Firmato il decreto per lo sviluppo dell’idrogeno verde

L’idrogeno verde è candidato a un ruolo di primo piano nel processo di transizione energetica del nostro Paese. Per dare concretezza a tale indirizzo, è arrivata la firma del Ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, al decreto che dà attuazione all’Investimento 5.2 (M2C2), Competitività e resilienza delle filiere produttive, del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). La misura mette a disposizione 450 milioni di euro per finanziare progetti finalizzati allo sviluppo della filiera dell’idrogeno verde.
 

Idrogeno per la transizione energetica

L’introduzione delle tecnologie dell’idrogeno nella rete dei servizi del Paese rappresenta un passo fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi climatici. Questo combustibile è, infatti un alleato prezioso nel processo di decarbonizzazione dell’industria, dei trasporti e del terziario, responsabili di una quantità significativa di emissioni climalteranti. Ciò grazie alla grande versatilità dell’idrogeno, che ne permette lo stoccaggio per lunghi periodi a prezzi più competitivi rispetto ai tradizionali sistemi di accumulo dell’energia. Il tutto combinato al fatto che i sottoprodotti della combustione sono acqua e piccole quantità di ossidi di azoto.
 

Una filiera italiana

Il decreto, ora in fase di registrazione presso la Corte dei Conti, ripartisce le risorse del PNRR tra le diverse linee progettuali individuate per la realizzazione di impianti per la produzione di elettrolizzatori. Sono questi i macchinari che consentono di scomporre le molecole di acqua in ossigeno e idrogeno, utilizzando energia pulita da fonti rinnovabili.

L’obiettivo dell’Investimento 5.2 è di realizzare entro giugno 2026 una filiera tutta italiana con stabilimenti che producano elettrolizzatori e componenti associati, per una potenza complessiva annua di almeno 1 gigawatt. Una potenza che consentirà di soddisfare la domanda di idrogeno verde.
 

La ripartizione dei fondi

Dei 450 milioni complessivi previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il decreto assegna 250 milioni a progetti IPCEI (Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo) per la realizzazione di impianti per la produzione di elettrolizzatori. I restanti 200 milioni sono invece destinati a ulteriori progetti che saranno selezionati attraverso avvisi pubblici di prossima pubblicazione. Tali progetti riguardano la realizzazione sia di ulteriori impianti per la produzione di elettrolizzatori sia di impianti per la produzione di componenti a servizio degli elettrolizzatori stessi.

Attraverso questo investimento l’Italia punta a espandere il mercato dell’idrogeno e a diventare un Paese leader in un settore altamente innovativo, creando nuove competenze e posti di lavoro.

 


Leggi anche

Le due società, con CDP e i fondi Macquarie e KKR, hanno siglato un Memorandum of Understanding per avviare il processo di integrazione delle infrastrutture e dare vita a un unico operatore nazionale delle reti di telecomunicazione. Obiettivo di tutta l’operazione è di accelerare la diffusione della fibra ottica e delle infrastrutture VHCN su tutto il territorio nazionale…

Leggi tutto…

Martedì 21 giugno, durante la live demo di 45 minuti circa organizzata in collaborazione con Servizi a Rete, l’esperto VEGA Alessio Cannizzo mostrerà come rendere sicuri i processi delle acque reflue, comprese le soluzioni ATEX più semplici.
Clicca qui per riservare il tuo posto

Leggi tutto…

È alimentata con fonti rinnovabili, ovvero con gli scarti della filiera vitivinicola di gruppo Caviro e con gli sfalci e le potature del verde pubblico forniti da Herambiente, la centrale di cogenerazione cuore del sistema di teleriscaldamento di Enomondo. L’energia termica viene distribuita attraverso una rete, dell’estensione di 1,2 chilometri, alla quale sono allacciate diverse utenze industriali, artigianali e domestiche…

Leggi tutto…

Di fronte alle sfide legate alla diminuzione delle risorse naturali, all’urbanizzazione, alla digitalizzazione e alla cybersecurity i BIG DATA diventano per le utility acqua & energia indispensabili. Grandi quantità di dati permettono di gestire al meglio la catena di valore del ciclo dell’acqua: dalla gestione delle infrastrutture e il monitoraggio della qualità della risorsa ai processi aziendali. Come utilizzare al meglio questi BIG DATA nella digital transformation delle reti idriche? Con quali soluzioni tecnologiche?…

Leggi tutto…

Siglata l’intesa tra il secondo operatore e l’amministrazione del comune potentino, che permetterà di estendere la rete di distribuzione del metano di ulteriori 750 metri, per garantire il servizio ad una nuova porzione di territorio. L’accordo prevede anche il rinnovamento di quasi di due chilometri di vecchie condotte nel centro storico del Comune…

Leggi tutto…