ENGIE e BEA fanno più green il teleriscaldamento di Cinisello Balsamo

Il teleriscaldamento di Cinisello Balsamo (Milano) sarà sempre più green. ENGIE Italia, che gestisce il servizio, ha siglato un accordo con BEA (Brianza Energia Ambiente), primo operatore nella provincia di Monza e Brianza nella produzione di energia attraverso la termovalorizzazione dei rifiuti, per alimentare la rete con energia generata in un’ottica di economia circolare.

A partire dal 2021, infatti, il 30% del calore distribuito dalla rete di ENGIE alle utenze sarà prodotto dal termovalorizzatore di Desio di BEA, garantendo un’ulteriore riduzione delle emissioni di CO2 e NOx di circa il 30% rispetto ai livelli attuali. Lo sviluppo del servizio prevede un investimento di 5 milioni di euro da parte delle due società e rappresenta un esempio di collaborazione virtuosa tra partner pubblico e privato in funzione di una maggiore tutela ambientale e di un ulteriore risparmio per gli utenti.

I lavori per il raccordo tra le due reti inizieranno nella seconda parte di quest’anno e dureranno meno di 12 mesi. Comporteranno la realizzazione di un’interconnessione dell’estensione di circa 1 km dalla rete di BEA alla centrale ENGIE. A partire dalla stagione termica 2021-22 il surplus della produzione termica di BEA sarà ceduto alla rete di Cinisello Balsamo: in questo modo ENGIE limiterà ulteriormente l’impatto sull’ambiente portando un beneficio significativo alle persone. Allo stesso tempo, la società provvederà all’ammodernamento della centrale di Cinisello Balsamo, potenziando il sistema di accumulo e creando una stazione di scambio capace di interconnettere le due reti coordinandone anche la produzione.

Attualmente la rete di teleriscaldamento di ENGIE Cinisello a Balsamo serve 18.000 abitanti, fornendo circa 50 GWh termici all’anno, e garantisce alla città una riduzione di oltre il 25% delle emissioni di agenti inquinanti rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali.


Leggi anche

A realizzare l’infrastruttura sarà Etc Ecotermica Ciriè, società partecipata al 60% da Edison e per la parte restante da Ecotermica Servizi. Il progetto, del valore di 15 milioni di euro, prevede la realizzazione di una rete dell’estensione di 15 chilometri che riceverà l’energia termica da una centrale di cogenerazione alimentata a gas e a biomasse, provenienti dalla pulizia dei boschi limitrofi…

Leggi tutto…

In occasione del workshop Progetto europeo TEMPO, tenutosi a Brescia il 7 Novembre all’auditorium del termoutilizzatore di A2A, l’Ing. Lorenzo Spadoni, CEO di A2A Calore e Servizi e Presidente di AIRU, ha illustrato i possibili scenari futuri del teleriscaldamento in Italia e in Europa, e gli obiettivi principali e il ruolo di A2A all’interno del Progetto, relativo al teleriscaldamento a bassa temperatura…

Leggi tutto…

Il documento è il primo frutto della collaborazione tra la multiutility, i maggiori operatori del settore e gli ingeneri torinesi, collaborazione che porterà allo sviluppo di 4 linee guida dedicate ai sistemi di distribuzione del calore. Il primo documento analizza il comportamento degli scambiatori di calore in regime di portata variabile, indotto dall’introduzione delle valvole termostatiche …

Leggi tutto…

La multiutility sta concludendo la prima fase del progetto per servire il comune della prima cintura torinese. Ad alimentare il sistema di distribuzione sarà la rete metropolitana di teleriscaldamento, che riceva l’energia termica dal termovalorizzatore di Torino e che, oltre alla stessa città, già fornisce energia termica anche ai comuni di Moncalieri e Nichelino…

Leggi tutto…

Innovazioni tecnologiche per la digitalizzazione dei sistemi di teleriscaldamento a bassa temperatura. Questo il focus del workshop all’interno del progetto europeo TEMPO (Temperature Optimisation for Low Temperature District Heating across Europe) di giovedì 7 Novembre 2019 organizzato da A2A Calore e Servizi ed Euroheat & Power / DHC + presso l’Auditorium del termoutilizzatore di Brescia…

Leggi tutto…