ENGIE acquisisce un lotto del teleriscaldamento di Rivarolo Canavese

Continua a puntare sul teleriscaldamento ENGIE Italia, società italiana della multinazionale francese dell’energia ENGIE. Infatti la società ha acquistato il lotto di proprietà privata della rete di teleriscaldamento a servizio di Rivarolo Canavese, in provincia di Torino. Il lotto in questione è quello che trasporta e distribuisce il calore dal centro della cittadina verso nord. L’infrastruttura si serve di un bacino di utenze prevalentemente private. La parte che serve gli edifici pubblici è di proprietà del Comune.

Il nuovo lotto del teleriscaldamento 

L’intera rete è stata realizzata nel 2006. Dal 2016 è alimentata dalla centrale a biomasse di proprietà di ENGIE. La rete soddisfa il fabbisogno di 7 GWh di energia termica, su un bacino di 60 utenti. Le biomasse utilizzate sono costituite da legna vergine proveniente da:

  • manutenzioni boschive e agricole locali
  • colture dedicate alla rotazione dei terreni agricoli 
  • residui di lavorazione del legno non sottoposto a trattamenti chimici

L’energia rinnovabile generata dalla centrale assicura un abbattimento delle emissioni di 18.000 tonnellate all’anno di CO2, equivalenti a una riduzione di 12.000 auto circolanti ogni anno.

La proprietà della rete consentirà alla società di garantire ai cittadini connessi una maggiore efficacia e sicurezza di continuità nell’erogazione del servizio. Così il servizio sarà sempre più efficiente e si potrà decarbonizzante il sistema di produzione energetico di Rivarolo, grazie al suo potenziale di sviluppo su un numero sempre più ampio di utenti.


Leggi anche

Lo scorso 10 ottobre, la rete di teleriscaldamento a servizio del comune in provincia di Varese ha compiuto i suoi primi 10 anni di attività. Realizzata e gestita da AGESP Energia, l’infrastruttura, alimentata da una centrale di cogenerazione a gas, si estende al momento per 17,5 chilometri, servendo in totale 157 utenze e circa 2000 famiglie. …

Leggi tutto…

Il finanziamento, approvato dalla Banca europei per gli investimenti, è strutturato come un programma di investimenti focalizzato sul solo settore del teleriscaldamento. Nello specifico, andrà a supportare il programma di efficientamento del sistema nella aree nord-est e nord-ovest di Torino. Le risorse saranno impiegate per la realizzazione di un impianto di accumulo termico e per la sostituzione delle condotte…

Leggi tutto…

L’acquisizione dei 3 teleriscaldamenti in Valtellina è solo l’ultimo di una serie di investimenti che il gruppo italiano ha portato avanti nei mesi scorsi come l’acquisizione della società Mondo Energia SpA proprietaria e gestore dell’impianto di Mondovì (CN). CogenInfra SpA possiede e gestisce anche il teleriscaldamento di Borgaro Torinese (TO) …

Leggi tutto…

La società che gestisce l’infrastruttura porta avanti il progetto di graduale ampiamento della rete, procedendo per piccole espansioni per offrire il servizio a una porzione sempre più vasta di popolazione. Attualmente la rete, in servizio da fine 2010, ha una lunghezza complessiva di 17,5 chilometri, serve 157 utenze ed è alimentata da una centrale di cogenerazione a gas…

Leggi tutto…

Airu Superbonus Decreto Rilancio

In una lettera inviata al governo, l’associazione chiede di rivedere l’articolo 119 del Decreto Rilancio in discussione alla Camera, che riconosce l’incentivo fiscale previsto per gli interventi di efficienza energetica solo ad alcuni comuni montani che si allacciano alla rete di teleriscaldamento. Ne sarebbero escluse le città, proprio le aree dove il teleriscaldamento efficiente può dare il maggior contributo ad abbattere le emissioni climalteranti e favorire la transizione energetica…

Leggi tutto…