Etra estende l’acquedotto per eliminare i pozzi privati

Garantire un approvvigionamento idrico sicuro, sia in termini di continuità, ma soprattutto di qualità dell’acqua, e la tutela della preziosa risorsa nel territorio. Hanno questo obiettivo i lavori, appena avviati da Etra, la multiutility che gestisce il servizio idrico e i servizi ambientali nei comuni del bacino del Brenta, per realizzare l’infrastruttura acquedottistica in aree ancora sprovviste di rete di distribuzione. Aree comprese nei comuni di San Pietro in Gù, Fontaniva, Carmignano di Brenta, Grantorto, Tezze sul Brenta, Schiavon e Cartigliano (tutti in provincia di Padova). Questi comuni ricadono in fascia di ricarica della falda acquifera, ma la rete di distribuzione non raggiunge tutte le aree urbanizzate dove, di conseguenza, sono ancora presenti numerosi approvvigionamenti autonomi.

Nel complesso l’intervento, che ha ottenuto il via libero definitivo dal Consiglio di Bacino Brenta, prevede la posa di 4 chilometri di condotte alle quali verranno allacciate 84 utenze, che così non dovranno più attingere l’acqua da pozzi. Un’operazione, quest’ultima, che mette a rischio la falda, in quanto l’impatto dei pozzi privati che prelevano dalla falda litri e litri in continuo può influenzarne l’equilibrio, compromettendone portata e sicurezza.

La presenza e lo sfruttamento dei pozzi è molto diffuso nel territorio gestito. I pozzi provati registrati, secondo i dati diffusi dalla stessa società, ammontano a ben 4000, nella fascia pedemontana e fino al territorio a nord di Padova. E 12.000 circa sono gli utenti iscritti al servizio di fognatura e depurazione di Etra che non hanno l’allacciamento all’acquedotto. Ma, sempre secondo Etra, una stima più realistica porta a determinare un totale di circa 40.000 pozzi privati nel bacino: un numero enorme. Pozzi privati la cui affidabilità, in termini di sicurezza igienica dell’acqua, può essere in certi casi incerta, a differenza di quelli pubblici utilizzati da Etra che vi ha eseguito studi idrogeologici e ne monitora costantemente la qualità dell’acqua e l’utilizzo (livello falda, portata, volumi) garantendo un prelievo sicuro della risorsa.


Leggi anche

L’operazione prosegue il percorso di crescita del Gruppo nei servizi ambientali e segue quelle realizzate negli scorsi anni che hanno riguardato le toscane Waste Recycling e Teseco, le trevigiane Geo Nova e Aliplast. Con l’acquisizione di Pistoia Ambiente, che porta in dote anche un impianto per il trattamento dei rifiuti liquidi, la società potenzia anche il suo parco impiantistico…

Leggi tutto…

La giunta regionale ha disposto un nuovo finanziamento per 1,5 milioni a sostegno dell’adeguamento del sistema fognario dell’area gardesana. Indispensabile per salvaguardare le acque del lago, l’opera interessa i comuni sia della riva veneta sia lombarda. La realizzazione richiederà un maxi investimento complessivo di 220 milioni di euro…

Leggi tutto…

Grazie alla collaborazione con Energy Way, il depuratore cittadino è stato dotato di un sistema all’avanguardia, unico in Italia, che utilizza la logica predittiva per contenere ulteriormente i consumi energetici e migliorare la qualità dell’acqua in uscita. Primo frutto di un progetto che applica le nuove tecnologie dei big data, machine learning e intelligenza artificiale alle attività del ciclo idrico e che potrà essere esteso ad altri impianti…

Leggi tutto…

L’Azienda RITMO S.P.A. fondata nel 1979 da Renzo Bortoli, ha offerto agli oltre 100 dipendenti una serata di festa con una cena all’aperto, musica e cabaret. Una cornice incantevole per una foto ricordo, ma soprattutto per gioire e ricordare tanti aneddoti. …

Leggi tutto…

Comunicato stampa – I cittadini di Cava Manara potranno presto beneficiare di un significativo miglioramento della qualità dell’acqua che arriva nelle loro case. E’ infatti imminente l’entrata in esercizio della nuova vasca di compenso realizzata a supporto dell’impianto di potabilizzazione comunale. …

Leggi tutto…