Entro l’estate la gara per la banda ultralarga nelle aree grigie

Arriverà entro l’estate il bando per lo sviluppo della banda ultralarga nelle aree grigie, ovvero i territori, spesso extraurbani, dove è presente o è prevista la presenza di un solo operatore di rete. Ad annunciarlo, la ministra per l’Innovazione Paola Pisano nel corso della riunione del Comitato per la diffusione della banda ultralarga (CoBul) a Palazzo Chigi.

Tra i principali progetti di infrastrutturazione che interessano il nostro Paese, la diffusione capillare della banda ultralarga è uno degli interventi prioritari che fanno parte della strategia di innovazione Italia 2025, il piano d’azione della ministra per l’Innovazione e la trasformazione digitale. Il nuovo bando segue le gare indette dal CoBul che avevano permesso l’avvio della costruzione della rete nelle aree bianche, quelle a fallimento di mercato, ovvero i piccoli centri e le zone più isolate del territorio nazionale dove gli operatori non hanno interesse a investire.

Durante la riunione si è discusso anche dell’attivazione di voucher per la connettività, ovvero i contributi, già annunciati lo scorso luglio, per sostenere la domanda di servizi ultraveloci. Secondo le prime anticipazioni, i contributi sarebbero destinati a piccole e medie imprese, istituti scolastici, centri per l’impiego e famiglie, con importi differenziati a seconda dei beneficiari. La misura, con un budget di 1,3 miliardi di euro, sarà sviluppata per un periodo di 3 anni su tutto il territorio nazionale.


Leggi anche

La collaborazione tra le due realtà riguarda la creazione di nuove generazioni di soluzioni tecnologiche di IoT al servizio delle infrastrutture e la formazione digitale per professionisti e studenti. Per quanto riguarda il primo punto, i temi di interesse sono i sensori smart 4.0 per il monitoraggio e la manutenzione di reti e impianti, il Fog Computing e i nuovi sistemi di connettività…

Leggi tutto…

Le risorse fanno parte di un nuovo programma adottato dalla Commissione Europea nell’ambito della politica di coesione. Sono destinate a sostenere lo sviluppo dell’infrastruttura a banda ultra larga nelle aree bianche e ne beneficeranno oltre 7.000 comuni italiani, per un totale di 12,5 milioni di abitanti, il 20% della popolazione italiana…

Leggi tutto…

Internet of Things e i processi di monitoraggio evoluto degli impianti di trasmissione dell’energia per un controllo della rete sempre più evoluto e dinamico, focus della prima delle piattaforme dedicate all’innovazione che la società avvierà nelle sue sedi territoriali. Il progetto è parte del piano di digitalizzazione nel quale Terna investirà 700 milioni di euro nei prossimi 5 anni….

Leggi tutto…

Il bando, che Open Fiber si è aggiudicato, riguarda lo sviluppo della banda ultralarga nelle aree a fallimento di mercato in Puglia, Calabria e Sardegna. Il contratto prevede la costruzione e la gestione per 20 anni dell’infrastruttura pubblica che collegherà 317.000 unità immobiliari in 959 comuni per oltre 400.000 cittadini interessati, con un investimento pubblico di 103 milioni di euro…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato da Idate e presentato alla FTTH Conference 2019 sottolinea come il nostro Paese abbia registrato il maggior tasso di crescita delle connessioni in modalità FTTH-FTTB in Europa, con il numero delle unità immobiliari passato da 4,4 a 6,3 milioni da settembre 2017 allo stesso mese del 2018. Un incremento del 43,1% a fronte di una media continentale del 15,7% …

Leggi tutto…