Energia dai fanghi al depuratore di Lecce di Acquedotto Pugliese

Risponde ai canoni dell’economia circolare il nuovo progetto concluso da Acquedotto Pugliese. Il gestore idrico della Puglia ha messo in esercizio presso il depuratore di Lecce un impianto di cogenerazione alimentato dal biogas prodotto dai fanghi. Una soluzione che fa bene all’ambiente, il sistema permette infatti di ottenere energia rinnovabile, elettrice e termica, dai reflui fognari, e alle casse della società, per le quali i consumi di energia rappresentano un’importante voce di costo.

Nel processo depurativo, il fango di depurazione di esubero, dopo essere stato addensato, viene trattato nei digestori anaerobici, dove, in condizioni controllate di temperatura e in assenza di ossigeno, può essere trasformato in risorsa energetica. Grazie ad alcuni processi anaerobici, dovuti a organismi pluricellulari che avviano un processo biochimico in assenza di ossigeno, si ottiene una progressiva stabilizzazione del fango e una produzione di una miscela gassosa contenente per la maggior parte metano. Questa miscela gassosa rappresenta il combustibile per l’impianto di cogenerazione del depuratore, costituito da un motore primo endotermico a 12 cilindri, che produce calore, con potenza termica pari a 528 KWT, e un generatore sincrono, che produce elettricità, con potenza elettrica nominale pari a 404 KWE.

L’energia generata dal cogeneratore, sia quella elettrica sia quella termica, viene utilizzata per lo stesso processo di trattamento dei reflui. Più nello specifico, la prima è completamente autoconsumata dall’impianto di depurazione, in modo da ridurre drasticamente la quantità di energia prelevata dalla rete elettrica, mentre quella termica è utilizzata per riscaldare il fango da sottoporre al processo di digestione in modo da incrementarne la stabilizzazione.

Sempre in ottica green, l’impianto di cogenerazione a breve sarà integrato dall’entrata in esercizio di un impianto fotovoltaico presente nell’area del depuratore, dove sono in corso anche delle sperimentazioni per la minimizzazione della produzione dei fanghi, il cui riutilizzo e smaltimento rappresenta a un altro importante costo per Acquedotto Pugliese.


Leggi anche

«L’impegno economico più alto di sempre», ha definito il nuovo piano una nota della stessa società, forte di un volume di investimenti in crescita del 20% rispetto al documento precedente. Oltre 3 miliardi sono destinati allo sviluppo della rete elettrica nazionale, 2 miliardi alle attività di rinnovo ed efficienza e 1 alla realizzazione di dispositivi per aumentare la sicurezza e la stabilità dell’infrastruttura…

Leggi tutto…

L’amministratore delegato dell’azienda che gestisce la rete elettrica nazionale è stato premiato come miglior manager dell’anno, nel comparto energia, durante il XIX Workshop annuale di Agici e Accenture. Il prestigioso riconoscimento, si legge nella motivazione, è stato assegnato per l’impegno di Terna verso la costruzione di un sistema energetico sostenibile, sicuro e innovativo …

Leggi tutto…

Promosso dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, il progetto punta a integrare i sistemi di accumulo dell’energia e quelli di generazione da fonti rinnovabili nella rete per favorire la partecipazione attiva degli utenti finali ai mercati dell’energia, attraverso la creazione di Community Energy Storage. Saranno sviluppati anche modelli evoluti di pianificazione della rete…

Leggi tutto…

Supportato da investimenti per 850 milioni di euro in quattro anni, il progetto punta a creare l’azienda energetica del futuro. Quattro le aree sulle quali è focalizzato: maggiore efficienza operativa, con l’impiego delle tecnologie più innovative per il monitoraggio e la manutenzione delle infrastrutture, riduzione delle emissioni di metano del 25% al 2025, transizione energetica e spinta all’innovazione…

Leggi tutto…

È quanto prevede l’accordo stipulato con Regione Veneto, finalizzato a rendere l’infrastruttura più efficiente, sicura e sostenibile. Un piano di interventi articolato in quattro capitoli che comprendono lo sviluppo della rete, con la realizzazione di nuovi elettrodotti, tra i quali il Dolo – Camin, l’ammodernamento della rete esistente, la realizzazione di corridoi verdi e attività di ricerca tra Terna e le università venete….

Leggi tutto…