ENGIE acquisisce un lotto del teleriscaldamento di Rivarolo Canavese

Continua a puntare sul teleriscaldamento ENGIE Italia, società italiana della multinazionale francese dell’energia ENGIE. Infatti la società ha acquistato il lotto di proprietà privata della rete di teleriscaldamento a servizio di Rivarolo Canavese, in provincia di Torino. Il lotto in questione è quello che trasporta e distribuisce il calore dal centro della cittadina verso nord. L’infrastruttura si serve di un bacino di utenze prevalentemente private. La parte che serve gli edifici pubblici è di proprietà del Comune.

Il nuovo lotto del teleriscaldamento 

L’intera rete è stata realizzata nel 2006. Dal 2016 è alimentata dalla centrale a biomasse di proprietà di ENGIE. La rete soddisfa il fabbisogno di 7 GWh di energia termica, su un bacino di 60 utenti. Le biomasse utilizzate sono costituite da legna vergine proveniente da:

  • manutenzioni boschive e agricole locali
  • colture dedicate alla rotazione dei terreni agricoli 
  • residui di lavorazione del legno non sottoposto a trattamenti chimici

L’energia rinnovabile generata dalla centrale assicura un abbattimento delle emissioni di 18.000 tonnellate all’anno di CO2, equivalenti a una riduzione di 12.000 auto circolanti ogni anno.

La proprietà della rete consentirà alla società di garantire ai cittadini connessi una maggiore efficacia e sicurezza di continuità nell’erogazione del servizio. Così il servizio sarà sempre più efficiente e si potrà decarbonizzante il sistema di produzione energetico di Rivarolo, grazie al suo potenziale di sviluppo su un numero sempre più ampio di utenti.


Leggi anche

Airu Superbonus Decreto Rilancio

In una lettera inviata al governo, l’associazione chiede di rivedere l’articolo 119 del Decreto Rilancio in discussione alla Camera, che riconosce l’incentivo fiscale previsto per gli interventi di efficienza energetica solo ad alcuni comuni montani che si allacciano alla rete di teleriscaldamento. Ne sarebbero escluse le città, proprio le aree dove il teleriscaldamento efficiente può dare il maggior contributo ad abbattere le emissioni climalteranti e favorire la transizione energetica…

Leggi tutto…

Lavori teleriscaldamento Comocalor

La società ha dato il via a un programma di opere per efficientare l’infrastruttura che comincia a risentire dei suoi 30 anni di età. Lo ha fatto con un ambizioso piano, supportato da 2,5 milioni di investimenti, che prevedono la sostituzione delle condotte preisolate nei punti chiave della rete o in quelli tecnicamente o logisticamente più complessi…

Leggi tutto…

Taglio paglia di riso per teleriscaldamento Gal Risorsa Lomellina

Sfruttare un sottoprodotto della filiera del riso per teleriscaldare gli edifici pubblici. È l’idea della società, costituita da enti pubblici, aziende private e associazioni della Lomellina, per aiutare i comuni a spendere meno e gli agricoltori ad aumentare gli incassi valorizzando una fonte rinnovabile a km zero. Progetto sostenuto con un bando, in scadenza il 6 luglio, che copre fino al 90% delle spese per la progettazione e realizzazione dell’infrastruttura …

Leggi tutto…

Teleriscaldamento Piancastagnaio

Dopo il blocco dovuto all’emergenza sanitaria, sono ripresi a pieno ritmo i lavori per realizzare la rete di distribuzione del calore a servizio del comune dell’Amiata. La nuova rete è destinata ad alimentare il nucleo principale del comune e si aggiunge alle due già realizzate e in servizio che teleriscaldano l’area artigianale de “La Rota” e il centro abitato di Casa del Corto…

Leggi tutto…

Abbiamo intervistato Alessandro Vistoli, Amminsitratore Delegato di Terranova che ci ha raccontato come l’azienda affianca le utility per una migliore gestione della trasformazione tecnologica….

Leggi tutto…