Favaragas pronta alla metanizzazione di Favara

Potrebbero partire entro l’anno i lavori per la metanizzazione di Favara, comune di oltre 32.000 abitanti in provincia di Agrigento.

Il progetto esecutivo per la realizzazione dell’infrastruttura di distribuzione è passato al vaglio della conferenza dei servizi, alla quale hanno preso parte il Comune di Favara, il Genio civile, il Libero consorzio, l’Asp, l’Enel, la Sovrintendenza ai beni culturali e ambientali, i Vigili del Fuoco, il Comune di Agrigento, l’Anas, l’Ato Idrico, Girgenti Acque, Tim Telecom e Snam Rete Gas. Ora si attende solo il via libero per l’inizio dei lavori.

Il progetto è stato messo a punto da Favaragas, società del gruppo Italgas, che aveva rilevato il ramo aziendale della Cpl Concordia, originaria aggiudicataria dell’appalto con il sistema della finanza di progetto.

L’iter per l’opera era stato avviato dall’amministrazione comunale che aveva partecipato a un bando riservato ai comuni del meridione d’Italia, per il quale il Comune di Favara ha ottenuto dal ministero dell’Economia un finanziamento in conto capitale di 6.716.000 di euro, mentre la quota restante per la sua realizzazione, che nel totale dovrebbe aggirarsi sui 20 milioni, sarà a carico di Favaragas.

Il punto di allaccio della nuova infrastruttura è stato già realizzato in contrada San Benedetto con la condotta, lunga circa 7 chilometri, che sarà interrata sotto la provinciale n. 3, la Favara-Aragona. Il punto di arrivo è previsto in una piazza alle porte della cittadina, mentre 6 cabine di distribuzione, corrispondenti ad altrettante aree nelle quali sarà suddiviso il territorio, saranno realizzate all’interno del territorio comunale.


Leggi anche

L’AD Paolo Gallo ha presentato il nuovo Piano 2019-2025. Quattro i pilastri fondanti: sviluppo e ammodernamento della rete; digitalizzazione; sviluppo della rete di distribuzione gas in Sardegna; estensione della rete e del numero di utenze con l’acquisizione di altre realtà, in attesa che partano le gare per le concessioni …

Leggi tutto…

È della cooperativa vitivinicola di Caviro di Faenza il primo impianto per la produzione di biometano agricolo connesso alla rete di trasporto del gas di Snam. L’impianto è alimentato con i sottoprodotti del ciclo produttivo della stessa azienda e coi reflui di allevamenti della zona e può produrre biocarburante per alimentare fino a 18.000 veicoli all’anno…

Leggi tutto…

Di fronte alla sfida imposta dai cambiamenti climatici e dalla trasformazione sempre più veloce delle città, la tecnologia e la digitalizzazione svolgeranno un ruolo centrale. Negli interventi istituzionali gli specialisti di enti e utilities mostreranno come le nuove tecnologie siano indispensabili per garantire la continuità dei servizi erogati, riprogettarli e migliorarne la gestione e la qualità in funzione delle nuove esigenze e in un’ottica di sostenibilità ambientale, anche grazie a una più efficiente e capillare raccolta dati….

Leggi tutto…

L’impianto, che sarà realizzato con un investimento di 50 milioni di euro, sorgerà nel comune di Vezzano Ligure e potrà trattare circa 60.000 tonnellate/anno di rifiuti organici da raccolta differenziata, producendo 6 milioni di mc/anno di biometano, da immettere nella rete di distribuzione gas, e 14.300 tonnellate/anno di ammendante di compostato misto destinato all’agricoltura…

Leggi tutto…

Servizi a Rete TOUR 2019, 26-27 Giugno 2019 | Bologna, Spazio HERA

Durante la quinta edizione, dedicata al tema della “Digital transformation e le utility alla guida del cambiamento urbano”, esperti provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento a Bologna in “casa HERA” per confrontarsi sul tema della gestione delle reti del sottosuolo e per mettere a fattor comune le proprie esperienze e progetti. Questo uno degli interventi in programma.
Scopri di più……

Leggi tutto…