suoi ulteriori punti di forza l’alto potenziale di applicazione proprio grazie alla possibilità di consentire un utilizzo alternativo delle infrastrutture esistenti, rappresentando così un prezioso supporto delle reti energetiche nazionali.

L’analisi degli aspetti di sicurezza legati alla produzione, al trasporto e all’utilizzo di questi combustibili, lo studio della normativa tecnica applicabile al settore e le attività di indagine tecnico-economica, sono parte integrante dell’accordo.


Leggi anche

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha dato il nulla osta all’acquisizione da parte di Italgas di 2.897.778 azioni cedute da cinque comuni soci di Toscana Energia. La società distribuisce il gas in una vasta area della Toscana, dove detiene 102 concessioni, gestisce oltre 8000 chilometri di rete, servendo circa 800.000 utenze. Operazione che porta la quota di capitale sociale detenuta da Italgas al 50,66%…

Leggi tutto…

Il progetto messo a punto dal gestore della distribuzione gas prevede la posa di oltre 20 chilometri di condotte a bassa pressione a servizio della località San Cataldo, nota anche come il Lido di Lecce. Le nuove opere fanno seguito alla realizzazione della dorsale e permetteranno a residenti e turisti di usufruire del gas metano, eliminando i combustibili alternativi…

Leggi tutto…

Investimenti in crescita del 10% nel nuovo piano industriale. Iren destinerà i due terzi ai servizi regolati, in particolare l’idrico, per potenziare, ammodernare e digitalizzare le infrastrutture. La parte restante pari a 1,3 miliardi di euro sarà riservata alla crescita dimensionale del Gruppo: nel settore ambientale, con lo sviluppo di impianti di selezione e trattamento; nel teleriscaldamento, con l’estensione delle reti; nel gas …

Leggi tutto…

Un ruolo significativo nella produzione del giunto saldato è svolto dalla fonte di energia: “la macchina saldatrice”. L’ energia ha due importanti funzioni: portare allo stato di fusione il polietilene di entrambi i componenti, ovvero raccordo e tubo; consentire alle catene molecolari di entrare in contatto tra loro in modo tale che, quando la fornitura di energia è terminata, possano produrre un giunto affidabile.

Leggi tutto…

Il principale operatore italiano della distribuzione gas si è aggiudicato la gara per la concessione del servizio per 12 anni nel comune salernitano. Decisiva per l’assegnazione della gara l’offerta presentata da Italgas: prevede investimenti per 4 milioni di euro per estendere la rete, che attualmente si sviluppa per 40 chilometri servendo 1300 utenze, e altri investimenti per la sua digitalizzazione …

Leggi tutto…