Etra estende l’acquedotto per eliminare i pozzi privati

Garantire un approvvigionamento idrico sicuro, sia in termini di continuità, ma soprattutto di qualità dell’acqua, e la tutela della preziosa risorsa nel territorio. Hanno questo obiettivo i lavori, appena avviati da Etra, la multiutility che gestisce il servizio idrico e i servizi ambientali nei comuni del bacino del Brenta, per realizzare l’infrastruttura acquedottistica in aree ancora sprovviste di rete di distribuzione. Aree comprese nei comuni di San Pietro in Gù, Fontaniva, Carmignano di Brenta, Grantorto, Tezze sul Brenta, Schiavon e Cartigliano (tutti in provincia di Padova). Questi comuni ricadono in fascia di ricarica della falda acquifera, ma la rete di distribuzione non raggiunge tutte le aree urbanizzate dove, di conseguenza, sono ancora presenti numerosi approvvigionamenti autonomi.

Nel complesso l’intervento, che ha ottenuto il via libero definitivo dal Consiglio di Bacino Brenta, prevede la posa di 4 chilometri di condotte alle quali verranno allacciate 84 utenze, che così non dovranno più attingere l’acqua da pozzi. Un’operazione, quest’ultima, che mette a rischio la falda, in quanto l’impatto dei pozzi privati che prelevano dalla falda litri e litri in continuo può influenzarne l’equilibrio, compromettendone portata e sicurezza.

La presenza e lo sfruttamento dei pozzi è molto diffuso nel territorio gestito. I pozzi provati registrati, secondo i dati diffusi dalla stessa società, ammontano a ben 4000, nella fascia pedemontana e fino al territorio a nord di Padova. E 12.000 circa sono gli utenti iscritti al servizio di fognatura e depurazione di Etra che non hanno l’allacciamento all’acquedotto. Ma, sempre secondo Etra, una stima più realistica porta a determinare un totale di circa 40.000 pozzi privati nel bacino: un numero enorme. Pozzi privati la cui affidabilità, in termini di sicurezza igienica dell’acqua, può essere in certi casi incerta, a differenza di quelli pubblici utilizzati da Etra che vi ha eseguito studi idrogeologici e ne monitora costantemente la qualità dell’acqua e l’utilizzo (livello falda, portata, volumi) garantendo un prelievo sicuro della risorsa.


Leggi anche

Logo Lario Reti Holding

La società ha chiuso il bilancio relativo allo scorso anno con ricavi pari a 52,4 milioni e utili per oltre 6 milioni. Gli investimenti realizzati sono stati pari a 24,1 milioni, circa pari alla metà rispetto ai tre anni precedenti, e hanno permesso di realizzare alcuni importanti interventi, come il revamping del depuratore di Lecco, lo sdoppiamento della rete fognaria di Oliveto Lario, e l’adeguamento dell’impianto di Ballabio…

Leggi tutto…

Acque collettore Valdinievole e Basso Valdarno

Avviati i lavori preliminari per la realizzazione del mega collettore che consentirà d razionalizzare il sistema di raccolta e depurazione dei reflui della Valdinievole e del Basso Valdarno. L’opera, progettata da Acque e dal costo di 40 milioni di euro, è suddivisa in 4 lotti che prevedono nel complesso la posa di 24 km di condotte in ghisa da 900 mm di diametro…

Leggi tutto…

Interventi Pistoia Publiacqua

Partiti i lavori per eliminare 8 scarichi diretti in ambiente nelle zone di Chiazzano, Nespolo e Le Querci e collettarne i reflui al Depuratore centrale. L’intervento prevede la posa di 8 chilometri di condotte, dei quali 5 a gravità e 3 in pressione, di 8 manufatti di sfioro e di 4 impianti di sollevamento. In contemporanea, verrà realizzata una nuova condotta di distribuzione idrica, che scorrerà in parallelo alla fognatura, per un valore totale di 6,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Acquedotto Pugliese

Il secondo lotto dell’opera, del valore di 75,2 milioni di euro, permetterà di fronteggiare eventuali periodi di siccità, garantendo più acqua alla città di Bari, all’area a nord della città e alla Capitanata, nel Nord della regione. Un intervento imponente che prevede nel complesso la posa di 63 chilometri di condotte del diametro di un metro, con diversi attraversamenti di importanti arterie stradali e ferroviarie, un nuovo serbatoio, una stazione di accumulo e 80 pozzetti…

Leggi tutto…

Acqua Latina Acqua Campania lavori Sud pontino

Dopo lo stop dovuto al ritrovamento dei reperti archeologici e, poi, all’emergenza sanitaria, le due società hanno ripreso i lavori per concludere la condotta di interconnessione della rete idrica del Sud pontino con l’Acquedotto della Campania Occidentale. Un’opera da 7 milioni, realizzata al 95% che permetterà di incrementare la portata di acqua nel Lazio meridionale del 20% e rendere il sistema idrico dell’area più resiliente…

Leggi tutto…