Evosta, la gamma di circolatori ultra smart

Il circolatore Evosta è la sintesi perfetta tra la robustezza del circolatore meccanico e i vantaggi di quello elettronico. Sviluppato nella linea produttiva Factory 4.0 di DAB – l’azienda multinazionale specializzata nel campo delle tecnologie per la movimentazione e la gestione dell’acqua – Evosta porta con sé un bagaglio di esperienze lungo più di quarant’anni e tradotto in oltre venti milioni di pezzi venduti in Italia e nel mondo ma guarda comunque al futuro: questa gamma di circolatori è il frutto di un’accelerazione tecnologica senza precedenti.

Le nuove tecnologie integrano i processi di operatori, macchine e strumenti. Le infrastrutture informatiche e tecniche connettono sistemi e uomini in modo collaborativo per migliorare sicurezza e qualità. Il tutto in una logica di sostenibilità perché ottimizzare le risorse e utilizzarle in modo sostenibile e intelligente rappresenta per DAB un dovere sociale.
 

La nuova gamma di circolatori è composta da Evosta 3, Evosta 2, Evosta 2 San ed Evosta 2 Sol ed è la prima a essere progettata e prodotta in una linea completamente smart.

Nella Factory 4.0 di DAB tutte le fasi di assemblaggio sono infatti automatizzate e dotate di sistemi di controllo intelligenti POKA-YOKE, lo standard industriale di produzione che garantisce una produzione a zero difetti e un luogo di lavoro a zero rischi per gli operatori.

Nei nuovi circolatori Evosta le infiltrazioni di umidità non sono più un problema grazie al grado di protezione IPX5, testato sparando un getto d’acqua da un ugello di 6.3 mm da ogni direzione per assicurare la tenuta ermetica del circolatore.
 

La nuova cartuccia anticalcare

Ad aiutare il perfetto funzionamento del circolatore è anche la cartuccia anticalcare.

 
La cartuccia anticalcare è infatti in grado di prendersi cura dell’albero motore in modo ottimale e di far quindi risparmiare tempo prezioso di manutenzione. Indipendentemente dalla durezza dell’acqua, il calcare si può formare e accumulare provocando così malfunzionamenti nel circolatore. Un problema, questo, con il quale molti sono costretti a fare i conti proprio nel periodo invernale, quando è il momento di riaccendere gli impianti.

La nuova cartuccia è studiata per prevenire la normale formazione di calcare generalmente causata da residui di aria e acqua all’interno del circolatore, per evitare eventuali blocchi o rotture.

La gamma Evosta si caratterizza per semplicità di utilizzo, facilità di settaggio, standard energetici elevati. Grazie a queste caratteristiche, che si uniscono alle dimensioni ridotte, è la soluzione ideale per gli impianti domestici di condizionamento o riscaldamento.

La versione Evosta SOL è progettata per essere utilizzata in abbinamento a impianti solari termici, mentre la versione SAN è dedicata al ricircolo dell’acqua calda sanitaria.

In tutti i circolatori gli inverter assorbono l’energia necessaria in base al fabbisogno, consentendo un sensibile risparmio, mentre l’interfaccia intuitiva permette di avere sempre sotto controllo tutti i parametri in funzionamento. Il tappo di sfiato dà accesso immediato e facile all’albero in caso di blocco.

  • Tecnologia
  • Affidabilità
  • Risparmio energetico
  • Facilità di installazione e manutenzione

La nuova gamma di circolatori elettronici Evosta è pensata per il mercato di domani.


Leggi anche

La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) sosterrà il piano industriale 2022-2025 del Gruppo CAP, che prevede interventi per circa €450 milioni in 5 anni. Il finanziamento, che si inserisce nelle politiche ambientali e nel Green New Deal della Regione Lombardia, contribuirà al miglioramento della copertura, della qualità e della resilienza dei servizi idrici del territorio servito da Gruppo CAP. …

Leggi tutto…

Il gestore idrico di 55 comuni toscano ha concluso l’importante intervento che ha permesso di rinnovare una porzione di rete idrica e mettere in sicurezza l’acquedotto mediceo. Un’opera, che ha visto la posa di 7 chilometri di condotte per una spesa di 2 milioni di euro, progettata a tempo di record con Ingegnerie Toscane per risolvere le criticità legate alle frequenti rotture provocate dalle vecchie condotte ormai giunte a fine vita…

Leggi tutto…

Lario Reti Holding ha ottenuto l’autorizzazione al riutilizzo delle acque trattate dai depuratori di Bellano e Olginate che saranno utilizzate da Silea per il lavaggio delle strade. Un progetto virtuoso nato dalla collaborazione delle due società che gestiscono, rispettivamente, il ciclo idrico e quello dei rifiuti nei comuni della provincia di Lecco, che permetterà di evitare l’utilizzo e, quindi, lo spreco di acqua potabile…

Leggi tutto…

Le nuove risorse in arrivo provengono da un bando PNRR che ha premiato il progetto presentato dall’ATI Caltanissetta e dal gestore idrico. Progetto incentrato sulla digitalizzazione delle infrastrutture come chiave per la lotta alle perdite, con l’obiettivo di tagliare lo spreco di acqua del 25% in tutti i comuni della provincia e di distrettualizzare e governare digitalmente l’intero ambito…

Leggi tutto…

Conclusa con successo la nuova emissione obbligazionaria che andrà a sostenere il piano di investimenti da 350 milioni di euro nei prossimi quattro anni di sei società consorziate. Le risorse, in particolare, andranno a interventi di miglioramento di reti fognarie e impianti di depurazione. Ad aderire all’operazione Banca Europea per gli Investimenti, Cassa Depositi e Prestiti e Kommunalkredit Austria…

Leggi tutto…