Enel X, Nissan e RSE avviano a Milano la sperimentazione della tecnologia Vehicle to Grid

Ha preso il via a Milano la prima sperimentazione in Italia del Vehicle to Grid (V2G), la tecnologia che consente alle auto alimentate a motore elettrico non solo di prelevare energia dalla rete, ma anche di restituirla, contribuendo così alla stabilizzazione dell’infrastruttura elettrica. A portare avanti il progetto sono Enel X, Nissan e Rse (Ricerca Sistema Energetico).

Protagoniste del progetto due infrastrutture di ricarica bidirezionale di Enel X, installate nella microrete sperimentale di RSE, che attraverso un’apposita piattaforma di controllo consentono di utilizzare le Nissan Leaf per la stabilizzazione della rete. La completezza delle funzioni che verranno testate, che includono diversi servizi ancillari, fanno dell’iniziativa una novità anche in ambito europeo, dove alcune sperimentazioni della tecnologia sono state già in atto in Danimarca, nel Regno Unito e in Germania.

Obiettivo del progetto, che durerà 18 mesi, è testare le funzionalità del V2G in base alle abitudini degli utenti privati e di chi utilizza veicoli di flotte aziendali. Durante i periodi di ricarica le batterie saranno impiegate come sistemi di accumulo energetico connessi alla rete, in grado di garantire vantaggi per il sistema elettrico e per i possessori delle auto. Tra i principali la capacità di massimizzare l’autoconsumo di energia rinnovabile da impianti domestici, ottimizzare i flussi di energia generata e consumata localmente e garantire la continuità della fornitura elettrica in caso di interruzioni. A questo si aggiunge l’opportunità per i possessori di auto elettriche di ottenere una remunerazione per i servizi forniti al sistema elettrico, massimizzando i benefici ambientali ed economici della mobilità a zero emissioni.

Sfruttando per più finalità le batterie dei veicoli elettrici, Vehicle to Grid permetterà sia di disporre, senza costi aggiuntivi, di un sistema di accumulo domestico o aziendale sia di dare un importante contributo alla stabilità e all’efficienza del sistema elettrico. Con la diffusione dei veicoli elettrici, attraverso il Vehicle to Grid e lo Smart Charging, l’Italia potrà poi disporre di una buona capacità di accumulo, fondamentale per stoccare l’energia da fonti rinnovabili non programmabili, soprattutto solare ed eolico, integrandole, in modo efficiente e con costi contenuti, nel sistema elettrico.


Leggi anche

Accordo Snam e Politecnico di Bari per idrogeno verde

La collaborazione siglata tra il gestore della rete di trasporto gas e il politecnico pugliese punta a realizzare un innovativo prototipo di rete energetica autonoma, basata sull’utilizzo di idrogeno prodotto da fonti energetiche rinnovabili. Il progetto andrà avanti almeno fino a fine 2022 e prevede anche la redazione di un business case per valutare le condizioni tecnico-economiche per riprodurre il sistema su scala commerciale…

Leggi tutto…

Gruppo Amag gestione rifiuti smart ad Alessandria

Prende corpo il progetto di trasformazione in chiave smart city della città, messo a punto da Gruppo Amag con il Comune. Primo tassello il riassetto della raccolta dei rifiuti urbani, che prevede il servizio porta a porta per il centro città e l’installazione di cassonetti intelligenti, con serratura elettronica e sistema di identificazione dei conferimenti, nel resto del territorio, a partire dall’estate 2021. Sarà rinnovata anche a flotta con l’acquisto di mezzi compatti green…

Leggi tutto…

alleanza

Definito da AGSM Verona e AIM Vicenza il progetto industriale preliminare che pone le basi per la nascita di una nuova multiutility leader nel Triveneto. Al via il processo di condivisione del progetto con le amministrazioni locali…

Leggi tutto…

Il gestore idrico pugliese ha testato presso il depuratore di Monopoli un innovativo sistema di monitoraggio del processo di digestione anaerobica dei fanghi di depurazione. Grazie all’analisi in tempo reale di tutti i parametri del processo e quindi alla possibilità di intervenire in modo immediato per ottimizzarne lo sviluppo, il sistema ha garantito un netto incremento della produzione di biogas e una riduzione dei fanghi da smaltire…

Leggi tutto…

VEGA ha ampliato il portafoglio di sensori radar con una nuova serie di strumenti. I sensori basati sulla tecnologia a 80 GHz sono idonei all’impiego in applicazioni in cui il prezzo è un fattore determinante per la scelta della strumentazione, come ad es. nel settore del trattamento delle acque e delle acque reflue. Grazie alla focalizzazione precisa del segnale, forniscono valori di misura affidabili indipendentemente dagli influssi esterni, come temperatura o imbrattamento….

Leggi tutto…