Engie porta il teleraffrescamento a Singapore

Il teleraffrescamento fa breccia in Asia. La multinazionale francese Engie si è aggiudicata la progettazione e realizzazione di un sistema di teleraffrecamento a servizio del Distretto digitale di Punggol. Il Distretto, in via di costruzione, è il primo di Singapore concepito in un’ottica integrata, riunendo nella stessa area un parco industriale, un’università e strutture per la comunità. Pensato per favorire lo scambio e le sinergie tra il mondo dell’industria e quello accademico, ospiterà gli edifici commerciali della Jurong Town Corporation (JTC), la società immobiliare statale che si occupa dello sviluppo e gestione delle aree industriali, un campus del Singapore Institute of Technology (SIT), il parco industriale, ambulatori, strutture per l’infanzia, parchi e spazi pubblici per i residenti della zona. Un ecosistema orientato all’innovazione, dove verranno sviluppate soluzioni in tutti i settori industriali chiave, dalla sicurezza a tutte le nuove frontiere dell’economia digitale.

Un ecosistema, inoltre, anche green, che prevederà l’impiego delle soluzioni più all’avanguardia per ottimizzare i consumi di energia e ridurre le emissioni. In questo contesto si inserisce alla perfezione una soluzione a basso impatto ambientale e alta efficienza come il teleraffrescamento: tutte le strutture del Distretto saranno raffrescate dall’infrastruttura di Engie, che si svilupperà come una serie di impianti interconnessi per una capacità totale di 105 MW.

Per la multinazionale questo sarà solo il primo di una serie di progetti che intende realizzare nella regione. Engie, infatti, lo scorso anno ha annunciato l’intenzione di costruire proprio a Singapore un suo centro di competenza sul teleraffrescamento. La costruzione del centro, prevista entro il 2023, sarà sostenuta da un investimento di circa 80 milioni di dollari e ha l’obiettivo di sviluppare nuovi progetti innovativi di teleraffrescamento nella città-stato e nella regione Asia-Pacifico.


Leggi anche

I capitali raccolti, concessi da un pool di banche, saranno utilizzati per sostenere le attività nel campo del teleriscaldamento delle varie società di scopo che fanno parte di TlrNet, società controllata da Egea e dal fondo britannico iCon Infrastructure. Buona parte delle risorse è destinata al progetto del sistema di Alessandria, portato avanti da Telenergia, partecipata da Egea e dalla multiutility alessandrina Amag….

Leggi tutto…

Iren

Iren Energia ha concluso l’acquisizione del ramo d’azienda di Sei Energia che riguarda i sistemi di teleriscaldamento di Collegno, Rivoli e del 49% del capitale azionario di Nove, che gestisce il servizio a Grugliasco. Un’operazione strategica, del valore di 24,4 milioni di euro, che consentirà alla società di estendere la rete integrandola con quella già esistente a servizio dell’area della Città metropolitana di Torino …

Leggi tutto…

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…

CogenInfra, attivo nel teleriscaldamento e nei servizi di efficienza energetica, entra nel capitale azionario della società che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio. Un’operazione che permette a Tcvvv di ampliare le sue prospettive industriali, rafforzandosi sul territorio e puntando sull’offerta di nuovi servizi…

Leggi tutto…