Fondo Marguerite e Italgas per la distribuzione gas in Sardegna

Si arricchisce di un nuovo, importante partner il progetto di Italgas per la realizzazione delle reti di distribuzione del gas naturale in Sardegna. Si tratta del fondo infrastrutturale europeo Marguerite II, partecipato dalla Banca europea per gli investimenti (Bei) e da alcuni dei principali istituti europei di promozione nazionale, quali la nostra Cassa depositi e prestiti, la francese Caisse des dépôts group, la polacca Bgk, la tedesca KfW e la spagnola Ico.

Lanciato nel 2017 per sostenere lo sviluppo di progetti nei settori dell’energia, delle rinnovabili, dei trasporti e delle infrastrutture digitali, contribuendo all’attuazione delle politiche comunitarie in materia di cambiamenti climatici, sicurezza energetica e reti transeuropee, Marguerite II, dopo un’attenta selezione e valutazione del progetto, ha sottoscritto con Italgas un accordo per l’ingresso nell’azionariato di Medea e Medea Newco. Queste sono le due società del Gruppo Italgas che operano sull’isola nell’ambito, rispettivamente, della distribuzione e della vendita di gas.

Medea serve 45.000 clienti, oggi alimentati a gpl, e ha in corso la realizzazione delle reti di distribuzione cittadine del gas in 10 bacini sui 19 totali in concessione. Il valore degli asset detenuti al 31 dicembre 2018 è pari a 91,2 milioni di euro, cui va aggiunto il valore delle acquisizioni effettuate nel corso di quest’anno, ovvero il ramo d’azienda di Isgas, titolare delle concessioni per la distribuzione del gas nei comuni di Cagliari, Nuoro e Oristano.

L’accordo con Marguerite II prevede che questo acquisisca il 48,15% del capitale sociale di Medea e Medea Newco, con un investimento iniziale di circa 25 milioni di euro e successivi aumenti di capitale per complessivi 44 milioni di euro circa destinati a finanziare pro-quota gli investimenti previsti per l’isola dal Piano industriale Italgas 2019-2025.

Il perfezionamento dell’operazione è previsto entro la fine dell’anno ed è subordinato al verificarsi di alcune condizioni sospensive.

«L’ingresso in Medea di un investitore dall’alto profilo istituzionale europeo e con un approccio di lungo periodo come Marguerite è il riconoscimento del valore e della strategicità del nostro “progetto Sardegna” – ha commentato l’amministratore delegato di Italgas, Paolo Gallo. Grazie a un equilibrato piano di acquisizioni e investimenti tecnici, in due anni abbiamo assunto nell’isola un ruolo chiave nella realizzazione delle infrastrutture energetiche cittadine che costituiscono il presupposto per lo sviluppo sostenibile del territorio».

«Siamo lieti di unirci a Italgas per sostenere la sua strategia di crescita in Sardegna – ha dichiarato Nicolas Merigo, amministratore delegato di Marguerite. Questa opportunità di investimento è uno dei pochissimi grandi progetti di sviluppo della distribuzione del gas in Europa e porta grandi benefici alla Sardegna».


Leggi anche

Dopo tanti rinvii, l’assemblea dei sindaci ha finalmente approvato la convenzione che dà il via all’iter per la gara per aggiudicare il servizio di distribuzione gas nell’Atem 146, che comprende 117 comuni irpini. Il nuovo concessionario sarà scelto con bando europeo, gestirà per 12 anni un’infrastruttura che si sviluppa in totale per 1541 km, del valore di circa 10 milioni di euro di fatturazione all’anno …

Leggi tutto…

 
Il sistema di saldatura Plastfast, brevettato da Plastitalia, informa l’operatore sui tempi di raffreddamento e di collaudo del giunto. È una novità tecnologica tutta made in Italy….

Leggi tutto…

Nel segno della transizione energetica il nuovo piano 2019-2023 del gestore della rete di trasporto gas. Il volume degli investimenti, rispetto alla precedente strategia, cresce del 14%, con un maggior impegno sia sul territorio, con la sostituzione di 1000 km di condotte e risorse aggiuntive per 400 milioni, sia sui nuovi business green, con 1,4 i miliardi a sostegno del progetto SnamTec…

Leggi tutto…

I lavori, che interessano le frazioni di Prata e Niccioleta, prevedono la posa di circa 8 chilometri di condotte in PE. Una volta in funzione, 7,5 chilometri di rete saranno gestiti a media pressione, mentre la parte restante a bassa pressione. L’intervento che sarà concluso entro la prossima estate, permetterà agli abitanti delle due località di usufruire dei vantaggi legati all’utilizzo del metano, in sostituzione del Gpl attualmente impiegato…

Leggi tutto…

Molto più di un semplice misuratore di consumi, il nuovo dispositivo è dotato di tecnologie e funzionalità avanzate che garantiscono maggiore sicurezza ed efficienza alle utenze e al sistema. Nei prossimi mesi sarà avviata una campagna per l’installazione dei primi 300.000 apparecchi in Friuli ed Emilia-Romagna, con un investimento di 45 milioni di euro…

Leggi tutto…