Fognature sotto sequestro a Vibo Valentia


La Guardia di Finanza ha eseguito il sequestro preventivo della rete fognaria di Vibo Valentia Ovest
e di parte della rete di Vibo Centro. Il provvedimento è stato disposto dalla procura della Repubblica nell’ambito di indagini avviate a seguito dell’apertura, lo scorso gennaio, di una voragine in pieno centro abitato, determinata dal cedimento di un cunicolo utilizzato, in modo incontrollato, come canale di scolo delle acque reflue urbane. Gli accertamenti, secondo la procura, hanno delineato, oltre a una serie di reati ambientali, provocati dallo sversamento sul suolo di una cospicua parte degli scarichi fognari, anche una serie di negative ripercussioni sul già compromesso assetto idrogeologico del territorio.
L’operazione è eseguita dalla Guardia di Finanza, anche con l’impiego di mezzi aerei, dal Comando provinciale dei Vigili del Fuoco e dalla sezione di Polizia Giudiziaria – Tutela ambiente e territorio della procura. L’operazione di servizio prevede anche l’acquisizione di documenti da parte della Guardia di Finanza, finalizzata alla verifica del corretto impiego di fondi da tempo stanziati dalla Regione Calabria per interventi di adeguamento e manutenzione della rete fognaria del capoluogo.
Gli accertamenti seguiti all’apertura della voragine, nel corso dei quali sono state effettuate anche numerose analisi chimiche da parte dell’Arpacal, l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente, hanno evidenziato una situazione di grave criticità della rete fognaria del capoluogo, caratterizzata da significative quantità di reflui fognari che non arrivano alle piattaforme depurative, ma che vengono sversati direttamente in corsi d’acqua, da dove raggiungono le acque costiere, e sul suolo.
Le numerose analisi chimiche disposte dalla Procura hanno, inoltre, evidenziato il superamento dei limiti di concentrazione di Escherichia Coli e la presenza, significativa e fuori parametro, di metalli pesanti, tra i quali mercurio e ferro. Nel provvedimento vengono, pertanto, contestati una serie di reati ambientali che vanno dallo scarico di reflui fognari non depurati in corsi d’acqua naturali o direttamente sul suolo, alla violazione dolosa delle disposizioni di legge in materia di tutela delle acque, del suolo, del sottosuolo, al danneggiamento e al getto pericoloso di cose. La Guardia di Finanza ha anche accertato che ‘il grave deterioramento del sistema fognario interagisce con movimenti franosi e con l’intrinseca debolezza di un territorio il cui assetto idrogeologico appare piuttosto compromesso, per come già emerso in precedenti indagini svolte dalla Procura, che hanno portato al sequestro della strada di collegamento tra la Provinciale per Triparni e Viale della Pace, nella zona sita in località Cancello Rosso (operazione ‘red Gate’) e al sequestro della Tangenziale Est di Vibo Valentia’.
Nel disporre il sequestro, la Procura ha riconosciuto la facoltà d’uso delle strutture sottoposte a vincolo e ha nominato il sindaco pro tempore di Vibo Valentia quale amministratore giudiziario del sistema, con l’incarico di attivarsi per realizzare le prescrizioni dettagliatamente riportate nel decreto di sequestro, finalizzate a porre fine alle criticità nel funzionamento della rete fognaria.


Leggi anche

Avviati i lavori per la realizzazione e la razionalizzazione del sistema fognario di San Pierino, frazione del comune in provincia di Firenze. L’opera, del valore di 1,2 milioni di euro, nasce per porre fine agli scarichi in ambiente. Prevede infatti la costruzione di 4 nuovi chilometri di condotte alle quali verranno allacciate le utenze esistenti, che consentiranno di far confluire i reflui verso il depuratore Cuoiodepur che sorge a San Miniato…

Leggi tutto…

Conclusi i lavori, per un valore di 2,2 milioni di euro, del secondo lotto del progetto La Vettola-San Piero, avviato dal gestore idrico del Basso Valdarno per dotare le due frazioni di una rete fognaria e garantire il collettamento di tutti i reflui fognari provenienti dalla zona sud-est della città verso il sistema depurativo…

Leggi tutto…

Il progetto presentato dalla società, che gestisce il servizio idrico in 53 comuni del Veneto Orientale, riguarda il quartiere Fiera e prevede la posa di circa 1.000 metri di nuova fognatura nera, oltre 1.400 metri di rete acquedottistica e 180 metri di condotte per le acque meteoriche. I lavori partiranno a breve e si protrarranno per 7 mesi, per un costo complessivo di 1,1 milioni di euro…

Leggi tutto…

“Una rete per fare impresa”. Questo il titolo dei Seminari IWS realizzati il 17 e 18 ottobre 2018 in occasione dell’ultima edizione di H2O a Bologna. L’iniziativa ha coinvolto utilities, ricercatori, ingegneri, tecnici e progettisti, registrando una grande affluenza di pubblico specializzato….

Leggi tutto…

Un maxi progetto, unico in Italia, che prevede l’installazione di 1000 apparecchi di misurazione lungo 2.700 km. di condotte. Prima, la modellazione idraulica. Poi, le videoispezioni. E adesso, il monitoraggio costante delle portate. BrianzAcque sta eseguendo un check up completo dell’intero sistema delle reti fognarie. Obiettivo? Conoscerne lo stato di salute, individuarne potenzialità e punti deboli, così da riuscire a intervenire in via preventiva e in modo sempre più mirato sull’intero sistema di sottoservizi. …

Leggi tutto…