Feralpi premiata per il teleriscaldamento di Lonato del Garda

C’è il progetto di teleriscaldamento per Lonato del Garda (Brescia) tra i due progetti che sono valsi a Feralpi Siderurgica il titolo di Best Performer dell’economia circolare nella categoria Grandi Imprese Manifatturiere promosso da Confindustria. Premio consegnato durante la fiera Exco 2019 – l’Expo della Cooperazione Internazionale, svoltasi a Roma.

Feralpi Siderurgica si è attestata al primo posto, su oltre 160 progetti presentati dalle imprese partecipanti, grazie a due iniziative che hanno dato concretezza ai principi dello sviluppo sostenibile.

Più nello specifico, il primo dei progetti che sono valsi il premio al Gruppo, fondato nel 1968 e tra i principali produttori siderurgici in Europa, riguarda il teleriscaldamento a servizio del comune di Lonato del Garda. Progetto, che il Gruppo sta portando avanti insieme a Engie, e che prevede l’utilizzo del calore generato dai forni elettrici del suo sito siderurgico, che attualmente producono circa 19 MW termici al giorno, per alimentare la rete di distribuzione dell’energia termica. Rete che si estenderà per circa 5 chilometri e alla quale saranno allacciate la scuola, il municipio, la palestra e altri edifici pubblici del comune bresciano. Il sistema, per il cui sviluppo le due realtà hanno investito 4 milioni di euro, spesa equamente ripartita al 50%, garantirà la mancata emissione in atmosfera di circa 1059 tonnellate di anidride carbonica all’anno e di risparmiare 447 tonnellate equivalenti di petrolio all’anno.

Il secondo progetto, invece, entra ancora di più nell’ambito dell’economia circolare applicata alle grandi imprese manifatturiere. Si tratta infatti del processo messo in atto da Feralpi per il recupero e la reimmissione delle scorie di acciaieria, che, invece di essere destinate alla discarica, vengono trattate per realizzare un nuovo prodotto, denominato Greenstone. Questo, a sua volta, viene utilizzato nel settore delle costruzioni, in sostituzione dei materiali di origine naturale, con un risparmio complessivo di fonti non rinnovabili.

«Con il progetto di teleriscaldamento su Lonato del Garda – ha commentato Giuseppe Pasini, Presidente del Gruppo Feralpi – recuperiamo il calore, non più disperso in atmosfera, rispondendo alla necessità di impostare i cicli produttivi secondo logiche circolari con l’abbattimento dei consumi e del relativo impatto ambientale, tra cui le emissioni di CO2. Recuperare in modo virtuoso le scorie dell’acciaieria va nella stessa direzione».


Leggi anche

Il consiglio comunale della cittadina in provincia di Monza Brianza ha approvato la convenzione con Brianza Energia Ambiente per realizzare una rete di distribuzione del calore. L’infrastruttura sarà alimentata con l’energia termica generata dal termovalorizzatore di Desio, di proprietà dell’azienda e che serve già diversi comuni della provincia…

Leggi tutto…

La località del comune in provincia di Siena ora è servita dal teleriscaldamento. Alimentato da energia geotermica proveniente da una centrale di Enel Green Power, il sistema è stato progettato dalla stessa azienda e sarà gestito da Ges. Si aggiunge a quello esistente in località La Rota e a quello ora in costruzione a servizio del centro del paese …

Leggi tutto…

A realizzare l’infrastruttura sarà Etc Ecotermica Ciriè, società partecipata al 60% da Edison e per la parte restante da Ecotermica Servizi. Il progetto, del valore di 15 milioni di euro, prevede la realizzazione di una rete dell’estensione di 15 chilometri che riceverà l’energia termica da una centrale di cogenerazione alimentata a gas e a biomasse, provenienti dalla pulizia dei boschi limitrofi…

Leggi tutto…

In occasione del workshop Progetto europeo TEMPO, tenutosi a Brescia il 7 Novembre all’auditorium del termoutilizzatore di A2A, l’Ing. Lorenzo Spadoni, CEO di A2A Calore e Servizi e Presidente di AIRU, ha illustrato i possibili scenari futuri del teleriscaldamento in Italia e in Europa, e gli obiettivi principali e il ruolo di A2A all’interno del Progetto, relativo al teleriscaldamento a bassa temperatura…

Leggi tutto…

Il documento è il primo frutto della collaborazione tra la multiutility, i maggiori operatori del settore e gli ingeneri torinesi, collaborazione che porterà allo sviluppo di 4 linee guida dedicate ai sistemi di distribuzione del calore. Il primo documento analizza il comportamento degli scambiatori di calore in regime di portata variabile, indotto dall’introduzione delle valvole termostatiche …

Leggi tutto…