Feralpi premiata per il teleriscaldamento di Lonato del Garda

C’è il progetto di teleriscaldamento per Lonato del Garda (Brescia) tra i due progetti che sono valsi a Feralpi Siderurgica il titolo di Best Performer dell’economia circolare nella categoria Grandi Imprese Manifatturiere promosso da Confindustria. Premio consegnato durante la fiera Exco 2019 – l’Expo della Cooperazione Internazionale, svoltasi a Roma.

Feralpi Siderurgica si è attestata al primo posto, su oltre 160 progetti presentati dalle imprese partecipanti, grazie a due iniziative che hanno dato concretezza ai principi dello sviluppo sostenibile.

Più nello specifico, il primo dei progetti che sono valsi il premio al Gruppo, fondato nel 1968 e tra i principali produttori siderurgici in Europa, riguarda il teleriscaldamento a servizio del comune di Lonato del Garda. Progetto, che il Gruppo sta portando avanti insieme a Engie, e che prevede l’utilizzo del calore generato dai forni elettrici del suo sito siderurgico, che attualmente producono circa 19 MW termici al giorno, per alimentare la rete di distribuzione dell’energia termica. Rete che si estenderà per circa 5 chilometri e alla quale saranno allacciate la scuola, il municipio, la palestra e altri edifici pubblici del comune bresciano. Il sistema, per il cui sviluppo le due realtà hanno investito 4 milioni di euro, spesa equamente ripartita al 50%, garantirà la mancata emissione in atmosfera di circa 1059 tonnellate di anidride carbonica all’anno e di risparmiare 447 tonnellate equivalenti di petrolio all’anno.

Il secondo progetto, invece, entra ancora di più nell’ambito dell’economia circolare applicata alle grandi imprese manifatturiere. Si tratta infatti del processo messo in atto da Feralpi per il recupero e la reimmissione delle scorie di acciaieria, che, invece di essere destinate alla discarica, vengono trattate per realizzare un nuovo prodotto, denominato Greenstone. Questo, a sua volta, viene utilizzato nel settore delle costruzioni, in sostituzione dei materiali di origine naturale, con un risparmio complessivo di fonti non rinnovabili.

«Con il progetto di teleriscaldamento su Lonato del Garda – ha commentato Giuseppe Pasini, Presidente del Gruppo Feralpi – recuperiamo il calore, non più disperso in atmosfera, rispondendo alla necessità di impostare i cicli produttivi secondo logiche circolari con l’abbattimento dei consumi e del relativo impatto ambientale, tra cui le emissioni di CO2. Recuperare in modo virtuoso le scorie dell’acciaieria va nella stessa direzione».


Leggi anche

Procedono spediti i lavori di Telenergia per la realizzazione della centrale di cogenerazione che teleriscalderà la zona sud della città. La società ha avviato anche i primi scavi per la posa delle condotte in modo da procedere dopo l’estate con gli allacciamenti delle utenze. L’obiettivo è avviare il servizio per le con l’inizio della prossima stagione termica…

Leggi tutto…

Inizierà a breve la realizzazione di un mega impianto solare a servizio della rete di distribuzione del calore di Ludwigsburg, nel Baden-Württemberg. A progettare e realizzare il sistema è l’azienda danese Arcon-Sunmark, vincitrice del bando indetto dalla multiutility locale Stadtwerke Ludwigsburg-Kornwestheim. Pronto entro l’anno, l’impianto occuperà una superficie di 14.800 metri quadri, garantendo una produzione annua di 5.500 MWh termici…

Leggi tutto…

Lo ha sottolineato Lorenzo Spadoni, presidente di AIRU, intervenendo alle audizioni periodiche di ARERA sul Quadro Strategico 2019-2021. Una tecnologia flessibile e l’unica in grado di recuperare e integrare diverse fonti di calore, da quello di scarto dei processi produttivi a quello generato da fonti rinnovabili a quello cogenerato, fornendo un servizio efficiente e sostenibile ai cittadini …

Leggi tutto…

Era il 1999 quando veniva avviata la prima centrale, Monza Centro, che dava il via al servizio di distribuzione del calore nel capoluogo della Brianza. Una storia proseguita con la realizzazione delle altre due centrali, situate nella zona Sud e Nord della città, e con lo sviluppo di una rete che attualmente si estende per oltre 32 chilometri, servendo oltre 300 edifici e oltre 8.000 unità immobiliari…

Leggi tutto…

Il gruppo rafforza la sua posizione in Piemonte perfezionando l’acquisizione di due società attive nella produzione e distribuzione di calore da fonti rinnovabili. Si tratta di A.En.B e della sua controllata A.En.W., che producono e distribuiscono calore generato da biomassa legnosa al comune di Busca, e di Vernante Nuova Energia, che gestisce il sistema, alimentato a cippato, a servizio del quartiere di Borgo San Giuseppe di Cuneo…

Leggi tutto…