Engie festeggia dieci anni di teleriscaldamento a Biella

A Biella si festeggiano i dieci anni del teleriscaldamento. Era il 2009 quando l’amministrazione comunale decideva di dotare la cittadina di una rete di distribuzione del calore, scegliendo come partner Engie, la multinazionale francese dell’energia, che si occupa dello sviluppo della rete e della sua gestione. Una scelta fatta per garantire agli abitanti grandi vantaggi sotto il profilo ambientale e del comfort, ben compresa e apprezzata dai cittadini. Basti pensare che ad aderire al servizio sono oltre 260 immobili della città, tra i quali diversi luoghi simbolo della città, come Palazzo Oropa, Palazzo Pella, Palazzo della Provincia, la ex Villa Schneider, la ex Villa Piacenza e il Museo del Territorio. Alla rete poi sono allacciate tutte le scuole della città, mentre a godere del servizio ben 25.000 abitanti, oltre il 60% del totale della popolazione.

L’utilizzo di questa tecnologia ha migliorato anche la qualità dell’aria nella cittadina: la riduzione annua di emissioni di CO2 ha generato infatti un impatto positivo sulla qualità dell’aria paragonabile alla piantumazione di 255.000 alberi o alla riduzione annua della circolazione di 3000 autovetture in città. «In questi dieci anni, l’abbandono degli impianti di riscaldamento a gasolio a favore del teleriscaldamento ha permesso di evitare 55.000 tonnellate di CO2 nell’atmosfera – ha infatti commentato Matthieu Bonvoisin, direttore della business line Infrastrutture energetiche di Engie Italia -. Il nostro obiettivo è quello ampliare ancora il servizio di teleriscaldamento per arrivare a servire almeno il 75% della città e dimezzare ulteriormente le emissioni».

A fronte di tali risultati Engie infatti continua a portare avanti lo sviluppo della rete. Di recente ha raggiunto il Quartiere San Francesco, ed entro il prossimo anno sarà completata anche nel Quartiere San paolo, dove già serve diversi centri di aggregazione, come il teatro Sociale e il Circolo Sociale.


Leggi anche

Con la firma del contratto di servizio giunge a conclusione definitiva l’iter per la prima gara per la concessione del servizio fatta con il metodo degli Atem. Servizio che interessa 49 comuni della prima e seconda cintura del capoluogo piemontese per 12 anni, che Italgas si era aggiudicato lo scorso aprile con un’offerta di 200 milioni e un programma di investimenti che prevede, tra l’altro, il rinnovo di 180 km di rete e la posa di altri 150 km di nuove condotte…

Leggi tutto…

Si è svolta martedì 10 dicembre 2019 la cerimonia di posa della prima pietra del nuovo headquarters di Gruppo CAP, in via Rimini 32 a Milano. A spiegare meglio le caratteristiche di questa nuova sede, le parole di Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP, e Claudio Lucchin, architetto e titolare dello Studio CL&AA che ha progettato l’edificio…

Leggi tutto…

La centralità di questo combustibile nel processo di decarbonizzazione del Continente è sottolineata dall’ultimo elenco dei Progetti di interesse comune per la rete di interconnessione energetica europea. Progetti che possono accedere ai finanziamenti dell’Unione e che comprendono ben 32 opere che riguardano le infrastrutture gas. Di queste ben 6 sono italiane…

Leggi tutto…

In attesa che si completi la riforma del servizio con l’affidamento delle gestioni, Regioni Calabria ha scelto Sorical, la società che gestisce i grandi sistemi di adduzione regionale, per realizzare il programma di interventi di efficientamento e ingegnerizzazione delle reti di distribuzione. Il progetto interessa circa quaranta comuni ed è sostenuto da un investimento di 68 milioni di euro…

Leggi tutto…

L’Azienda RITMO S.P.A. fondata nel 1979 da Renzo Bortoli, ha offerto agli oltre 100 dipendenti una serata di festa con una cena all’aperto, musica e cabaret. Una cornice incantevole per una foto ricordo, ma soprattutto per gioire e ricordare tanti aneddoti. …

Leggi tutto…