Engie estende la rete del teleriscaldamento di Settimo Torinese


Nel settembre dello scorso anno Engie acquisiva la gestione della rete di teleriscaldamento di Settimo Torinese. Dopo aver assicurato ai cittadini del comune piemontese la continuità del servizio, messa a rischio dal fallimento del precedente gestore, ora la società si spinge ancora più avanti. È suo obiettivo, infatti, procedere con un’estensione dell’infrastruttura che attualmente è lunga 47 chilometri.
Il progetto di Engie prevede la posa di ulteriori 4 chilometri di condotte preisolate, per portare il servizio anche nel quartiere di San Gallo, che si trova nella parte est della cittadina. Progetto che prevede anche l’attraversamento dei binari ferroviari, a tutto beneficio della zona dove, tra l’altro, sorgono diverse scuole, tra materne, elementari e medie, oltre a diversi altri luoghi di aggregazione dedicati ai ragazzi, quindi a tutto vantaggio dei giovani che potranno godere di calore generato da energia pulita.
Infatti, a fornire energia termica al sistema è il calore di risulta della centrale termoelettrica di Leinì, sempre di proprietà di Engie, integrato con quello prodotto dall’impianto a biomasse di Solis, che fa sì che il teleriscaldamento di Settimo benefici di un processo di produzione del calore molto efficiente che si tradurrà, per la zona di San Gallo, in una considerevole riduzione delle emissioni di CO2, pari a oltre il 37% rispetto alla situazione attuale.
Engie gestisce attualmente 11 reti di teleriscaldamento, delle quali 6 in Piemonte: oltre a quella di Settimo Torinese, quelle di Biella, Saluzzo, Fossano, Racconigi e quella a servizio del Villaggio Olimpico di Torino, consentendo di evitare oltre 40.000 tonnellate di CO2 ogni anno.


Leggi anche

A realizzare e gestire il sistema, che fornirà calore a circa 800 edifici, sarà Telenergia, società nata dalla partnership tra Egea e Amag, con un investimento di 90 milioni di euro. Il progetto, che sarà ultimato in 6 anni, prevede la costruzione in città di una rete di 62 km alimentata da due centrali di cogenerazioni a gas integrato con fonti rinnovabili: una nella zona Sud e l’altra nella zona Nord…

Leggi tutto…

La giunta provinciale ha dato l’ok alla concessione all’utility energetica dell’Alto Adige delle linee di collegamento del sistema di distribuzione del calore. La concessione, della durata di 29 anni, interessa tre linee per uno sviluppo complessivo di oltre 2,5 km. Il canone di indennizzo annuo è stato fissato a circa 60.000 euro…

Leggi tutto…

L’intesa riguarda il sistema di Settimo Torinese: il big dei cosmetici cederà l’acqua recuperata, depurata e purificata del suo sito di produzione a Engie che la utilizzerà come acqua di reintegro della propria rete. Un esempio di economia circolare che permetterà soddisfare, evitando lo spreco di nuova risorsa idrica, ben il 20% del fabbisogno di acqua della rete della lunghezza di 47 km …

Leggi tutto…

Azzerare del tutto le emissioni di CO2 dei sistemi di teleriscaldamento entro il prossimo decennio. È il grande obiettivo che si è dato Fortum, società energetica finlandese, per la città di Espoo. Un lungo cammino che comincia con l’eliminazione degli attuali generatori fossili che alimentano la rete cittadina, grazie alla costruzione di una centrale a biomasse da 49 MW, che sarà completata per il 2020…

Leggi tutto…

Sarà la geotermia ad alimentare nel prossimo futuro la rete di distribuzione del calore di Aarhus, seconda città della Danimarca. È l’obiettivo dell’intesa tra l’amministrazione cittadina e AP Moller Holding, società quest’ultima che avvierà una campagna di esplorazioni per verificare la fattibilità del progetto. Secondo il programma, le prime trivellazioni saranno effettuate tra il 2019 e il 2020, mentre i primi impianti geotermici saranno costruiti a partire dal 2021…

Leggi tutto…